33 anni dopo, il massacro di piazza Tienanmen è ancora importante per il mondo

Di Dorothy Li

Secondo tre attivisti cinesi, il Partito Comunista Cinese sta esportando la sua tirannia in tutto il mondo proprio perché gli Stati Uniti gli hanno permesso di farla franca 33 anni fa, durante il massacro di Piazza Tienanmen.

Il 3 giugno 1989 è stata una notte sanguinosa per i manifestanti cinesi pro-democrazia. I carri armati sono scesi verso piazza Tienanmen, il cuore della capitale cinese, schiacciando studenti e oggetti sulla loro strada. Lacrimogeni e proiettili hanno invaso la piazza.

I manifestanti in preda al panico hanno caricato i corpi inerti su biciclette, autobus e ambulanze per traghettarli via. Si stima che migliaia di manifestanti disarmati siano morti.

La strage ha scioccato il mondo. In risposta, il presidente degli Stati Uniti George Bush ha condannato il massacro, sospeso le spedizioni di armi alla Cina e imposto alcune sanzioni.

«Ma sono andati avanti rapidamente», ha commentato Li Hengqing, un ex leader studentesco del 1989 che ora vive a Washington. Li ha sottolineato che la maggior parte delle sanzioni è stata presto revocata e l’impegno economico è ripreso: «Mi capita di credere che i contatti commerciali abbiano portato, in sostanza, a questa ricerca di maggiore libertà», aveva affermato Bush alla conferenza stampa tenuta il giorno dopo il massacro di Tienanmen. «Penso che, nel momento in cui le persone hanno incentivi commerciali, sia in Cina che in altri sistemi totalitari, il passaggio alla democrazia diventa più inesorabile».

Descrivendo questa teoria come «estremamente ridicola», Yuan Hongbing, uno studioso cinese che è stato successivamente sospeso dal servizio per aver partecipato alle proteste di Tiananmen, ha affermato che la politica di impegno di Washington con la Cina ha giovato al Pcc e ha aiutato il regime comunista ad accumulare potere economico nei tre seguenti decenni.

«La [risposta, ndr] dell’Occidente ha incoraggiato il Pcc», ha riferito Chen Weijian, un commentatore cinese che ha lasciato la Cina per la Nuova Zelanda due anni dopo la repressione di Tienanmen.

Dopo 33 anni, «lo sviluppo economico non ha portato a una Cina libera», ha affermato Chen, che è stato il fondatore di una rivista cinese pro-democrazia ed è stato indagato per aver sostenuto le manifestazioni del 1989. Invece, il Pcc sta cercando di usare il potere economico per «cambiare il governo della comunità internazionale» ed esportare il suo modello repressivo di controllo nel mondo intero.

Chen ha citato una conversazione tra il leader cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Durante un recente discorso alla classe di diplomati dell’Accademia Navale, Biden ha spiegato che Xi gli aveva detto che la democrazia sarebbe caduta e che «le autocrazie avrebbero dominato il mondo». «Quando mi ha chiamato per congratularsi con me la notte delle elezioni, mi ha detto quello che aveva detto molte volte prima», ricorda Biden il 27 maggio, riferendosi a Xi. «Ha detto: “Le democrazie non possono essere sostenute nel 21° secolo. Le autocrazie guideranno il mondo. Come mai? Le cose stanno cambiando così rapidamente. Le democrazie richiedono un consenso, e ci vuole tempo e tu non ne hai il tempo”».

«Ha torto», ha replicato Biden.

Censurato in Cina

Hong Kong, l’ultimo luogo per commemorare le vittime del massacro del 1989 sul suolo controllato dal Pcc, ha vietato le veglie di massa tre anni fa, citando la pandemia come motivazione, nel mezzo di una più ampia repressione delle libertà nella città per mano del regime comunista.

I leader del gruppo dietro la veglia annuale sono attualmente in custodia, accusati di sovversione ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale imposta dal Pcc: sono tra le oltre 150 persone che sono state accusate o condannate in base alla legge draconiana che è stata utilizzata per spazzare via il dissenso nel centro democratico un tempo fiorente.

Nell’anniversario di quest’anno, decine di poliziotti hanno pattugliato il Victoria Park, dove in precedenza si teneva la veglia annuale a lume di candela.

Nella Cina continentale, le proteste di piazza Tienanmen, un movimento guidato dai giovani che sostenevano le riforme democratiche, sono ancora un argomento tabù. Ad oggi, il regime comunista cinese non ha rivelato il numero o i nomi delle persone uccise nel violento giro di vite.

Il regime ha cercato di cancellare tutti i ricordi del sanguinoso massacro cancellando ogni menzione dell’evento dall’internet del Paese e molestando spesso i parenti delle vittime per assicurarsi che rimanessero in silenzio. Di conseguenza, le giovani generazioni di cinesi non sono a conoscenza di ciò che è successo quella notte.

Sebbene il regime continui a sopprimere i ricordi della giornata, il segretario di Stato Antony Blinken, il 3 giugno ha affermato che gli Stati Uniti «continueranno a parlare e promuovere la responsabilità per le atrocità del regime cinese e le violazioni dei diritti umani da parte di esso, comprese quelle a Hong Kong, Xinjiang e Tibet». «Al popolo cinese e a coloro che continuano a opporsi all’ingiustizia e cercano la libertà: non dimenticheremo il 4 giugno».

Pandemia

Quest’anno, Piazza Tienanmen è stata chiusa settimane prima del 4 giugno, come parte delle misure di prevenzione della pandemia nell’ambito della politica «Zero-Covid» del regime. L’approccio draconiano, che si presume mirasse a eliminare ogni infezione all’interno delle comunità imponendo lockdown e quarantene obbligatorie, ha causato carenza di cibo e ritardato l’assistenza medica per milioni di persone in isolamento in tutto il Paese.

Chen ritiene che «il [Pcc, ndr] vuole controllare il virus attraverso un approccio che non rispetta i diritti umani fondamentali, che è lo stesso del 4 giugno». Il caso di Li Wenliang , un medico che è stato tra i primi a lanciare l’allarme sull’epidemia iniziale di Covid-19 a Wuhan, è stato un promemoria per il mondo su come la repressione del Pcc potrebbe influenzarli. Il medico è stato rimproverato dalla polizia nel gennaio 2020 quando le autorità intendevano minimizzare la gravità dell’epidemia. Li in seguito è morto a causa del virus. L’attuale pandemia sarebbe stata diversa se il regime non avesse censurato l’informatore e altri che hanno cercato di dare l’allarme.

«Finalmente il mondo sta iniziando a capire il Pcc ora», ha concluso Chen.

 

Articolo in inglese: 33 Years Later, Tiananmen Square Massacre Still Matters to World, Chinese Activists Say

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >