6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti

Di Joseph M. Hanneman

Il bastone d’acciaio temprato ha emesso il suono più inquietante possibile, rimbalzando sul cranio di Victoria White. Variava tra un clic vuoto e uno schiocco più profondo, a seconda di dove l’arma di metallo le colpiva la testa.

«Per favore, non picchiarla!» gridava un uomo tra la folla.

Era il caos all’ingresso del tunnel di West Terrace del Campidoglio degli Stati Uniti nel pomeriggio del 6 gennaio 2021. All’esterno, migliaia di persone che avevano partecipato al raduno «Save America» ​​del presidente Donald Trump si aggiravano sulla terrazza, mentre gruppi di rivoltosi combattevano contro la polizia vicino al tunnel.

Dal tunnel veniva fuori una cacofonia quasi demoniaca.

«Non ti ho nemmeno toccato», ha gridato una donna. «Ho bisogno di aiuto! Ho bisogno di aiuto», ha gridato un uomo.

«Alzati, dannazione!» intonava un poliziotto in tenuta antisommossa. «Uscire!», ha tuonato un altro.

Poi un urlo agghiacciante, seguito dal suono assordante di una sirena di emergenza.

Victoria White appare quasi al collasso in diverse parti di un video di cinque minuti. (Screenshot/Joseph McBride)

Dopo aver ripetutamente colpito la White alla testa, l’agente in bianco ha riposto il manganello. Poi ha stretto un pugno con la mano sinistra nuda e ha colpito la signora in faccia.

«Oh, no-no-no! Per favore! Per favore, non picchiarla!», ha gridato qualcuno, senza alcun effetto.

Dopo tre colpi di nocca a piena forza alla testa di White, l’agente in bianco si è fermato. Poi ha colpito altre due volte. Le ha afferrato i capelli dietro la testa e li ha tirati con forza.

La White sembrava stordita e confusa. Aveva uno sguardo vuoto. Un altro agente è intervenuto con il suo manganello in un apparente tentativo di prevenire altri colpi. L’agente in bianco ha afferrato il braccio del suo collega e glielo ha spinto indietro.

La quasi incredibile violenza inflitta alla signora White disarmata, alta circa 1 metro e sessanta, fornisce un netto contrasto con la narrazione comune secondo cui quella del 6 gennaio sarebbe stata un’insurrezione portata avanti da folle di sostenitori di Trump che volevano rovesciare il governo.

La White è stata vittima di brutalità. Il suo avvocato sta preparando una causa civile. La sua è una delle storie nascoste del 6 gennaio, svelata solo dopo che un giudice federale ha ordinato che tre ore di video di sorveglianza sui detenuti, dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, fossero rilasciate all’avvocato della vittima.

Il divario politico si allarga

La voluminosa copertura mediatica nelle settimane che precedono il primo anniversario del 6 gennaio dimostra il divario sostanziale e crescente tra americani di diverse tendenze politiche. La narrazione prevalente è che i sostenitori di Trump, infuriati dal suo discorso del 6 gennaio all’Ellipse, siano scesi al Campidoglio degli Stati Uniti in un violento tentativo di capovolgere la democrazia.

Una grande folla di sostenitori di Trump – le stime andavano da 30.000 nella fascia bassa a 2 milioni nella fascia alta – hanno affollato l’Ellipse per sentire il presidente inveire contro le elezioni presidenziali del 2020. Trump ha sostenuto, insieme a milioni di sostenitori, che una diffusa frode elettorale in Stati chiave come Pennsylvania, Michigan, Georgia, Arizona e Wisconsin lo avesse derubato di un secondo mandato e avesse posto il democratico Joe Biden a capo di un governo illegittimo.

Il discorso è iniziato circa un’ora dopo il previsto. Ben prima che Trump concludesse le sue osservazioni, un gruppo di manifestanti ha violato una barriera leggermente sorvegliata sulla passerella pedonale del Campidoglio e si è diretto rapidamente verso il Campidoglio. Nel momento in cui la folla di partecipanti al raduno ha fatto la lunga passeggiata verso il Campidoglio, la recinzione perimetrale e i segnali di sicurezza che indicavano che il sito era limitato, erano stati metodicamente rimossi.

Quando decine di migliaia di manifestanti hanno circondato il Campidoglio, sono scoppiate le violenze. Alcune finestre sono state rotte e i manifestanti sono saliti all’interno, subito dopo le 14. In altri ingressi, i manifestanti hanno trovato porte aperte e sono entrati come turisti.

Le circostanze della peggiore violenza sono fortemente contestate, ma i risultati sono stati reali. La sostenitrice di Trump Ashli ​​Babbitt, 35 anni, è stata colpita e uccisa da un agente di polizia del Campidoglio mentre tentava di entrare nella lobby dell’oratore. White e altri sono stati picchiati dalla polizia dentro o vicino al tunnel di West Terrace, dicono gli avvocati.

Aaron Babbitt con sua moglie, Ashli, che è stata uccisa al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. «Amava la vita», ha detto. (Per gentile concessione di Aaron Babbitt)

Circa 140 poliziotti sono rimasti feriti durante gli scontri con i rivoltosi. L’agente della polizia del Campidoglio Brian Sicknick è morto il 7 gennaio 2021, anche se alla fine è stato stabilito che la sua morte è stata dovuta a cause naturali. L’agente della polizia del Campidoglio Howard Liebengood e l’agente della polizia metropolitana di Washington Jeffrey Smith, entrambi in servizio al Campidoglio, si sono tolti la vita nelle settimane successive al 6 gennaio.

Il presidente Joe Biden ha descritto il 6 gennaio come «il peggior attacco alla nostra democrazia dalla guerra civile». L’Associated Press ha affermato che è stato «l’attacco più prolungato alla sede della democrazia americana dalla guerra del 1812». Steven Sund, ex capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti, lo ha definito «un violento attacco coordinato al Campidoglio degli Stati Uniti da parte di migliaia di insurrezionisti armati e ben equipaggiati».

Molti americani non vedono quelle parole come un’iperbole, e insistono sul fatto che le folle alimentate da Trump intendessero distruggere il Congresso degli Stati Uniti e rovesciare il governo federale.

Dall’altra parte della barricata politica ci sono quelli che rifiutano quella narrazione dominante e affermano che, se il 6 gennaio è stato molte cose, non è stata un’insurrezione. Considerano quella caratterizzazione come un modo conveniente per sopprimere la verità.

La vera storia del 6 gennaio, credono, rimane nascosta in circa 14 mila ore di video di sorveglianza da tutto il Campidoglio. Parti di quel video verranno senza dubbio svelate quando alcune delle oltre 725 persone arrestate per presunti crimini legati al 6 gennaio verranno processate.

Qualunque sia il nome del caos di quel giorno infame, una cosa sembra chiara. L’intera storia del 6 gennaio non è stata raccontata. Un anno dopo, l’eredità del 6 gennaio è una scia di domande preoccupanti, le cui risposte potrebbero scuotere la politica americana e approfondire il divario tra i suoi cittadini.

Ci sono prove di tradimento o sedizione?

In risposta alle violenze al Campidoglio, l’Fbi ha avviato una delle indagini più ampie della sua storia. Gli agenti hanno esaminato attentamente i video dei telefoni cellulari, i post sui social media, i video di sorveglianza e i filmati delle telecamere della polizia, per identificare coloro che erano al Campidoglio quel giorno. L’Fbi ha aperto un numero verde per fornire informazioni e ha pubblicato video e fotografie dei manifestanti. Le segnalazioni sono arrivate da molte fonti, inclusi vicini e familiari che hanno denunciato i loro parenti.

Delle oltre 725 persone arrestate nell’ultimo anno, nessuna è stata accusata di tradimento o sedizione. Almeno 225 imputati sono stati accusati di aggressione, resistenza o impedimento alla polizia, inclusi 75 che avrebbero usato un’arma mortale o pericolosa o causato gravi lesioni personali a un ufficiale.

Due uomini scavalcano altri manifestanti e si lanciano contro gli agenti di polizia a guardia dell’ingresso del tunnel di West Terrace al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. (Cattura schermo tramite The Epoch Times)

L’accusa più comune emessa dai pubblici ministeri federali, che ha coinvolto 640 individui, è stata quella di essere entrati o rimasti in un edificio o in un terreno federale ad accesso limitato.

Circa il 40% di tutti gli arrestati è stato accusato di ostacolare o tentare di impedire un procedimento ufficiale, cioè la certificazione dei voti delle elezioni presidenziali del 2020.

Delle 165 persone che si sono dichiarate colpevoli fino ad oggi, quasi il 90% dei casi riguarda reati minori. Il resto erano crimini.

Ci sono conclusioni investigative?

La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) ha nominato un comitato ristretto per indagare sulla violazione del 6 gennaio e la successiva violenza. Il lavoro del gruppo è in corso. I risultati preliminari potrebbero essere resi pubblici entro l’estate. I membri della Camera repubblicana stanno conducendo la propria indagine, ma si lamentano del fatto che i democratici si rifiutano di collaborare o condividere i documenti con i loro colleghi del Gop.

La commissione del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi e la commissione per le regole e l’amministrazione hanno pubblicato un rapporto sulla violazione del Campidoglio che citava una serie di fallimenti di intelligence e forze dell’ordine che hanno permesso la violenza.

Tra i risultati del rapporto del Senato c’era che né l’Fbi né il Department of Homeland Security hanno emesso bollettini di intelligence formali sul potenziale di violenza in Campidoglio il 6 gennaio.

L’ufficio distaccato dell’Fbi di Norfolk ha inviato un rapporto informativo sulla situazione il 5 gennaio, avvertendo di individui che si recavano a Washington per una «guerra» al Campidoglio, ma l’agenzia nel complesso non ha considerato credibili i post online che invocavano la violenza.

La polizia del Campidoglio non aveva un piano operativo a livello di dipartimento o un piano di personale per la sessione congiunta del Congresso del 6 gennaio, secondo il rapporto, che critica la mancanza di addestramento per i disordini civili e la mancata fornitura di dispositivi di protezione di base agli agenti.

Chi ha incitato la violazione e la violenza del Campidoglio?

I media indipendenti e gli investigatori online hanno lanciato l’allarme sulla presenza di individui non incriminati tra coloro che hanno violato per la prima volta il Campidoglio verso le 12:50. Questi uomini hanno svolto un ruolo centrale nella violazione, hanno incoraggiato i manifestanti ad andare al Campidoglio e hanno indirizzato le persone nell’edificio. Eppure non sono stati arrestati, incriminati o identificati dall’Fbi come tra i ricercati. Chi erano?

Un uomo, ora noto come Ray Epps di Queen Creek, in Arizona, è stato ripreso in video il 5 gennaio 2021, mentre tentava di reclutare sostenitori di Trump per assalire il Campidoglio il giorno successivo.

«Domani, dobbiamo andare in Campidoglio», dice Epps, come si vede in una video clip. «In Campidoglio!».

Un uomo vicino a lui dice: «Cosa?» e altri si sentono gridare: «No!» Poi la folla irrompe in un canto: «Fed! Fed! Fed! Fed!», ovvero accusavano Epps di essere un agente federale.

Ray Epps visto il 5 gennaio 2021 mentre cercava di reclutare uomini per attaccare il Campidoglio. Lo accusano di essere un agente federale (CapitolPunishmentTheMovie.com/Bark at the Hole Productions)

Epps ha iniziato così a litigare con alcuni sostenitori di Trump: «Sei controproducente per la nostra causa», gli ha gridato un giovane. Epps gli ha risposto, insistendo: «Non importa. […] Non è per questo che siamo qui. […] Stai uscendo dall’argomento. […] Siamo qui per un altro motivo».

Un altro video mostra Epps che dice: «Domani… non mi piace nemmeno dirlo perché sarò arrestato», spingendo un uomo nelle vicinanze a rispondere: «Allora non diciamolo». Epps risponde: «Lo dirò io. Dobbiamo andare in Campidoglio!» Un giovane tra la folla, che indossa uno scaldacollo con la bandiera americana, risponde, «Questa non me l’aspettavo!».

Il 6 gennaio, mentre la folla si accalcava intorno al Monumento a Washington in lunghe file per entrare a guardare il discorso di Trump, si sentiva Epps gridare attraverso un megafono: «Non appena il nostro presidente avrà finito di parlare, andremo al Campidoglio, dove sono i nostri problemi. È quella la direzione. Per favore, spargi la voce!». Epps si vede di nuovo in riprese video alle barricate di metallo fuori dal Campidoglio alle 12:50, mentre una piccola folla canta: «Usa! Stati Uniti D’America!».

Epps sussurra qualcosa all’orecchio di un uomo che indossa un berretto al contrario di Make America Great Again. Pochi secondi dopo, il giovane aiuta a spingere oltre la barricata mentre Epps fa un passo indietro per guardare. Questa prima violazione del perimetro di sicurezza è avvenuta 20 minuti prima che Trump finisse il suo discorso. Epps viene quindi visto correre con la folla sui gradini verso il Campidoglio.

Pochi giorni dopo la violenza del 6 gennaio, l’Fbi ha messo una foto di Epps su un poster «Ricerca di informazioni», chiedendo l’aiuto del pubblico per identificare coloro che hanno violato il Campidoglio. Lo si può vedere nella fotografia n. 16. Da allora quella foto è stata cancellata dal sito web dell’Fbi.

Ray Epps è mostrato in basso a sinistra su uno dei primi poster di ricercati dell’Fbi, ma la sua foto è stata cancellata dal sito web dell’Fbi (Fbi.gov/Wayback Machine)

Nell’elenco attuale di 1.559 fotografie di persone che l’Fbi vuole identificare, non c’è più il numero 16. L’elenco salta dalla fotografia n. 15 alla n. 17. Epps non è stato arrestato o accusato.

John Guandolo, un ex agente dell’Fbi ed esperto di antiterrorismo che si trovava nel Campidoglio il 6 gennaio, ha detto di aver visto agenti dell’Fbi vestiti da manifestanti: «Per buona parte della giornata sono stato con le forze dell’ordine, l’Fbi, eccetera», ha detto Guandolo in un’intervista per il documentario «Capitol Punishment». «I ragazzi passavano, ci guardavamo l’un l’altro e dicevamo, “Altri due proprio lì. Eccone un altro. Ce n’è un altro”. Erano ovunque».

Revolver, una testata di notizie alternativa, ha identificato altri intorno al Campidoglio che sono stati partecipanti attivi nella violazione, ma le cui foto non erano incluse nella lista dei ricercati dell’Fbi. Un uomo, che indossa una giacca grigia Bulwark, un berretto lavorato a maglia e occhiali da sole, è visto in video mentre arrotola la recinzione di plastica verde attorno al perimetro di sicurezza, rimuove i paletti e toglie i cartelli che dicono ‘Area Chiusa’.

Un uomo con un berretto e un megafono blu compare in più video in cima alla torre dei media eretta per l’inaugurazione. Soprannominato «Scaffold Commander» dai ricercatori online, ha sbraitato direttive e incoraggiamenti per 90 minuti. «Non limitarti a stare lì! Continua a muoverti!» «Vai avanti! Aiuta qualcuno oltre il muro!» Una volta che la folla si è riempita intorno al Campidoglio, il comandante dell’impalcatura ha cambiato marcia: «Siamo dentro! Avanti! Dobbiamo riempire il Campidoglio! Vieni ora, abbiamo bisogno di aiuto!».

L’indagine video di Revolver ha affermato che, indipendentemente dal fatto che Epps e Scaffold Commander si conoscessero o meno, le loro parole e azioni hanno funzionato bene insieme: «Quindi abbiamo Scaffold Commander che dirige il corpo della folla dalla torre sopra, e Ray Epps che dirige le prime linee d’avanguardia alla linea di polizia sotto», si legge nella storia del 18 dicembre. «Eppure nessuno di loro è stato perseguito, né è attualmente ‘ricercato’ dall’Fbi».

Il fondatore di Revolver, Darren Beattie, è andato su Twitter per chiedere a Epps di svelare chi fossero i suoi capi. «Ma ora è il momento di pensare con la propria testa, Ray. Dimentica la tua barca, il tuo ranch e la tua griglia. Se fai la mossa giusta e dici la verità, cambi tutto», ha scritto Beattie il 29 dicembre.

Né Epps, né l’Fbi, né i pubblici ministeri federali hanno commentato le azioni di Epps quel giorno, se ha lavorato per l’Fbi o perché non è stato incriminato. Epps ha dichiarato a un giornalista della Repubblica dell’Arizona il 12 gennaio 2021: «Non ho fatto nulla di sbagliato».

Il rappresentante Thomas Massie (R-Ky.) ha chiesto al procuratore generale Merrick Garland il 21 ottobre di dissipare le preoccupazioni sui video di Epps, ma Garland non ha voluto commentare. «Hai detto che questa è stata una delle indagini più complete della storia», ha detto Massie durante un’udienza pubblica. «Hai visto quel video, quei fotogrammi di quel video?».

Garland ha iniziato a parlare della prassi di non commentare i dettagli investigativi, prima che Massie lo interrompesse: «Quanti agenti o risorse del governo federale erano presenti il ​​6 gennaio? Hanno agitato le persone perché andassero in Campidoglio, e qualcuno di loro lo ha fatto?». La risposta di Garland: «Non ho intenzione di commentare un’indagine in corso».

Qual è il significato degli attori non incriminati?

Gli avvocati che rappresentano gli imputati del 6 gennaio affermano che se Epps o altri partecipanti fossero informatori o agenti dell’Fbi, allora si farebbe un buco nell’idea che i sostenitori di Trump siano gli unici responsabili delle violenze in Campidoglio. La partecipazione di attori del governo potrebbe invalidare legalmente le accuse di cospirazione, dicono.

L’avvocato Jonathon Moseley, che rappresenta l’imputato Kelly Meggs di Dunnellon, Florida, un membro degli Oath Keepers, ha emesso citazioni in giudizio a Epps, al fondatore di Oath Keepers Stewart Rhodes e ad altri uomini che hanno svolto ruoli visibili il 6 gennaio. Con l’avvicinarsi del processo di Meggs’s April per accuse di cospirazione, Moseley vuole sapere perché Epps era al raduno di Trump e al Campidoglio e se stava lavorando per il governo.

Moseley ha detto che Epps è stato visto alla prima violazione di una linea di polizia sulla passerella pedonale, a circa 200 metri dal Campidoglio. Il video mostra Epps mentre sembra precipitarsi sulla barricata improvvisata eretta dalla polizia, «poi si ferma», secondo Moseley.

Ray Epps al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, poco prima che il gas al peperoncino venga sparato sulla folla. «È passato molto tempo», dice dopo aver tossito. «Aah, lo adoro!» (Screenshot/Rumble)

«È come se facesse finta con la testa di voler guidare gli altri a spingere [la barricata, ndr] seguendolo, ma poi non la tocca mai», secondo Moseley. «Un agente di polizia cade, penso possa essere una donna, e il suo istinto immediato è di andare ad aiutarla, ci ripensa e fa un passo indietro. Sembra davvero che sia sotto copertura».

Moseley ha affermato che il coinvolgimento di attori pagati dal governo nel facilitare o incitare la violazione del complesso del Campidoglio creerebbe ragionevoli dubbi in quasi tutti i casi del 6 gennaio. «Ci sono consulenti legali che continuano a sottolineare che legalmente non puoi cospirare con il governo. Quindi, se lavora direttamente o indirettamente per il governo, allora le persone della cospirazione sono innocenti. È una norma legale. Se ci sono 10 persone che cospirano e una di loro è con il governo, non solo potrebbe essere istigazione a delinquere, ma potrebbe anche invalidare una cospirazione».

Questo tipo di problema legale è stato sollevato in un caso del Michigan in cui un gruppo di uomini è accusato in una corte federale di un complotto per rapire il governatore del Michigan Gretchen Whitmer, un democratico. Gli avvocati della difesa hanno recentemente presentato una mozione per archiviare il caso, sostenendo che sono stati degli agenti e informatori del governo a creare il piano di rapimento e a convincere gli imputati a partecipare.

I detenuti del 6 gennaio sono prigionieri politici?

Le ‘repubbliche delle banane’ del terzo mondo sono note per le terribili condizioni carcerarie e il trattamento brutale degli accusati e dei condannati. Alcuni avvocati, familiari e imputati ritengono che il Distretto di Columbia gestisca un carcere che sarebbe di casa in uno di questi Paesi. Il carcere viene talvolta chiamato «Dc-Gitmo», dal nome del campo di detenzione per terroristi gestito dagli Stati Uniti a Guantanamo Bay, a Cuba.

Le misere sistemazioni del carcere di Washington Dc sono state a lungo oggetto di discussione nella capitale della nazione. Il Washington Post ha affermato che le condizioni erano «deplorevoli». La questione ha attirato l’attenzione nazionale nel 2021 a causa delle ripetute accuse di trattamento brutale e abusivo di uomini accusati di crimini del 6 gennaio.

Un rapporto di 28 pagine pubblicato alla fine del 2021 dalla rappresentante Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) ha affermato che il trattamento dei detenuti del 6 gennaio è «disumano». (Copertina del documento/Marjorie Taylor Greene)

«I cittadini americani vengono torturati in questo momento entro cinque miglia dalla Casa Bianca», ha detto Joseph McBride, un avvocato di New York che rappresenta una mezza decina di imputati del ​​6 gennaio. «L’America non punisce i suoi cittadini prima del processo», ha scritto McBride su Twitter. «I regimi autoritari sì».

McBride ha affermato che i suoi clienti hanno subito un trattamento che non dovrebbe mai esistere in America, solo perché hanno sostenuto Trump essendo al Campidoglio degli Stati Uniti in quel fatidico giorno. Durante l’incarcerazione hanno subito, tra le altre cose, gravi percosse da parte delle guardie; la negazione delle cure mediche, compresi i farmaci per la chemioterapia, e del cibo.

Christopher Quaglin, accusato di aver aggredito agenti di polizia durante la rivolta, soffre di celiachia, ma la prigione gli dà da mangiare solo cibo con glutine, ha spiegato McBride. Gli è stato negato il trattamento medico: «Sì, siamo estremamente preoccupati che morirà», ha scritto McBride su Twitter il 27 dicembre.

Christopher Quaglin con sua moglie, Moria, che teme che suo marito possa morire senza cure mediche in custodia federale. (Per gentile concessione della famiglia Quaglin)

Tuttavia Ted Hull, il sovrintendente del carcere regionale di Northern Neck, dove si trova Quaglin, ha affermato a Epoch Times che le dichiarazioni di McBride sono errare: «Indipendentemente dalle affermazioni false del signor McBride, il detenuto Quaglin ha ricevuto la dieta appropriata progettata da un dietologo, coerente con le sue specifiche esigenze dietetiche, e il livello appropriato di servizi medici, coerenti con la sua diagnosi».

La rappresentante Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) ha fatto un giro del carcere Dc con il rappresentante Louie Gohmert (R-Texas) a novembre, quindi ha pubblicato un rapporto di 28 pagine intitolato «Insolitamente crudele». Il rapporto afferma che le condizioni per i detenuti del 6 gennaio erano «disumane».

Couy Griffin, il fondatore di Cowboys for Trump che ha partecipato al raduno di Trump del 6 gennaio e si trovava al Campidoglio, ma non vi è mai entrato, è stato accusato di essere entrato e rimasto in un edificio ad accesso ristretto, tenendo una condotta disordinata e di disturbo. Era stato anche arrestato e incarcerato, ma alla fine rilasciato in attesa del processo. «Ho trascorso i successivi nove giorni in quella cella in totale isolamento. Niente doccia, niente telefono, niente avvocato», ha detto Griffin nel film «Capitol Punishment». Le guardie cantavano spesso «F Trump! F Trump!» e lo chiamavano un «[imprecazione, ndr] di white cracker» (si tratta di un insulto razzista contro i bianchi). Griffin si è poi lamentato del suo trattamento con il vicedirettore, che gli ha risposto: «L’unico lavoro che devono fare queste guardie è quello di mantenere il tuo petto in movimento su e giù».

Richard Barnett di Gravette, Arkansas, ha affrontato sette accuse per le sue presunte azioni del 6 gennaio, inclusa quella di sedersi sulla sedia dell’ufficio del presidente della Camera Nancy Pelosi, evento immortalato in una fotografia ormai iconica.

Secondo il rapporto di McBride, una copia del quale è stata inviata anche all’American Civil Liberties Union, un giorno, durante la sua detenzione di quattro mesi, Barnett ha avvertito oppressione al petto e un dolore al braccio. Ha chiamato aiuto, ma la guardia che ha risposto si è limitata a schernirlo e a ridere di lui. Barnett ha quindi chiamato un membro dello staff femminile, che ha detto che avrebbe ricevuto aiuto. «Richard [era rimasto, ndr] lì per un periodo di tempo, abbastanza da farlo morire», si legge nel rapporto di McBride sulle condizioni carcerarie, che ha inviato ad Amnesty International.

Dopo essere stato sottoposto a un controllo medico ed essere tornato nella sua cella, Barnett si è addormentato. Una guardia ha poi iniziato a bussare alla porta a vetri della sua cella, svegliandolo di soprassalto così rapidamente che Barnett si è alzato in piedi per poi svenire, battendo la testa sul lavandino. Sanguinante da una ferita alla testa, ha urlato per un’ora prima che arrivassero i soccorsi. Un giorno, la porta della cella di Barnett si è aperta e circa nove agenti sono entrati, ammanettandogli i polsi e incatenandogli le gambe. Le guardie lo hanno scosso violentemente avanti e indietro, sollevato dai piedi per le catene e sbattuto a testa in giù sul pavimento di cemento.

In ottobre, lo Us Marshals Service ha condotto un’ispezione a sorpresa delle strutture carcerarie di Washington e ha intervistato 300 detenuti. Le condizioni in carcere «non soddisfano gli standard minimi di reclusione», afferma il rapporto dei Marshals. Di conseguenza, il Marshals Service ha rimosso tutti i suoi detenuti e li ha trasferiti nelle strutture del Bureau of Prisons federale. Ma tutto ciò non includeva i detenuti del 6 gennaio.

Emery Nelson, portavoce del Bureau of Prisons, ha affermato che l’agenzia non commenta «accuse aneddotiche» né fornisce informazioni sui singoli detenuti. «Il Bureau of Prisons (Bop) si impegna a soddisfare le esigenze dei trasgressori federali e a garantire la sicurezza e la protezione di tutti i detenuti della nostra popolazione, del nostro personale e del pubblico. Il Bop prende sul serio il nostro dovere di proteggere le persone affidate alle nostre cure».

Chi è morto in Campidoglio il 6 gennaio?

Una persona è stata uccisa per mano della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti e l’azione della polizia potrebbe aver contribuito alla morte di altre due, ma le altre quattro morti relative al 6 gennaio sono tutte avvenute per cause naturali o suicidi.

Ashli ​​Babbitt è stata colpita alla spalla sinistra e uccisa mentre cercava di passare per una finestra rotta all’ingresso dell’atrio dell’oratore. Il marito di Ashli, Aaron Babbitt, ha detto che un attento esame delle riprese video dal corridoio indica che Ashli ​​era arrabbiata con i rivoltosi che hanno rotto i vetri delle doppie porte. Pensa che sia andata nel panico e abbia cercato di scappare dalla finestra, solo che alla fine è stata uccisa dal tenente Michael Byrd. Era disarmata e non rappresentava una minaccia per nessuno.

Il tenente della polizia del Campidoglio Michael Byrd punta la sua Glock 22 verso la finestra dove Ashli ​​Babbitt stava per apparire. (CapitolPunishmentTheMovie/Bark at the Hole Productions)

Rosanne Boyland, 34 anni, della Georgia, è morta all’interno o vicino al tunnel di West Terrace al Campidoglio. McBride afferma che il video di sorveglianza mostra che Boyland è stata picchiata da un agente di polizia mentre giaceva a terra. Il medico legale ha stabilito la morte accidentale: intossicazione da un farmaco su prescrizione.

Kevin Greeson, 51 anni della Georgia, è morto in Campidoglio per un attacco di cuore causato da malattie cardiovascolari, secondo quanto ha stabilito il medico legale.

Benjamin Phillips, 50 anni, della Pennsylvania, è morto di aterosclerosi, una malattia cardiaca caratterizzata da placche di grasso che si accumulano nelle arterie, secondo il medico legale.

Dei tre agenti di polizia morti nelle settimane successive al 6 gennaio, Sicknick è morto per cause naturali e Liebengood e Smith sono morti per suicidio.

I democratici hanno sfruttato il 6 gennaio come arma politica?

Il rappresentante Rodney Davis (R-Ill.), membro di rango della Commissione sull’amministrazione della Camera, ha accusato la presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) e i Democratici della Camera di «sfruttare il 6 gennaio contro i loro avversari politici».

Davis ha inviato una lettera a Pelosi il 3 gennaio 2022, lamentando che i Democratici della Camera hanno ripetutamente ostacolato i tentativi dei legislatori repubblicani di indagare sulle vulnerabilità della sicurezza al Campidoglio degli Stati Uniti prima e durante la violenza del 6 gennaio. L’ostruzione è arrivata attraverso la negazione dei documenti della Camera e l’ignoranza delle ripetute richieste di documenti. «Sfortunatamente, negli ultimi dodici mesi, i Democratici della Camera sono stati più interessati a sfruttare gli eventi del 6 gennaio per scopi politici che a condurre una supervisione di base sulle vulnerabilità della sicurezza messe alla luce quel giorno», ha scritto Davis.

Nello specifico, i legislatori vogliono conoscere una richiesta che l’ex capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti Steven Sund ha affermato di aver fatto all’allora sergente alle armi Paul Irving prima del 6 gennaio per «l’assistenza della Guardia Nazionale». Sund ha riferito che Irving era «preoccupato per l’immagine che avrebbe creato una presenza della Guardia Nazionale al Campidoglio». Durante le violenze del 6 gennaio, quando Sund ha chiesto di ottenere l’autorizzazione per la Guardia Nazionale, Irving ha risposto che «doveva chiedere l’autorizzazione lungo la catena di comando», affermava la lettera.

L’ex capo della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti Steven Sund testimonia a un’audizione congiunta del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi e del Senato per le regole e l’amministrazione a Capitol Hill a Washington il 23 febbraio, 2021. (Erin Scott/Pool/Afp via Getty Images)

Nel febbraio 2021, testimoniando davanti al Senato degli Stati Uniti, Irving ha negato le affermazioni di Sund. I legislatori repubblicani hanno quindi chiesto l’accesso alle comunicazioni di Irving per corroborare tale smentita. Davis ha detto di aver scritto al consigliere generale della Camera Douglas Letter per richiedere quei documenti, ma Letter non ha mai risposto: «Sia il sergente alle armi che il capo dell’amministrazione non sono riusciti a produrre alcun documento ai repubblicani in base alle nostre richieste», ha scritto Davis, «cosa che suggerisce che questi funzionari della Camera potrebbero fornire documenti solo ai democratici su base partigiana».

Davis ha affermato che i repubblicani vogliono sapere perché la richiesta di sostegno della Guardia nazionale del 4 gennaio 2021 di Sund è stata negata e se Pelosi o il suo staff avessero ordinato il rifiuto. Vogliono anche sapere quali conversazioni si sono verificate durante la violenza al Campidoglio il 6 gennaio, quando Sund ha chiesto di nuovo l’aiuto della Guardia Nazionale. Infine, vogliono sapere perché il comitato ristretto del 6 gennaio, nominato dalla Pelosi, non esaminerà il ruolo dell’oratore «nel garantire i preparativi adeguati per la sicurezza della Camera», afferma la lettera.

Quando è stato chiesto se l’oratore avesse risposto a Davis, Henry Connelly, direttore delle comunicazioni di Pelosi, ha fatto riferimento a una dichiarazione rilasciata dal presidente della commissione amministrativa della Camera Zoe Lofgren (D-Calif.) a Epoch Times: «La lettera del Ranking Member è pura finzione revisionista. L’ufficiale amministrativo capo e sergente alle armi della Camera hanno già informato il Ranking Member Davis che stanno rispettando i mandati e collaboreranno pienamente con varie indagini delle forze dell’ordine e inchieste del Congresso in buona fede», ha affermato Lofgren nella nota.

Dall’inizio del comitato ristretto per indagare sull’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, la leadership repubblicana non ha apprezzato il suo lavoro perché la Pelosi ha respinto due dei cinque repubblicani scelti dal leader della minoranza alla Camera Kevin McCarthy (R-Calif.) per l’indagine. McCarthy ha poi ritirato le sue scelte. Pelosi ha nominato i rappresentanti Liz Cheney (R-Wyo.) e Adam Kinzinger (R-Ill.) per far parte del panel di nove membri.

Il comitato ristretto potrebbe pubblicare almeno un rapporto intermedio entro la metà del 2022 e uno finale in autunno, secondo quanto hanno riferito fonti del comitato alla stampa. Il presidente della commissione, Rep. Bennie Thompson (D-Miss.) ha dichiarato a dicembre che non c’è un programma prestabilito per le udienze pubbliche per rilasciare i risultati del gruppo.

Alla domanda di Epoch Times per un commento su possibili agenti federali infiltrati il ​​6 gennaio, William Miller, funzionario dell’informazione pubblica per il Dipartimento di Giustizia, ha risposto: «Di solito non commentiamo casi e indagini al di là delle nostre dichiarazioni e depositi alla Corte. e non facciamo commenti qui».

Epoch Times ha contattato Epps tramite la sua azienda per un commento, ma non ha ricevuto risposta al momento della scrittura.

 

Articolo in inglese: January 6: A Legacy of Troubling Questions

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >