Capire l’Afghanistan: Xi Jinping, come Hitler, ha occupato i Sudeti

Di John Mills

L’autore dell’articolo, il colonnello (in pensione) John Mills, è un professionista della sicurezza nazionale statunitense, che ha prestato servizio in cinque epoche: Guerra Fredda, Peace Dividend, Guerra al terrore, World in Chaos e quella attuale: Great Power Competition. È stato direttore della politica, della strategia e degli affari internazionali della sicurezza informatica presso il Dipartimento della Difesa.

 

Mentre cerchiamo di capire cosa è successo il 26 agosto all’aeroporto di Kabul, stanno venendo alla luce alcuni fatti inquietanti.

In occasione di un movimento militare retrogrado (un ritiro, in termini civili), soprattutto quando condotto sotto costrizione, la sicurezza è uno dei fattori primari da tenere in conto nella pianificazione. Con gli attacchi letali che hanno avuto luogo all’Abbey Gate dell’aeroporto e vicino al Baron Hotel a Kabul, ora si scopre che non erano le forze statunitensi a controllare il perimetro dell’aeroporto, ma erano elementi talebani.

Questo è molto scoraggiante e viola i principi fondamentali della sicurezza nella pianificazione militare a livello tattico. Sorge una domanda logica: chi ha permesso o diretto questa concessione o questa costrizione?

Le forze militari statunitensi non solo avrebbero dovuto controllare in modo decisivo il perimetro e i punti di accesso, ma avrebbero anche dovuto stabilire una zona cuscinetto di sicurezza da due a 16 km al di fuori, sulla base delle valutazioni dell’intelligence e della stima del comandante tattico.

Questo buffer includerebbe le strade ad alto rischio per i gate, che è il luogo in cui si sono verificate le detonazioni del 26 agosto. A quanto pare, non è stata implementata una zona di sicurezza. Non sto in alcun modo mettendo in discussione alcun comandante militare statunitense sul campo, e la situazione è caotica e in evoluzione, ma sta emergendo un quadro strano sulla debacle complessiva del ritiro. Ancora una volta, chi ha permesso o diretto questa concessione o costrizione?

Un altro aspetto molto importante è la sicurezza operativa; questo significa due imperativi chiave.

In primo luogo, dovrebbe esserci uno stretto controllo dei dettagli operativi, ma allo stesso tempo un messaggio di fermezza, determinazione e chiarezza. Il panico più totale e la corsa all’aeroporto dimostrano il fallimento del secondo imperativo.

Il primo imperativo è stato anche messo in discussione dall’assolutamente sconcertante ammissione che erano stati consegnati degli elenchi degli americani e di coloro che hanno lavorato con gli americani e tutti i dati biometrici degli afgani che hanno aiutato le forze statunitensi. È sconcertante e forse illegale consegnare questo. L’amministrazione sembra ritenere che i talebani siano buoni, altri cattivi. I talebani sono fazioni proprio come gli altri gruppi. Chi ha permesso o diretto questa concessione o costrizione?

Il presidente Joe Biden ha indicato l’ex presidente Donald Trump durante la sua conferenza stampa del 26 agosto, ma non ha spiegato la differenza fondamentale.

La strategia di Trump si basava sul fatto che i talebani soddisfacessero delle condizioni a più livelli che avrebbero consentito un ritiro graduale e ordinato. Il fallimento su tutti questi fattori ricorda un quadro di eventi storici passati come la sconsiderata strategia francese di Dien Bien Phu o il panico totale e il crollo dell’Iran nel gennaio 1980, quando l’esitazione del presidente Jimmy Carter portò all’ordine alla Cia di cessare l’assistenza: panico e caos sono seguiti in Iran dopo questo primo caso di ‘virtue signaling’ [un mettere in mostra un’azione che si presume virtuosa, vantandosene implicitamente o esplicitamente, ndr]

In ogni caso, l’intero disastro di Kabul ha prodotto un enorme vuoto geopolitico, che non è mai positivo.

La Cina riempie il vuoto

In qualche modo, c’è un’altra analogia storica per l’ Afghanistan: l’occupazione dei Sudeti da parte di Hitler. Questo fu uno dei passaggi chiave del leader tedesco nel percorso verso lo scoppio della seconda guerra mondiale. La Cina è il primo benefattore del vuoto creato dagli Stati Uniti. La Cina ha bisogno dell’Afghanistan per quattro ragioni: accesso all’energia, metalli delle terre rare, protezione di uno Stato periferico e prestigio.

La Cina ha tre vulnerabilità strategiche nella sua battaglia per togliere la leadership mondiale agli Stati Uniti. Il primo è l’accesso al mercato dei capitali americano. L’onnipotente dollaro Usa è ancora la valuta principale che la Cina è costretta a utilizzare. In questa vulnerabilità, Xi sta facendo i capricci sciogliendo molteplici offerte pubbliche iniziali da parte di aziende cinesi attraverso i mercati dei capitali statunitensi per accedere al capitale.

È sconcertante, ma Xi è più preoccupato della minaccia delle aziende high-tech cinesi alla stabilità del regime del Pcc, che del loro accesso al capitale. Le prossime due vulnerabilità strategiche per la Cina sono la dipendenza dall’importazione di energia e cibo.

L’Afghanistan risolve la vulnerabilità strategica energetica cinese grazie al potenziale degli oleodotti e dei gasdotti attraverso l’Afghanistan fino al Pakistan (e facilmente estesi alla Cina) e il suo principale fornitore di petrolio, l’Iran.

L’Afghanistan fornisce anche grandi scorte di metalli delle terre rare.

E infine, il crollo e il caos della presenza occidentale in Afghanistan consentono alla Cina di essere la principale influenza straniera in Afghanistan, di assicurarsi uno Stato periferico e di ridacchiare per l’umiliazione degli Stati Uniti.

Hitler prese i Sudeti; La Cina ha preso il Sudetestan. Ma la Cina è sotto pressione economica in patria, e la storia ci insegna ciò che i leader totalitari fanno di solito in questa situazione.

Che succede poi?

La totale incoscienza dell’amministrazione Biden ha rispecchiato la crisi iraniana di Carter. La debacle afghana invia un forte via libera al Pcc per quanto riguarda il probabile successo in un ulteriore avventurismo internazionale. Il messaggio dell’amministrazione Biden è che c’è una mancanza di interesse americana nell’affermare gli interessi nazionali degli Stati Uniti.

Se è così, perché non continuare con altri Paesi vicini? Il crollo dell’America in Afghanistan dà alla Cina un immenso ritorno sugli investimenti. Suggerirei che l’ovvio è vero: la Cina può ora ruotare verso est e concentrarsi su Taiwan.

Il rapido aumento delle capacità di guerra anfibia della Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo (Plan), negli ultimi due anni è stato preoccupante, in particolare la sua imitazione dei principali operatori navali statunitensi: il Military Sealift Command e la National Defense Reserve Fleet.

La Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo (Plan) non ha mai effettuato un atterraggio forzato prima, quindi la strategia ovvia è condurre una corsa a secco da qualche parte prima di effettuarla realmente a Taiwan. Ma dove? Se fossi un pianificatore della Plan, penserei che l’isola settentrionale di Luzon nelle Filippine è il luogo più intuitivo.

Il Giappone si sta muovendo per militarizzare la catena di isole sul fianco destro posteriore di Taiwan. Se la Cina si muove su Taiwan, il Giappone mostra determinazione nel difendere Taiwan. La domanda è: e l’America?

 

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Afghanistan in Context: Xi Jinping Has Occupied the Sudetenstan

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista
Epoch Times Italia ha intervistato Filippo Dellepiane, studente 19enne di Filosofia a Firenze e coordinatore di 'Studenti contro ...
Leggi >
 

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’
Il leader cinese Xi Jinping vuole infondere 'lealtà' a tutti i cittadini cinesi, a cominciare dagli studenti delle ...
Leggi >
 

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia
Grazie alla richiesta del Freedom of Information Act sono state pubblicate oltre 900 pagine di documenti che rivelano ...
Leggi >
 

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione
L'8 settembre i talebani hanno annunciato il divieto di tutti gli slogan, manifestazioni e proteste che non hanno ...
Leggi >