Addio, signor Wesley

Di Nie Law e Ying Cheung

Uno dei tanti pseudonimi di Ni Kuang, uno scrittore leggendario di Hong Kong con una storia molto radicata e conflittuale con il Partito Comunista Cinese (Pcc) sin dalla sua prima infanzia, era Signor Wesley.

«Certo che amo dannatamente la Cina. Se non la amassi, perché mai dovrei ribellarmi al Pcc?», disse una volta Ni in un’intervista. Hong Kong è in lutto da quando lo scrittore è morto di cancro alla pelle il 3 luglio 2022.

Chip Tsao, editorialista e scrittore di Hong Kong, ha ricordato il suo defunto caro amico: «Ni era un solitario; se gli facevi una domanda, ti dava sempre una risposta onesta. Non gli importava come lo etichettavi o qual era la tua opinione di lui. Poteva farti un sorrisetto e poi andava avanti».

L’amore e l’odio della Cina

Ni una volta ha scritto: «Se ami il tuo Paese, (Cina), devi ribellarti al Pcc. Questo è l’unico modo per dimostrare che sei un patriota». Ni intendeva dire che le persone si ribellano perché si preoccupano, e perché vogliono che il loro Paese sia migliore.

Chip Tsao ha detto che avrebbe sempre ricordato quanto Ni odiasse il Pcc, molto probabilmente a causa delle esperienze traumatiche e inquietanti che Ni aveva affrontato quando viveva in Cina.

Ni Kuang ha spesso affermato di aver visto e sperimentato molte azioni malvagie e immorali del Pcc: «Le più spaventose sono i suoi tentativi autoritari di fare il lavaggio del cervello, di controllare le menti e la sua capacità di trasformare le persone in robot completi».

Il sogno di Ni si è trasformato in un incubo

Nato originariamente a Shanghai nel 1935, dove visse fino all’età di 16 anni, Ni lasciò la città per arruolarsi nelle forze di polizia armate del popolo cinese (Pap), dove pensava di scoprire il suo sogno utopico e divenne un giovane ufficiale. Ma il suo sogno divenne il suo peggior incubo durante l’inverno del 1956, quando fu accusato di essere «anti-rivoluzione» per aver rotto un vecchio ponte di legno nelle vicinanze per usarlo come combustibile per riscaldarsi in una tempesta di neve.

Le cose sono peggiorate quando un cane tenuto segretamente da Ni morse il capitano della Pap. Dopo aver ricevuto due colpi, il capitano di Ni lo mise agli arresti domiciliari come punizione.

Fortunatamente, nel maggio 1956, con l’aiuto dei suoi amici mongoli, Ni fuggì in una vicina stazione ferroviaria a cavallo. Dopo diversi colpi di scena, Ni arrivò a Shanghai, ma non poté rimanere lì e dovette continuare a correre verso sud. Sopravvisse mangiando cotone e topi per strada.

Tre mesi dopo, Ni arrivò a piedi a Guangzhou. Prosegui per Macao prima che la sua rischiosa fuga dal Pcc raggiungesse la fine, quando Ni mise a terra i piedi sul suolo di Hong Kong. Nella sua nuova terra, il 5 luglio 1957, data del suo arrivo, disse: La prima volta che ho comprato un barbecue di carne di maiale e riso a Hong Kong, costava 70 centesimi, il riso era così bianco che pianse.

Dal suo arrivo a Hong Kong, è stato sempre molto esplicito contro il Pcc.

Nel giugno 1989, Ni ha detto in un’intervista, non molto tempo dopo il tragico massacro di piazza Tienanmen: «In questo momento Hong Kong può chiedere aiuto all’America, al Regno Unito, alle Nazioni Unite e a qualsiasi Paese del mondo libero. Ciò cambierà però esattamente in 2944 giorni perché Hong Kong diventerà [alla consegna, ndr] un campo profughi su larga scala».

Ni ha incontrato «l’amore della sua vita» a Hong Kong

Il defunto James Wong Jum-sum, una volta ha detto in un programma televisivo che ha co-ospitato con Ni, che la dedizione di Ni a svelare le orribili azioni del Pcc lo ha reso uno degli uomini più rispettati di Hong Kong.

La fama di Ni Kuang derivava dal suo talento nella letteratura. Quando è arrivato per la prima volta a Hong Kong, ha lavorato in molti giornali. Finché un giorno fu assunto da un giornale chiamato «La Verità» come editorialista: fu allora che scoprì l’amore della sua vita: scrivere romanzi.

Oltre alla sua posizione sulla politica e alla sua personalità umoristica e senza peli sulla lingua, Ni è stato celebrato per i suoi famosi romanzi di fantascienza, sceneggiatura e prosa.

Un vecchio felice che esprimeva la sua opinione, anche quando era in Tv: così lo descrivevano i suoi amici.

In un’intervista televisiva, Ni ha dichiarato: «Tutti quelli che mi conoscono lo sanno: da quando possiamo fidarci di ciò che dice il Pcc? Sono state promesse vuote per decenni». Ni non credeva in «un Paese, due sistemi». Pensava che non ci sarebbero mai stati «due sistemi» con il Pcc al comando.

La «profezia» di Ni sul futuro di Hong Kong

A causa degli anni di precise previsioni politiche di Ni e della denuncia dei piani del Pcc per Hong Kong, molti hongkonghesi lo hanno definito il «profeta del futuro di Hong Kong».

Ni ha detto in un’intervista televisiva: «Come può avere un futuro una città sotto il governo del Pcc? Non c’è speranza. Hong Kong sarà lo stesso di tutte le altre città della Cina. L’unica cosa rimasta saranno funzionari corrotti, che usano Hong Kong come punto di partenza per inviare denaro sporco in Occidente».

Molte delle interviste di Ni sono riemerse su internet insieme alla notizia della sua morte. I giovani hongkonghesi, che stanno attraversando la tirannia ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale, sono rimasti sbalorditi.

A causa delle sue osservazioni spoglie ma accurate, l’ex legislatore di Hong Kong e commentatore pro-democrazia, Raymond Wong Yuk-man ha soprannominato Ni Kuang «Il Vecchio Saggio».

«Il vecchio saggio» e le sue mani

Tutti nell’industria cinematografica conoscevano Ni Kuang, «Il Vecchio Saggio», che ha scritto innumerevoli romanzi, sceneggiature e prosa di fantascienza e a una velocità record, scrivendo oltre 20.000 parole al giorno. Nessuno sapeva come facesse, disse un regista durante un discorso su Ni Kuang nel 2012.

Chip Tsao ha detto che Ni era un genio della narrazione: «Ni era un essere attento e sensibile. Le sue capacità di comprendere tutto nella vita, la politica, il dolore e l’umanità, e combinarle con la sua immaginazione, erano considerate la sua formula per il successo». Ni Kuang ha comunicato il suo trauma nella sofisticata letteratura cinese. Le sue opere riflettevano anche le tattiche barbare del regime e la bruttezza del dittatore. Ni non è mai cambiato, neppure all’ultimo respiro.

Tsao ha detto che Ni Kuang ha lottato e prosperato nell’era d’oro di Hong Kong. Hong Kong, la città dinamica che Ni amava, era diventata alimento per la sua scrittura.

Tsao crede che non ci sarà mai un altro Ni Kuang a Hong Kong: «Ni Kuang, come Shakespeare, accadrà solo una volta nella vita. Non puoi mai ricreare Ni o Shakespeare. Nessun altro ha l’esperienza, Ni ha attraversato difficoltà con il Pap e il Pcc, la terrificante fuga, il suo viaggio in difficoltà e il gusto della libertà quando è arrivato a Hong Kong».

Ni Kuang, «Il Vecchio Saggio», insieme ad altri tre personaggi famosi di Hong Kong, Louis Cha Leung-yung (autore), James Wong Jum-sum (paroliere), Chua Lam (editorialista, commentatore) componevano i «Quattro uomini talentuosi» del settore a Hong Kong dai primi anni ’80.

Il professor Chung Kim-wah, ex assistente professore presso il Dipartimento di Scienze Sociali Applicate del Politecnico di Hong Kong, si è sentito pessimista sulla partenza di Ni Kuang e sul futuro delle sue opere. Chung ha detto: «A causa delle sue critiche proattive contro il Pcc quando era in vita, sospetto che il governo di Hong Kong e il Dipartimento per il tempo libero e i servizi culturali rimuoveranno presto i titoli dei libri di Ni Kuang dalle nostre biblioteche locali».

Il professor Chung ha proseguito: «Non ci sono dubbi. Il governo chiaramente non vuole che le prossime generazioni ascoltino o leggano ciò che Ni ha detto contro il governo o il Pcc. Posso anche immaginare i bibliotecari locali che conducono l’autocensura. Si può quindi prevedere la scomparsa dei libri di Ni Kuang dalle biblioteche di Hong Kong. Allora sarà una sfortuna per la società di Hong Kong».

Hong Kong ha perso parte della sua anima

Tsao ha affermato: «Il lavoro di Ni è una testimonianza dello spirito e della civiltà di Hong Kong e della capacità di esprimere la tua opinione, purché tu sia in un ambiente libero. È anche un ritratto di un’epoca, una memoria collettiva di multiple generazioni di hongkonghesi. La sua morte ha rattristato molti hongkonghesi».

«Hong Kong ha perso parte della sua anima, quando Ni è morto», ha commentato Chip Tsao.

Il traguardo della vita di Ni

«Ni ha seguito il suo amore per la scrittura creativa e ha lavorato in numerosi giornali, prima di ottenere la sua prima colonna su un giornale chiamato The Truth come romanziere». Questo faceva parte di un’introduzione a Ni Kuang durante una cerimonia di premiazione del film.

«Non solo i suoi romanzi sarebbero stati adattati in oltre 300 film e serie Tv, ma, in seguito, la sceneggiatura di ‘Fist of Fury’ di Bruce Lee ha ospitato una delle citazioni cinematografiche più straordinarie di tutti i tempi: “Noi cinesi non siamo uomini asiatici deboli o malati”», ha affermato Tsui Hark, un famoso regista di Hong Kong, prima di presentare il Premio per i Traguardi di una Vita a Ni Kuang al 31esimo Hong Kong Film Awards. La folla ha accolto Ni con una lunga standing ovation.

All’età di 87 anni, la maggior parte delle persone, incluso il suo amico Chip Tsao, erano d’accordo che Ni Kuang avesse vissuto una vita appagante e spensierata.

Ni Kuang è morto il 3 luglio.

Come ha detto Tsao, la presenza di Ni Kuang, che si trattasse delle difficoltà o della sua intuizione del bene e del male nelle persone e nella politica, ha dimostrato una cosa: in qualsiasi ambiente, qualsiasi produzione che trasmette i pensieri e i valori dell’artista prospererà sempre e fiorirà nel mondo libero.

Chip Tsao ha aggiunto: «La morte di Ni è irreversibile, proprio come il passato un tempo glorioso di Hong Kong».

Riposa in pace, signor Wesley.

 

Articolo in inglese: Farewell, Mr. Wesley

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >