Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa

Di Joseph M. Hanneman

La sostenitrice di Trump andava su e giù, agitando le mani, frustrata, verso degli agenti immobili: «Chiama aiuto!»

Pochi istanti prima di essere uccisa a colpi di arma da fuoco, Ashli ​​Babbitt ha affrontato gli agenti di polizia a guardia delle porte della lobby del relatore al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, rimproverandoli per aver permesso ai rivoltosi di rompere le finestre e non aver chiesto rinforzi, come mostra un’analisi dei video.

L’analisi arriva sulla scia delle recenti rivelazioni secondo cui la Babbitt avrebbe tentato almeno altre quattro volte di fermare l’assalto alla lobby del relatore. La donna ha mostrato la propria disperazione quando i rivoltosi sono stati lasciati incontrollati e quando hanno persino rotto una finestra a pochi centimetri dalla testa di un agente di polizia.

Nel video, girato dal giornalista indipendente Tayler Hansen, la Babbitt viene vista seguire il rivoltoso Zachary Alam, mentre tenta di mettersi tra lui e uno dei tre agenti di polizia alle doppie porte della Speaker’s Lobby.

Alam, che è stato arrestato dall’Fbi il 30 gennaio 2021, sfonda due volte la finestra delle doppie porte.

La prima volta, afferra la spalla di un agente di polizia con la mano sinistra, poi prende a pugni un altro agente, colpendo la finestra, come mostra il video.

«Calmati! Rilassati [imprecazione, ndr], fratello!» qualcuno grida. «Ehi! Calmati!»

«Questi ragazzi lavorano per noi!» interviene qualcuno tra la folla, riferendosi alla polizia.

«Gli spari?» chiede un’altra persona.

Un uomo barbuto con un berretto rosso di Trump si lamenta del fatto che non gli è stato permesso di entrare nella lobby dell’oratore. «[imprecazione, ndr]! Non vogliamo fare del male a nessuno. Vogliamo solo entrare alla Camera».

Ha cercato di dissuadere un rivoltoso

La Babbitt cerca di mettersi tra Alam e uno degli agenti. Dice qualcosa ad Alam, ma lui la respinge. Alam poi alza il braccio destro e prende a pugni il finestrino accanto all’agente. Nel giro di pochi secondi, la Babbitt si arrabbia contro gli agenti per aver consentito la violenza e il vandalismo: «Chiama aiuto, [imprecazione, ndr]!» grida la Babbitt, saltando su e giù davanti agli ufficiali. «Ci è permesso stare qui!».

La Babbitt fa un paio di passi indietro. Non c’è alcuna reazione visibile da parte degli agenti, cosa che scatena la sua rabbia. «Sei un impostore!» lei grida. «Sei un [imprecazione, ndr] di impostore! Stai sbagliando!».

Dopo essersi allontanata, si può sentire la Babbitt urlare appena fuori dalla telecamera: «Take it down!». Hansen ritiene che intendesse invitare la folla a calmarsi.

Ashli ​​Babbitt osserva il rivoltoso Zachary Alam che prende a pugni il vetro della porta della Speaker’s Lobby al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. (Video Still / ©Tayler Hansen)

«Potresti dire che si stava decisamente arrabbiando», ha affermato il giornalista Hansen riguardando il video con Epoch Times. «Era tranquilla quando è arrivata lì per la prima volta. Poi, mentre la devastazione è continuata e più persone hanno iniziato a riempirsi ed è diventato più pericoloso, è allora che puoi dire che si stava davvero arrabbiando».

La Babbitt ha servito come agente di polizia nell’aeronautica americana durante i suoi 14 anni di servizio militare. Suo marito, Aaron, ha spiegato a Epoch Times che la sua esperienza con le forze dell’ordine probabilmente le diceva che qualcosa non andava: «Credo che vedesse la loro inazione come strana o sconveniente, e alla fine fosse confusa su ciò che stava accadendo. Era una persona abituata a prendere il comando. Le sue frustrazioni mostrano che i poliziotti che avrebbero dovuto prendere il comando […] non lo facevano. Avevo visto solo frammenti e non li avevo mai messi insieme», ha commentato Aaron Babbitt. «Riesco ora a sentire il panico confuso nella sua voce».

Nondimeno il signor Babbitt afferma che il video lo rende triste, dal momento che il suo ruolo di marito è quello di proteggere sua moglie. Aaron era rimasto a San Diego per gestire la piccola impresa della coppia mentre Ashli ​​partecipava alla manifestazione di Trump a Washington. Era intrappolata nel corridoio e claustrofobica: «Non aveva amici in quella stanza. Nessuno avrebbe mai badato a lei come ho sempre fatto io. Mi sento molto impotente».

Il signor Babbitt spera che l’analisi video dia al pubblico una migliore comprensione del caos nel corridoio: «Ho saputo che qualcosa non andava con l’intera situazione sin dal primo giorno. Speriamo che questo dia alle altre persone una prospettiva diversa, o almeno faccia dare a qualcuno una seconda occhiata con una mentalità diversa».

Ashli ​​Babbitt invita la polizia a chiedere rinforzi alle porte della Speaker’s Lobby del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. L’uomo a destra si lamenta che la folla non è stata lasciata entrare nella Camera di Rappresentanti. (ferma Video/ ©Tayler Hansen)

Hansen spiega che «quello che penso sia successo, dalla revisione del filmato e dal solo sapere cosa so di Ashli ​​dalla famiglia, è che probabilmente ha avuto un attacco di claustrofobia, perché sempre più persone continuavano a riversarsi e si è resa conto di essere in un brutta situazione. Quindi si è fatta strada verso l’area della finestra. Una volta che quella finestra si è rotta, penso che si sia resa conto che sarebbe stato un male per le persone all’interno se fossero state effettivamente in grado di sfondare completamente quelle porte. Penso che volesse essere la prima ad attraversare quella finestra in modo da poterla salvaguardare, onestamente. Riuscendo ad arrivare dall’altra parte della finestra dove si trovano gli agenti, nella sua mente sarebbe stata al sicuro».

Hansen ha spiegato di aver appena scoperto un video in live streaming di Instagram che lui stesso ha girato il 6 gennaio che mostra Babbitt mentre girava per la prima volta l’angolo nel corridoio della lobby degli oratori. Secondo Hansen, il video conferma ciò che lui ha detto a Epoch Times il 17 gennaio, cioè che la Babbitt era amichevole con gli agenti di polizia quando si è avvicinata per la prima volta alle porte. «Ashli ​​si avvicina a loro e sembra super felice; non sa a cosa sta andando incontro. Stava scherzando con la polizia proprio prima che Byrd le mettesse una pallottola addosso».

Hansen ha detto di aver incontrato Ashli ​​per la prima volta nella Rotonda del Campidoglio mentre entrava nell’edificio da sola. Successivamente l’ha vista mentre emergeva da una stanza con il ritratto di George Washington sul muro, quindi l’ha seguita nel corridoio dell’ingresso dell’oratore. Sono stati i primi due a raggiungere le doppie porte.

Incontro iniziato con calma

Il video «mostra lei e me che ci avviciniamo alla porta con l’agente Yetter e tutti gli altri poliziotti, e lei inizia a parlare con loro».

Hansen ha anche catturato il momento in cui il tenente Michael Byrd ha sparato alla Babbitt mentre si avvicinava al telaio della finestra aperta a destra delle doppie porte. Il caos nel corridoio si è trasformata rapidamente in panico e rabbia. «C’è un tiratore attivo qui! Tirala giù!» grida Hansen.

«Ha bisogno di aiuto! Ha bisogno di aiuto, [imprecazione, ndr]!» qualcuno urla.

Un uomo fuori dalle riprese la raggiunge (38 secondi del video) e controlla il collo di Babbitt cercando di sentire il battito. «Se n’è andata, ragazzi».

«Non possiamo [non udibile, ndr] se sei qui!» un agente di polizia grida alla folla. «Dobbiamo far venire l’ambulanza!».

«Fatevi indietro ragazzi, indietro!»

Un agente, sporgendosi dalla ringhiera delle scale, grida: «Sta per morire, [imprecazione, ndr]! Vuoi essere il prossimo?»

«Andate, andate! Tutti via, [imprecazione, ndr]!»

 

Articolo in inglese: Ashli Babbitt Pleaded With Police to Call for Backup Moments Before She Was Shot and Killed

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Vaiolo scimmie, Biden compra 119 milioni di dollari di vaccini

Vaiolo scimmie, Biden compra 119 milioni di dollari di vaccini
L'amministrazione Biden ha ordinato milioni di dosi di un vaccino destinato alla protezione contro il vaiolo delle scimmie, ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >