Per i brand dei profumi non esistono più l’uomo e la donna

Di Alessandro Starnoni

Non sentiremo più affermare «questo profumo è per donna» o viceversa «pour homme», perché adesso anche i brand dei profumi si stanno adattando al cambiamento ‘genderless’, ovvero senza l’indicazione di genere: difficile dire se sia una moda passeggera o un vero e proprio paradigma ‘controculturale’ destinato a durare.

Come fa notare Ansa infatti, diverse aziende di profumi presenti a Fragranze, fiera della profumeria artistica a Firenze, da 19-69 ad Atelier Oblique hanno presentato prodotti privi della distinzione di genere.

La tendenza non è nuova dato che già da diversi anni esistono, ad esempio nel settore dell’abbigliamento, prodotti ‘unisex’, ma è innegabile che quella del ‘genderless’ è una tendenza a sé stante e un’impronta caratteristica dei nostri tempi. Una sorta di diktat del mercato e della moda, o del politically correct, al quale molti marchi si stanno allineando, noncuranti persino delle proteste accese delle più note femministe, che ovviamente vedono nella teoria no-gender una minaccia all’identità stessa della donna.

Per altri, la teoria gender sarebbe una conseguenza o diramazione del più ampio e oscuro tema della ‘Cancel culture’, portata avanti dalla sinistra progressista più illiberale, proprio perché andrebbe a scardinare la tradizionale visione e cultura che vede l’uomo e la donna come due figure fondamentali per la generazione e il nutrimento della vita e quindi per l’equilibrio della società, nonché per la prosperità dell’umanità.

E proprio su quest’ultimo punto si sta creando un forte paradosso: le femministe, che notoriamente hanno posizioni più a sinistra, per difendere l’identità della donna si vedono costrette a criticare apertamente una teoria di stampo progressista e ad abbracciare, seppur per ‘mero interesse’, un aspetto basilare della visione conservatrice, secondo cui l’uomo e la donna formano la famiglia.

 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >