Ambasciatore Usa: non sappiamo come difenderci da un missile ipersonico cinese

Di Andrew Thornebrooke

Un nuovo articolo investigativo del Financial Times ha affermato che la Cina ha lanciato un missile ipersonico con capacità nucleare, che ha fatto il giro della terra in un’orbita bassa prima di dirigersi verso un bersaglio di prova, mancandolo di poco. Il regime cinese ha ufficialmente smentito la notizia, affermando che l’oggetto in questione fosse un’astronave.

L’ambasciatore americano per il disarmo Robert Wood ha affermato che Washington è preoccupata per il possibile dispiegamento di armi ipersoniche da parte della Cina e ha affermato che gli Stati Uniti non hanno sviluppato un mezzo per contrastarle: «La tecnologia ipersonica è qualcosa di cui ci siamo preoccupati, verificando le sue potenziali applicazioni militari, e ci siamo trattenuti dal perseguirle, ci eravamo trattenuti dal perseguire applicazioni militari per questa tecnologia».

«Ma abbiamo visto Cina e Russia perseguire molto attivamente l’uso e la militarizzazione di questa tecnologia, quindi dobbiamo solo rispondere a tono […] Ma semplicemente non sappiamo come possiamo difenderci da quella tecnologia. Né se lo sa la Cina, o la Russia».

Un’arma senza risposta

L’articolo del Financial Times, che citava cinque fonti che avevano familiarità con la questione, e la successiva confutazione della Cina, hanno creato scalpore tra la comunità dell’intelligence statunitense, che sembrava impreparata alla notizia che la Cina fosse così impegnata nei suoi sforzi per sviluppare capacità ipersoniche. Altri invece sono rimasti meno sorpresi: «La ricerca e lo sviluppo di armi ipersoniche sono in corso in Cina da decenni – ha affermato Rick Fisher, senior fellow presso l’International Assessment and Strategy Center – Nel 2019, l’Esercito Popolare di Liberazione ha rivelato la prima arma a medio raggio Hgv [veicolo planante ipersonico, ndr], il suo sistema missilistico Df-17 Hgv. Pertanto, i rapporti secondo cui la Cina ha combinato un sistema di attacco Hgv con un sistema di bombardamento orbitale frazionale (Fobs) devono essere presi molto sul serio».

Gli Hgv sono veicoli molto manovrabili che saltellano o «scorrono» verso un bersaglio dopo essere stati portati in bassa orbita da un razzo. Il Fobs è un sistema teorizzato per la prima volta in Unione Sovietica, in cui un missile entra in orbita bassa prima di colpire il bersaglio, piuttosto che uscire dall’orbita prima di tornare in superficie.

La combinazione delle due tecnologie è importante perché, a differenza di un tradizionale missile balistico intercontinentale (Icbm) che esce dall’atmosfera e rientra utilizzando un arco prevedibile, il design Hsv/Fobs consente a un carico di colpire con una gittata quasi illimitata da qualsiasi direzione una volta in orbita, annullando di fatto i tradizionali sistemi di allarme rapido.

Secondo Fisher, ciò solleva una bandiera rossa, poiché attualmente gli Stati Uniti non hanno la capacità di difendersi da un attacco che utilizza tale tecnologia. «Le armi Hgv sono in grado di effettuare manovre molto taglienti e rapide che possono aiutare a sconfiggere le difese missilistiche, supponendo che disponiamo di intercettori missilistici anti-Hgv, cosa che attualmente non è vera. Quando gli Hgv armano i nuovi sistemi Fobs cinesi, che sono stati appena testati, combini un sistema di attacco progettato per evitare il rilevamento a terra degli Stati Uniti con una testata d’attacco che è molto difficile da abbattere. Ci sono indicazioni che la Cina intenda armare i suoi missili balistici intercontinentali con più testate Hgv, il che aumenta la loro portata e anche la loro capacità di sconfiggere qualsiasi difesa degli Stati Uniti».

La Russia ha terminato lo sviluppo del proprio Hgv, soprannominato «Avangard» nel 2019. Quell’arma è in grado di volare a Mach 20, a circa 24.000 km orari. Allo stesso modo, la Corea del Nord ha testato la propria arma ipersonica a settembre. Negli ultimi anni anche  gli Stati Uniti hanno investito molto nello sviluppo di capacità ipersoniche.

Dato un ambiente così ricco di minacce, è difficile determinare quanto sia stata genuina la sorpresa della comunità dell’intelligence, poiché Fisher ha affermato che coloro che lo sapevano non lo volevano rendere noto: «È difficile determinare la ‘sorpresa’ nella comunità dell’intelligence perché la compartimentazione è il suo modo di vivere. Coloro che potrebbero parlare con i giornalisti non sono necessariamente quelli che sarebbero stati informati su questi sviluppi del Pla».

Indipendentemente da ciò, la presunta nuova arma cinese è qualcosa da prendere sul serio, poiché la combinazione di Hgv e Fobs significherebbe che la Cina ha o è vicina ad avere un’arma in grado di eludere le difese statunitensi e colpire la patria.

Astronave o missile?

Ad aumentare la confusione che circondava il rapporto c’era la ferma negazione di Pechino dell’esistenza di una tale arma.

Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese, ha dichiarato a un briefing con i media che l’articolo del Financial Times era impreciso e che l’oggetto era un’astronave progettata per esplorare la possibilità di utilizzare la tecnologia riutilizzabile per ridurre i costi delle missioni spaziali cinesi.

Tuttavia, il regime cinese rende intenzionalmente difficile per la comunità internazionale valutare i suoi test sulle armi, e questo potrebbe essere il caso attuale. Questo perché il Partito Comunista Cinese e il suo ramo militare, l’Esercito Popolare di Liberazione, utilizzano una cosiddetta politica a duplice uso che garantisce che i progetti commerciali e scientifici forniscano anche un beneficio militare.

La tesi se la Cina abbia testato un missile ipersonico o un’astronave fornisce un ottimo esempio di questa politica in azione, poiché i programmi spaziali e missilistici cinesi utilizzano entrambi i razzi della famiglia «Long March» per raggiungere l’orbita. Pertanto, qualsiasi test per migliorare il programma spaziale cinese, migliora anche il suo programma missilistico e viceversa.

Fisher ha osservato che alcuni esperti hanno sostenuto che tutti i veicoli di lancio spaziale cinesi dovrebbero essere considerati sistemi di attacco strategico, poiché il programma spaziale cinese e tutti i suoi siti di lancio sono di proprietà e gestiti dall’esercito cinese.

Ha anche fatto notare che i conteggi pubblici degli Icbm cinesi attualmente non li contano come tali. «È ragionevole chiedersi: il Pla ha davvero avuto molte centinaia di ‘Icbm’ per molto tempo?» chiede Fisher.

La politica statunitense di moderazione è «fallita»

Fisher ha affermato che il presunto test cinese di un missile ipersonico con capacità nucleare è stato un tentativo di scavalcare le capacità statunitensi e sovvertire l’efficacia della prossima generazione di tecnologie di difesa missilistica degli Stati Uniti: «La combinazione di mezzi pesanti e Fobs è un modo con cui la Cina sta rispondendo preventivamente a qualsiasi decisione degli Stati Uniti di aumentare la difesa missilistica della patria degli Stati Uniti. Stanno cercando di sconfiggere le difese missilistiche statunitensi che non sono ancora state sviluppate o schierate».

Questo è apparentemente il motivo della preoccupazione di Washington. Come affermato da Wood, non c’è semplicemente alcun contrasto esistente a un sistema missilistico ipersonico con capacità nucleare che potrebbe colpire qualsiasi parte della terra.

Per mitigare una tale minaccia, Fisher ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero perseguire sistemi di difesa spaziale in grado di rilevare e distruggere i mezzi pesanti durante la «fase di accelerazione», prima che raggiungano l’orbita e diventino imprevedibili per i sistemi di tracciamento tradizionali.

Ma prima che ciò accada, gli Stati Uniti dovranno fare i conti con il fallimento della loro politica di lunga data di non costruire adeguate difese missilistiche come mezzo per incoraggiare la non proliferazione: «Per decenni, e questa è ancora la politica degli Stati Uniti, non abbiamo costruito difese missilistiche per impedire alle testate nucleari cinesi e russe di polverizzare gli americani. [L’abbiamo fatto, ndr] in modo da non dare loro una scusa per iniziare una corsa agli armamenti nucleari».

«La moderazione americana su questo aspetto è fallita».

 

Andrew Thornebrooke è un giornalista freelance che si occupa di questioni relative alla Cina con particolare attenzione alla difesa e alla sicurezza. Ha conseguito un master in storia militare presso la Norwich University e autore della newsletter Quixote Hyperdrive.

 

Articolo in inglese: ‘We Just Don’t Know’ How to Defend Against Possible Chinese Hypersonic Missile: US Ambassador

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Associazione medica sudafricana: la variante Omicron causa sintomi insoliti ma lievi

Associazione medica sudafricana: la variante Omicron causa sintomi insoliti ma lievi
La nuova variante Omicron che preoccupa il mondo provoca sintomi insoliti, ma lievi, secondo un importante medico sudafricano. ...
Leggi >
 

Scarsità di merci in America, a rischio anche il Natale | America Uncovered

Scarsità di merci in America, a rischio anche il Natale | America Uncovered
Se di recente non avete trovato il vostro shampoo preferito al supermercato, oppure la corda per saltare che ...
Leggi >
 

Inizia il processo a Ghislaine Maxwell, socia di Epstein

Inizia il processo a Ghislaine Maxwell, socia di Epstein
Dodici giurati e sei supplenti sono stati scelti lunedì per ascoltare il caso di Ghislaine Maxwell. Maxwell, una ...
Leggi >
 

Traffici sessuali, il pilota di Epstein testimonia sul ruolo di Ghislaine Maxwell

Traffici sessuali, il pilota di Epstein testimonia sul ruolo di Ghislaine Maxwell
Il pilota Lawrence Paul Visoski Jr. che ha testimoniato al processo di Ghislaine Maxwell martedì, afferma che la ...
Leggi >