Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti

Di Cheng Xiaonong

Da quando il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha avviato la nuova guerra fredda Usa-Cina nella prima metà del 2020, le forze armate statunitensi hanno riconosciuto la gravità del problema e hanno quindi accelerato il loro armamento e pubblicato una serie di rapporti pubblici sulle minacce militari del Pcc.

Tuttavia, quando l’esercito americano ha cercato di supplire alle carenze nella sicurezza nazionale, ha incontrato una forza crescente che spinge verso la ‘pacificazione’ con la Cina, in patria. E affinché gli Stati Uniti vincano questa nuova guerra fredda, devono prima sconfiggere quelle voci di pacificazione.

Politiche di pacificazione: passato e presente

In questo contesto, la definizione di pacificazione è fare concessioni politiche ed economiche verso la strategia espansionistica di un regime totalitario, per raggiungere una pace temporanea.

Il primo ministro britannico Neville Chamberlain è noto per la sua politica estera dell’appeasement o di pacificazione nei confronti della Germania.
Nel 1938, Chamberlain firmò l’accordo di Monaco con la Germania nazista, che cedette i Sudeti della Cecoslovacchia alla Germania. Il 30 settembre 1938, tornò a Londra da Monaco e annunciò trionfalmente al pubblico di aver assicurato «la pace per il nostro tempo». Tuttavia, la sua cosiddetta pace durò solo sei mesi. La Germania nazista annesse la Cecoslovacchia nel marzo 1939 e invase la Polonia nel settembre 1939. Di conseguenza, la Gran Bretagna dovette dichiarare guerra alla Germania.

A quel tempo, alcuni giornali britannici sostenevano la politica della pacificazione di Chamberlain. Ad esempio, Norman Ebbutt, un giornalista del Times of London di stanza a Berlino in quel momento, ha avvertito della guerra nazista, ma l’editore del Times ha soppresso i suoi rapporti. Inoltre, i risultati di un sondaggio Gallup del 1938 – che dimostrava che l’86 per cento del pubblico in Gran Bretagna credeva che Adolf Hitler mentisse sulle sue future ambizioni territoriali – furono censurati all’ultimo minuto dall’editore del News Chronicle che era fedele a Chamberlain.
Inoltre, lo stesso Chamberlain manipolò direttamente la Bbc per ostentare la sua politica di pacificazione e proibì alla Bbc di criticare Hitler e il dittatore italiano Benito Mussolini.

In seguito gli storici britannici hanno criticato il completo fallimento dell’accordo di Monaco di Chamberlain, che ha impedito alla Gran Bretagna di fare tutti i preparativi per la seconda guerra mondiale sui campi di battaglia europei.

missili cinesi
Missili cinesi sono sui camion durante una parata militare a Pechino il 3 settembre 2019 (Kevin Frayer / Getty Images)

Oggi, il regime totalitario del Pcc persegue il suo obiettivo di dominare il mondo e di egemonia internazionale, intraprendendo un percorso che minaccia la pace nel mondo. Ma, nel frattempo, negli Stati Uniti e in tutto il mondo è emersa una nuova era per la pacificazione con la Cina.

Una volta iniziata la nuova guerra fredda Usa-Cina nel 2020, molti politici statunitensi, sotto l’influenza del politicamente corretto, hanno deliberatamente chiuso un occhio sul fatto che il Pcc sta minacciando militarmente gli Stati Uniti. E il presidente Joe Biden ha persino attenuato la definizione del rapporto del Pcc con gli Stati Uniti da nemico strategico a «concorrente».

È un dato di fatto, molte persone in tutto il mondo hanno interpretato la dura posizione dell’amministrazione Trump nei confronti del Pcc come la causa di questa nuova guerra fredda, ignorando il fatto che sono state le azioni del Pcc a portare alla situazione attuale.

Minacce militari di Pechino e strategia espansionistica

Il Pcc ha lanciato in modo proattivo tre operazioni militari contro gli Stati Uniti nella prima metà del 2020.

In primo luogo, il regime cinese ha inviato una flotta navale alla base militare statunitense di Midway Island come provocazione militare.

In secondo luogo, il Pcc ha annunciato che controllerà le intere acque internazionali del Mar Cinese Meridionale e le userà come una «fortezza d’alto mare» per sottomarini nucleari strategici in grado di lanciare missili diretti agli Stati Uniti.

In terzo luogo, il Pcc ha annunciato che il suo sistema di navigazione satellitare Beidou è pienamente operativo e che consentirà un puntamento preciso delle armi nucleari cinesi contro gli Stati Uniti.

Ora che la Cina è una grande potenza con un gran numero di armi nucleari, sono state le minacce del Pcc che hanno effettivamente innescato la guerra fredda Usa-Cina.

Nell’ottobre 2020, il Pcc ha rivisto la sua legge sulla difesa nazionale, che giustificava l’entrata in guerra se gli «interessi di sviluppo» della Cina fossero stati colpiti. Incluso in questo sforzo ci sarebbe il lancio di una campagna nazionale per mobilitare i cittadini cinesi a partecipare il più possibile alla guerra. In un precedente articolo dell’autore, L’ambivalenza della politica cinese di Biden» (stampato nell’edizione del 31 marzo), si spiega tale situazione nel dettaglio.

Inoltre, il Pcc ha recentemente approvato la «Legge sulla Polizia Marittima», dichiarando che le grandi navi della polizia marittima sarebbero state utilizzate per far rispettare la legge nelle acque che il Pcc considera come suo territorio. Questo è un atto per prendere con la forza il controllo delle acque internazionali.

Queste audaci mosse indicano che il Pcc sta implementando passo dopo passo la sua strategia espansionistica straniera, e che i suoi Paesi vicini, così come gli Stati Uniti, che cercano di proteggere la regione indo-pacifica, stanno affrontando minacce crescenti. Eppure, di fronte a questa situazione internazionale, è apparso un atteggiamento di pacificazione.

Propaganda di pacificazione odierna

Il 17 marzo, l’edizione cinese della Bbc ha pubblicato un’analisi di notizie dal titolo «Vertice Usa-Cina in Alaska: i diplomatici riusciranno a rompere il ghiaccio?».

«Ci sono profonde differenze tra Cina e Stati Uniti su questioni come l’economia, il commercio e i diritti umani. L’anno scorso, le relazioni bilaterali sono scese al punto più basso negli oltre quattro decenni dall’inizio delle relazioni diplomatiche«», afferma l’articolo.

Il deterioramento delle relazioni tra Cina e Stati Uniti è causato solo da questioni economiche, commerciali e dei diritti umani? La Cina ha un regime totalitario e autocratico e le violazioni dei diritti umani sono sempre state un grosso problema da quando il Pcc ha preso il potere. Le questioni economiche e commerciali tra Stati Uniti e Cina esistono da più di un decennio.

Questi non sono affatto problemi nuovi. I precedenti presidenti degli Stati Uniti, a eccezione di Donald Trump, erano tutti tranquilli di fronte a una realtà così dura. Si sono limitati a fare un po ‘di parole e hanno mantenuto una relazione di «luna di miele» con la Cina. La vera ragione per cui le relazioni Usa-Cina sono scese a un punto basso è che il Pcc ha iniziato la nuova guerra fredda e ha minacciato apertamente la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Questo è lo stato attuale delle relazioni tra Stati Uniti e Cina.

A marzo, il New York Times ha pubblicato un articolo intitolato con un tono simile: «È stato veloce: esplosioni con Cina e Russia nei primi 60 giorni di Biden». L’autore, David Sanger lavora per il Ny Times da 38 anni, e si concentra sulle relazioni internazionali.

Sanger ha trattato a lungo questioni relative alla Casa Bianca e alla sicurezza nazionale. Sicuramente sa come trovare le ultime informazioni sullo scontro tra Stati Uniti e Cina dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dai siti web del Pentagono. Tuttavia, ha completamente ignorato i ripetuti avvertimenti delle forze armate statunitensi riguardanti le minacce militari del Pcc, dicendo: «Anche se la Guerra Fredda non è ripresa, c’è poco della minaccia nucleare di quell’epoca, e l’attuale competizione è sulla tecnologia, conflitti informatici e operazioni di influenza: le scene che si svolgono ora sono solo echi dei brutti vecchi tempi».

Se il Pcc sta davvero solo espandendo la sua influenza internazionale in termini di tecnologia e conflitti informatici, come dice Sanger, perché il regime ha inviato la sua flotta alla base militare statunitense a Midway Island nel gennaio 2020 e ha chiaramente affermato che le sue esercitazioni intimidatorie avevano lo scopo di «puntare la spada contro Pearl Harbor?». E perché il Pcc ha annunciato nel giugno 2020 che il sistema satellitare Beidou gli avrebbe consentito di lanciare un attacco preciso utilizzando missili nucleari in qualsiasi località degli Stati Uniti? La minaccia dei missili nucleari non è una minaccia nucleare? La minaccia missilistica nucleare dell’Unione Sovietica nel passato non aveva una navigazione precisa: la sua minaccia nucleare per gli Stati Uniti era molto più piccola di quella rappresentata dal Pcc oggi.

lanciatore spaziale
Il lanciatore spaziale Lunga Marcia 3B che trasporta il satellite Beidou-3GEO3, Xichang, nella provincia cinese del Sichuan, il 23 giugno 2020. (STR / AFP tramite Getty Images)

Uno dei motivi per cui il Pcc non teme gli Stati Uniti è che c’è un gran numero di figure influenti pro-Pcc, simili a una quinta colonna, all’interno della cerchia di influenza del Partito Democratico. Questi tentano di manipolare la politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina, minimizzare la minaccia del Pcc alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di modellare le politiche degli Stati Uniti in modo che favoriscano il Pcc.

Questa fazione del «politicamente corretto» ha buoni sentimenti verso il marxismo, il Partito Comunista e Mao Zedong. Quindi naturalmente non amano le azioni che attaccano o sopprimono il Pcc. Sebbene questa fazione differisca nei loro obiettivi e motivazioni dalla pacificazione sotto Chamberlain in Gran Bretagna, gli effetti delle loro azioni sono molto simili.

L’esercito americano fa i preparativi di guerra

Di fronte all’espansionismo globale del Pcc e alle minacce militari agli Stati Uniti, i leader militari statunitensi negli ultimi mesi hanno continuamente testimoniato al Congresso la necessità di preparativi per la guerra e di sicurezza nazionale, e hanno pubblicato una serie di rapporti sulle minacce militari del Pcc verso gli Stati Uniti e i preparativi da parte degli Stati Uniti.

La Marina degli Stati Uniti, il Dipartimento della Difesa e il Congresso hanno tutti rilasciato una serie di rapporti come riferimento per la definizione delle politiche. Oltre al rapporto The US Strategic Framework for the Indo-Pacific, che è stato formulato nel 2018 e pubblicizzato alla fine del 2020 dall’amministrazione Trump, la US Navy ha anche rilasciato diversi rapporti che di solito sono inaccessibili al pubblico e ai Paesi stranieri.

Un rapporto, intitolato China Naval Modernization: Implications for US Navy Capabilities — Background and Issues for Congress, ha superato la sua revisione finale il 27 gennaio. Un altro era un piano di navigazione decennale, il 2021 Chief of Naval Operations Navplan, pubblicato dal capo delle operazioni navali della Marina degli Stati Uniti l’11 gennaio.
Il rapporto ha definito la Cina come la più grande minaccia per gli Stati Uniti e ha delineato le azioni dettagliate che la Marina degli Stati Uniti deve intraprendere per competere e vincere.

C’era anche un rapporto di ricerca navale per il pubblico americano intitolato Advantage at Sea: Prevailing with Integrated All-Domain Naval Power. Rilasciato nel dicembre 2020, era incentrato sulla discussione sull’integrazione della Marina degli Stati Uniti, del Corpo dei Marines e della Guardia Costiera, per «competere con, scoraggiare e, se necessario, sconfiggere» il nemico degli Stati Uniti.

In risposta al rapporto della Marina, il 28 gennaio il Servizio di ricerca del Congresso degli Stati Uniti ha anche pubblicato un rapporto intitolato «Competizione strategica Usa-Cina nei mari della Cina meridionale e orientale: sfondo e questioni per il Congresso». Non serve solo come riferimento per il Congresso per discutere le politiche e i bilanci della difesa, ma anche per il pubblico americano per comprendere l’attuale situazione dello scontro marittimo Usa-Cina.

flotta cinese
Membri dell’equipaggio della flotta cinese del Mare del Sud che hanno preso parte a un’esercitazione nelle isole Xisha o nelle isole Paracel nel Mar Cinese Meridionale il 5 maggio 2016. Pechino afferma sovranità su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, sulla base di una linea segmentata apparsa per la prima volta sulle mappe cinesi negli anni Quaranta, contrapponendola a diversi vicini. (Ben Dooley / STR / AFP tramite Getty Images)

Nel numero di febbraio dell’autorevole rivista Proceedings, l’ammiraglio Charles Richard, comandante del Comando strategico degli Stati Uniti, ha scritto un articolo sulla Marina degli Stati Uniti che invitava i leader militari statunitensi e il governo federale a tenere sotto controllo l’aggressione cinese e ad affrontare la «reale possibilità» di guerra nucleare. Richard ha avvertito che Russia e Cina hanno «iniziato minacciosamente a sfidare le norme internazionali» in «modi mai visti dal culmine della Guerra Fredda. Questi comportamenti sono destabilizzanti e, se lasciati incontrollati, aumentano il rischio di una grande crisi o conflitto di potere».

Il 2 febbraio, la candidata del vice segretario alla Difesa, Kathleen Hicks, durante la sua audizione di conferma al Senato ha dichiarato: «Dobbiamo modernizzarci se la deterrenza deve durare e, se confermata, cercherò di aumentare la velocità e la portata dell’innovazione».

Questa udienza ha discusso la questione principale dell’insufficiente finanziamento navale, compreso il budget insufficiente per il piano di costruzione navale a lungo termine della Marina.

Questa è la prima volta negli oltre 70 anni dopo la seconda guerra mondiale, che gli Stati Uniti hanno pubblicato rapporti militari così intensamente. È una chiara indicazione dell’urgenza della situazione. E tutti questi rapporti indicano la formazione militare del Pcc come una grave minaccia per gli Stati Uniti.

La controversia sulla spesa militare degli Stati Uniti

Secondo un rapporto del Wall Street Journal del 24 gennaio, l’esercito americano ha notato per la prima volta la minaccia dell’esercito cinese agli Stati Uniti, nel 2018.

Il Dipartimento della Difesa ha deciso di rivolgere la sua attenzione alla «grande competizione per il potere», cioè «un importante cambiamento nella spesa e nei programmi per contrastare Cina e Russia», afferma il rapporto.

Il segretario alla Difesa, Lloyd Austin, sta valutando la possibilità di stanziare fondi in base a questo importante cambiamento. Ad esempio, la Marina sta perseguendo lo sviluppo di navi senza pilota, l’Air Force sta lavorando alla modernizzazione dei bombardieri B-52 e i Marines si stanno sbarazzando dei loro carri armati e  stanno sviluppando invece la capacità di operare dalle isole del Pacifico occidentale per contrastare la flotta cinese, secondo il rapporto.

Gli attuali preparativi di guerra negli Stati Uniti sono molto migliori di quelli visti prima dell’attacco di Pearl Harbor, che ha innescato la partecipazione degli Stati Uniti alla seconda guerra mondiale, ma ci sono ancora alcune somiglianze: intelligenza e armi insufficienti. Il vero problema è l’insufficiente budget per la difesa.

Sotto l’amministrazione Obama, la spesa militare è stata notevolmente ridotta, il che ha portato all’attuale problema di un’insufficiente budget. Quando l’esercito americano ha esortato la Casa Bianca, il Congresso e il pubblico a sbrigarsi e a prepararsi per la guerra in risposta alla crescente minaccia del Pcc – un nemico che gli Stati Uniti avevano trascurato per molto tempo – l’attuale amministrazione e il Congresso avrebbero dovuto collaborare.

Tuttavia, la fazione del politicamente corretto al potere è andata nella direzione opposta. Sebbene non possano negare il fatto della minaccia militare del Pcc, la loro politica di pacificazione si riflette nel modo in cui valutano e approvano i bilanci militari.

Negli ultimi mesi, funzionari delle forze armate statunitensi, nonché alti generali e generali in pensione del Comando strategico, hanno testimoniato davanti ai comitati militari di entrambe le camere del Congresso, che la difesa militare degli Stati Uniti è inadeguata rispetto alla formazione militare del Pcc, e questo perché l’amministrazione Obama l’ha notevolmente sottofinanziata in passato.

Tuttavia, Biden e alcuni Democratici al Congresso hanno reagito passivamente ai forti appelli dei militari. La richiesta di difesa nazionale non sembra rientrare nell’ambito del politicamente corretto. L’amministrazione Biden è molto generosa nel pagare enormi somme di denaro agli immigrati clandestini. È anche risoluta e generosa nell’aumentare le spese diplomatiche e nel dare soldi ad alcune organizzazioni senza scopo di lucro, in modo che possano nutrire più sostenitori democratici. Ma l’amministrazione Biden e i Democratici in Congresso hanno in programma di tagliare le spese militari.

Il 10 marzo e il 16 marzo il sito web ufficiale della Marina ha riportato che il primo budget militare dell’amministrazione sarebbe stato tagliato del 2,5 per cento rispetto all’anno fiscale precedente. A causa di questa riduzione, il Pentagono ha dovuto considerare di ridurre le dimensioni della flotta navale. Di conseguenza, gli Stati Uniti dovranno affrontare la difficoltà di risorse militari inadeguate quando cercheranno di adempiere al loro impegno a salvaguardare la regione indo-pacifica.

Il 3 marzo Politico ha riferito che il comandante del Comando indo-pacifico degli Stati Uniti, Phil Davidson, ha chiesto al segretario della difesa di fare pressione sul Congresso per approvare un budget di quasi 5 miliardi di dollari nel 2022, per contrastare il rafforzamento della Cina nella regione, che include denaro per nuovi missili di difesa. La richiesta di Davidson ha ricevuto «feedback positivi» dai massimi leader del Pentagono, ma il presidente dei servizi armati della Camera, Adam Smith (D-Wash.), ha dichiarato di essere scettico riguardo a un maggiore aumento della spesa per la difesa. Varrebbe la pena guardare a quali sarebbero le sue ragioni.

Da un lato, quest’anno il Pcc ha aumentato le spese militari del 6,8 per cento; d’altro canto, quest’anno gli Stati Uniti ridurranno la loro spesa militare del 2,5 per cento. Non riflette questo una politica di pacificazione? La fazione del politicamente corretto non oserebbe criticare esplicitamente le forze armate statunitensi, ma nelle loro azioni stanno ripetendo il chamberlainismo.
Per gli Stati Uniti, questo è uno dei tanti pericoli che il Paese deve affrontare.

 

Cheng Xiaonong è uno studioso di politica ed economia cinese con sede nel New Jersey. Cheng era un ricercatore politico e aiutante dell’ex leader del Partito Comunista Cinese Zhao Ziyang. È stato anche capo redattore di Modern China Studies.

 Le opinioni espresse in quest’articolo sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente il punto di vista di Epoch Times.

Articolo in inglese: Beware of the China Appeasement Crisis Looming in the US



 
 
 

Il leader cinese Xi Jinping e il suo piano per controllare internet a livello globale

Il leader cinese Xi Jinping e il suo piano per controllare internet a livello globale
Il leader cinese Xi Jinping vuole prendere il controllo di internet a livello globale. A rivelarlo alcuni documenti ...
Leggi >
 

Migliaia di persone riunite a Taipei per celebrare la Giornata mondiale della Falun Dafa

Migliaia di persone riunite a Taipei per celebrare la Giornata mondiale della Falun Dafa
Il primo maggio a Taiwan, circa 5 mila praticanti del Falun Gong vestiti con abiti colorati si sono ...
Leggi >
 

I primi 100 giorni di Biden, una trasformazione radicale dell’America

I primi 100 giorni di Biden, una trasformazione radicale dell’America
Durante la campagna del 2020, il presidente Donald Trump e molti conservatori avevano dichiarato che dietro la facciata ...
Leggi >
 

Il Consiglio di sorveglianza di Facebook conferma la sospensione di Trump

Il Consiglio di sorveglianza di Facebook conferma la sospensione di Trump
La decisione di bandire l'ex presidente Donald Trump da Facebook è stata confermata mercoledì dal Consiglio di sorveglianza ...
Leggi >