Almeno 50 funzionari degli Usa comunicavano con le Big Tech e chiedevano censura

Di Zachary Stieber

Secondo i documenti pubblicati il ​​31 agosto, più di 50 funzionari dell’amministrazione del presidente Joe Biden in una decina di agenzie sono stati coinvolti nel fare pressione sulle Big Tech.

Vari alti funzionari del governo degli Stati Uniti, tra cui l’avvocato della Casa Bianca Dana Remus, il vice assistente del presidente Rob Flaherty e l’ex consigliere senior della Casa Bianca per il Covid-19 Andy Slavitt, sono entrati in contatto con una o più importanti società di social media per portarle a inasprire le regole sulle presunte informazioni false e fuorvianti sul Covid-19 e ad agire contro gli utenti che violano le regole, secondo quanto mostrano i documenti.

Nel luglio 2021, ad esempio, dopo che Biden ha affermato che Facebook stava «uccidendo persone» perché non combatteva efficacemente la disinformazione, un dirigente di Meta ha contattato il ministro della Sanità Vivek Murthy, per dirgli che il governo e i team di Meta si sono incontrati dopo le osservazioni del presidente, allo scopo di «comprendere meglio la portata di ciò che la Casa Bianca si aspetta da noi sulla disinformazione in futuro».

Lo stesso dirigente in seguito ha scritto a Murthy dicendo: «Volevo assicurarmi che tu vedessi i passi che abbiamo intrapreso la scorsa settimana per adeguare le politiche su ciò che stiamo rimuovendo in merito alla disinformazione, così come i passi presi per affrontare ulteriormente la “dozzina della disinformazione” inclusa la rimozione delle pagine collegate». La Casa Bianca ha pubblicamente esercitato pressioni sulle società di social media affinché agissero contro un gruppo che i funzionari hanno soprannominato la «dozzina della disinformazione» che secondo un’organizzazione no profit stava producendo la maggior parte della «disinformazione anti-vaccino» sulle piattaforme. Sempre nel luglio 2021, Murthy ha affermato che Facebook non aveva fatto abbastanza per combattere la disinformazione.

Flaherty, direttore della strategia digitale per la Casa Bianca, ha detto a Slavitt e altri nell’aprile 2021 che il personale della Casa Bianca sarebbe stato informato da Twitter «sulla disinformazione sui vaccini». L’incontro avrebbe incluso una discussione su «i modi in cui la Casa Bianca (e i nostri esperti di Covid) possono collaborare nel lavoro sul prodotto», secondo uno dei messaggi.

In un altro scambio quell’anno, un funzionario del Dipartimento del Tesoro che lavorava su «mala informazione, disinformazione e informazione errata» ha riferito ai lavoratori di Meta che il vice segretario al Tesoro voleva parlare di «potenziali operazioni di influenza».

I documenti facevano parte di una causa intentata contro il governo dai procuratori generali del Missouri e della Louisiana, a cui successivamente si sono uniti degli esperti diffamati da funzionari federali.

«Se mai c’è stato qualche dubbio che il governo federale fosse dietro la censura degli americani che hanno osato dissentire dai messaggi ufficiali di Covid, quel dubbio è stato cancellato», si legge nella nota di Jenin Younes, un avvocato della New Civil Liberties Alliance che rappresenta alcuni dei querelanti del caso. «La portata scioccante del coinvolgimento del governo nel mettere a tacere gli americani, attraverso la coercizione delle società di social media, è stata ora rivelata».

«Impresa di censura»

I querelanti hanno affermato che la massiccia campagna di pressione è stata una «impresa di censura» perché ha coinvolto così tanti funzionari e agenzie.

Gli avvocati del governo hanno identificato solo 45 funzionari in cinque agenzie – il Dipartimento per la sicurezza interna, la Cisa, i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive e l’ufficio di Murthy – che hanno discusso con le società di social media sulla disinformazione, anche se i documenti che hanno prodotto hanno mostrato che altri erano coinvolti, inclusi funzionari dell’Ufficio del censimento e dei Dipartimenti del Tesoro e di Stato.

Le risposte delle società Big Tech hanno anche rivelato più funzionari coinvolti nello sforzo.

Meta ha rivelato che almeno 32 funzionari federali, inclusi alti funzionari della Casa Bianca e della Food and Drug Administration, erano in contatto con l’azienda per la moderazione dei contenuti. Molti dei funzionari non sono stati identificati nella risposta del governo.

YouTube ha rivelato 11 funzionari non divulgati dal governo e Twitter ne ha identificati nove, inclusi alti funzionari del Dipartimento di Stato.

«Le rivelazioni fornite finora dimostrano che questa Impresa di Censura è estremamente ampia», hanno affermato i querelanti, aggiungendo in seguito che «sale ai livelli più alti del governo degli Stati Uniti, inclusi numerosi funzionari della Casa Bianca».

Inoltre, l’Fbi non è stato nominato nei documenti, anche se l’agenzia ha recentemente affermato (dopo che il Ceo di Meta Mark Zuckerberg ha rivelato che l’Fbi lo aveva contattato prima delle elezioni del 2020) che l’agenzia emette regolarmente comunicazioni alle società di social media.

Sono necessarie ulteriori rivelazioni per svelare l’intera portata della campagna di pressione, secondo quanto hanno detto i querelanti al giudice che sovrintende al caso.

«Quando il governo federale si unisce a Big Tech per censurare la parola, il popolo americano diventa suddito piuttosto che cittadino», ha affermato in una dichiarazione il procuratore generale della Louisiana Jeff Landry, un repubblicano. «Al [Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, ndr] non deve essere consentito nascondersi dietro il velo del privilegio esecutivo, soprattutto quando ci sono già prove convincenti che il governo popolare ha collaborato con queste società di social media per sopprimere il loro diritto alla libertà di parola».

 

Articolo in inglese: Over 50 Biden Administration Employees, 12 US Agencies Involved in Social Media Censorship Push: Documents

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >