400 milioni di persone hanno abbandonato il Partito Comunista Cinese

NEW YORK—L’imprenditore cinese Chen Quanhong ha un messaggio che vuole comunicare al mondo: ‘Tuidang‘. Si tratta di un’espressione cinese che significa ‘lasciare il Partito’.

Le parole sono state stampate su una bandiera gialla che Chen ha portato a una parata a Washington, il 21 luglio, per evidenziare la miriade di violazioni di diritti umani da parte del Partito Comunista Cinese (Pcc)

Chen è ora uno dei 400 milioni di cinesi che hanno rinunciato ai loro legami con il Pcc e le sue organizzazioni affiliate.

A giugno, l’imprenditore della provincia orientale cinese di Shandong ha rilasciato una dichiarazione in cui ha rotto formalmente i suoi legami con il Partito, diventando parte di un movimento che dura da quasi due decenni e che ha cercato di rivelare la storia di inganni e uccisioni del Partito, dando ai cinesi un’opportunità per dissociarsi da esso.

«In Cina, non ero diverso da un verme calpestato dal potere autoritario, che non osava muoversi un po’», ha detto Chen a Epoch Times. «Solo quando sono venuto in America ho iniziato a sentirmi una persona, perché finalmente non c’era più la pressione del Partito Comunista».

La parata di Washington è stata la prima nel suo genere a cui Chen, di circa 50 anni, si è mai unito. Si è tenuta poco prima del raggiungimento di una pietra miliare importante per il movimento Tuidang: il traguardo di 400 milioni di persone che hanno rinunciato alle loro affiliazioni al Partito. Il numero è stato raggiunto e superato il 3 agosto.

«400 milioni, questo numero è maggiore dell’intera popolazione di alcuni Paesi», ha detto a Epoch Times Yi Rong, presidente del Global Tuidang Center di Flushing, New York. «Un gruppo così numeroso che abbandona il Pcc e si allontana dai suoi crimini, stimolerà un cambiamento positivo nella società cinese».

Man mano che sempre più persone si uniscono alla ricerca della libertà – ha aggiunto Chen – una ‘nuova Cina’ libera dal controllo comunista appare sempre più vicina.

Ricordi oscuri

La storia di omicidi del Partito durante il suo governo in Cina ha lasciato generazioni di famiglie spezzate e segnate, inclusa quella di Chen.

La madre di Chen aveva circa 21 anni quando perse sua madre durante la Grande Carestia, un disastro causato dall’uomo dal 1959 al 1961, risultante dalle politiche industriali dell’allora leader del Pcc Mao Zedong, che portarono decine di milioni di persone a morire di fame.

Spinte dalla fame, la nonna e la zia diciassettenne di Chen hanno preso circa mezzo sacco di baccelli di fagioli mung dalla terra che il regime aveva collettivizzato. Quando sono state scoperte, le autorità le hanno denunciate pubblicamente e le hanno picchiate. La nonna di Chen, dopo essere stata bendata e circondata da un gruppo di teppisti che l’hanno presa a pugni e schiaffi, è morta circa 10 giorni dopo.

Ricordi oscuri come questi, raccontati dalla madre di Chen a pezzetti nel corso degli anni, o raccolti attraverso la lettura della storia, hanno aiutato l’uomo d’affari a vedere la natura del Partito, nonostante la ripetuta pretesa di quest’ultimo di dichiararsi il ‘salvatore del popolo’.

Dei praticanti del Falun Gong prendono parte a una parata per commemorare il 23° anno trascorso dall’inizio della persecuzione della disciplina spirituale in Cina. Chinatown, New York, 10 luglio 2022. (Larry Dye/Epoch Times)

Il movimento Tuidang

Il movimento Tuidang è iniziato nel 2004, stimolato dalla pubblicazione dei Nove Commentari del Partito Comunista, un libro pubblicato dall’edizione in lingua cinese di Epoch Times (poi tradotto in varie lingue, compreso l’italiano) che descrive in dettaglio la brutalità e l’inganno perpetrati sotto il regime totalitario.

Da allora, milioni di copie del libro si sono fatte strada in Cina. Molti di coloro che hanno contribuito a distribuire queste copie erano praticanti del Falun Gong, una disciplina spirituale che il regime ha cercato di spazzare via con una campagna di arresti, torture e diffamazione a livello mondiale negli ultimi 23 anni e oltre.

Il Falun Gong è una pratica di meditazione che consiste in un insieme di credenze morali incentrate sui principi di verità, compassione e tolleranza. La sua enorme popolarità in Cina durante gli anni ’90, con un picco di circa 100 milioni di praticanti nel 1999, è stata considerata una minaccia alla presa autoritaria del Pcc.

Come proprietario di un ristorante nello Shandong, Chen una volta ha ricevuto materiale informativo sul Falun Gong da due praticanti che hanno cenato nel suo locale, che ha ricordato come «incredibilmente pacifici e gentili».

La loro tenacia nonostante l’implacabile repressione statale lo ha sbalordito. È rimasto sorpreso positivamente anche a Flushing, New York City, a luglio, quando si è imbattuto in uno stand informativo del Falun Gong che incoraggiava le persone a ritirarsi dal Partito e dai suoi affiliati.

«Ho solo pensato: che tipo di persone arresterebbero coloro che perseguono la verità, la compassione e la tolleranza? Sicuramente non brave persone», ha detto, citando i tre valori fondamentali del Falun Gong. Al Global Tuidang Center di Flushing, un volontario gli ha regalato una copia dei Nove Commentari. Lo ha letto tre volte e sa di non voler più essere affiliato al Partito.

Una donna si unisce ai praticanti del Falun Gong per tenere una veglia a lume di candela al Lincoln Memorial a Washington, il 20 luglio 2017, per onorare coloro che sono morti durante la persecuzione in Cina iniziata il 20 luglio 1999 dal regime cinese (Epoch Times)

Rompere con il controllo del Partito

Il Pcc ha tre organizzazioni per diversi gruppi di età: i Giovani Pionieri, per i bambini di età pari o inferiore a 14 anni; la Lega della Gioventù Comunista, per i giovani tra i 14 ei 28 anni, e l’appartenenza al Partito stesso.

Sebbene l’essere membro delle ultime due non sia obbligatorio, l’appartenenza al Partito è ancora considerata una credenziale necessaria per chiunque aspiri a una carriera nel governo o nelle imprese statali. Secondo i dati statali, nel 2021, la Cina aveva circa 110,4 milioni di giovani pionieri, 73,7 milioni di membri della Lega della gioventù e 96,7 milioni di membri del partito. Questo per un totale di 280,8 milioni, un quinto della popolazione cinese.

La cifra di 400 milioni, che rappresenta le persone che hanno ritirato la propria affiliazione al Partito, copre chiunque abbia fatto parte del Partito o di entità affiliate anche in passato, compresi coloro che sono stati automaticamente cancellati dalle organizzazioni giovanili per ragioni d’età. Molti residenti in Cina continentale o che hanno relazioni lì, scelgono inoltre di usare uno pseudonimo per paura di ritorsioni del regime.

Entrando a far parte di ciascuno degli enti affiliati del Partito, l’individuo deve fare voto di dedicare la propria vita al Partito. Una tale promessa essenzialmente vincola la persona al regime anche se l’età automaticamente annulla l’iscrizione ai gruppi giovanili, secondo quanto ha affermato Yi, presidente del Centro Tuidang.

Per annullare il giuramento è necessaria quindi una dichiarazione formale.

«Poiché hai dato la vita al Partito, non sei più una persona libera. Non puoi controllare la tua vita», ha dichiarato Yi. «Per questo motivo il Partito Comunista ha la libertà di massacrare i cinesi, fare il lavaggio del cervello, ingannarli e perseguitarli a loro piacimento».

Al momento, il Tuidang Center riceve circa 50 mila richieste ogni giorno, secondo le stime del centro stesso.

Cambio di atteggiamento

A Taiwan ci sono circa 3.000 volontari che sostengono il movimento Tuidang. Ogni mese, secondo un coordinatore, Bai Dexiong, circa 20 mila cinesi continentali accettano di rinunciare alle loro affiliazioni al Partito dopo aver parlato con loro al telefono o di persona.

Bai ha raccontato il caso recente di un uomo dello Shandong cinese che ha cercato assistenza in uno dei centri di Tuidang. L’uomo sembrava tra i 20 ei 30 anni. Si è descritto come un ex nazionalista che si agitava alla minima critica al Pcc.

Il suo atteggiamento è cambiato quando essendo risultato positivo al Covid-19 le autorità hanno sigillato la porta del suo appartamento e l’hanno rinchiuso all’interno, impedendogli di svolgere attività di base come l’acquisto di cibo. Ha perso il lavoro durante il periodo di quarantena. Ha trascorso il suo nuovo tempo libero su Internet e, utilizzando la rete privata virtuale per aggirare la censura digitale del Pcc, si è informato voracemente sul passato del regime e si è vergognato della sua precedente ignoranza, secondo quanto l’uomo stesso ha raccontato al volontario.

Il regime può incolpare solo se stesso per il crescente fascino del movimento Tuidang, dice Yi, secondo cui le politiche draconiane di lockdown sono state solo l’ultima dimostrazione del suo disprezzo per la vita umana.

‘Abbasso il Partito Comunista’

Il movimento si sta diffondendo anche nella Cina continentale.

Zeng Hanxiao, un 26enne della provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina, ha dovuto scontare quattro mesi di detenzione dopo aver espresso sostegno a un dissidente nella lista dei ricercati del partito.

Ha chiesto di lasciare i Giovani Pionieri in aprile dopo aver appreso di Tuidang. «Tuidang è una sorta di rinascita e redenzione», ha dichiarato Zeng a Epoch Times all’epoca della sua decisione, aggiungendo che la sua anima ora è «pulita».

Poco dopo, Zeng è stato nuovamente arrestato per aver gridato slogan come «abbasso il partito comunista» davanti al Consolato Generale degli Stati Uniti a Guangzhou. È stato rilasciato su cauzione il 28 luglio dopo essere stato picchiato alla testa dalla polizia e aver subito un prolungato isolamento.

Dopo il suo rilascio, Zeng ha detto di essere stato incoraggiato a conoscere il movimento Tuidang.

«Mostra quante persone sono con me, contro il Pcc».

 

Articolo in inglese: 400 Million Cut Their Ties With the CCP in Defiance of Communist Control

 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >