Cari capi, non trattate i lavoratori come bambini

L’autore dell’articolo, Jeffrey A. Tucker, è il fondatore e presidente del Brownstone Institute e l’autore di molte migliaia di articoli sulla stampa accademica e popolare, oltre a 10 libri in cinque lingue, il più recente “Liberty or Lockdown”. È anche l’editore di The Best of Mises. Scrive una rubrica quotidiana di economia per Epoch Times americano e parla ampiamente di argomenti di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

 

La direzione aziendale di Goldman Sachs ha completamente eliminato l’obbligo di vaccino per i lavoratori. Gloria! Perché l’azienda ha fatto questo? Perché aveva bisogno che i suoi dipendenti tornassero in ufficio. Questo presumibilmente elimina la barriera finale, ma allo stesso tempo minimizza il significato del divieto precedente.

Quando il tuo stesso datore di lavoro viola i tuoi diritti umani fondamentali attraverso un ricatto medico, minacciando il tuo sostentamento sulla base del rispetto dell’obbligo di sottoporsi a un rimedio sperimentale affrettato finanziato e spinto dal governo, le persone hanno il diritto di sentirsi piuttosto prese in giro.

La direzione ha finalmente deciso che gli obblighi di vaccinazione non erano il modo migliore per invogliare le persone a sgobbare in ufficio e affrontare di nuovo tutto il disordine del posto di lavoro piuttosto che languire nel comfort dei loro soggiorni per sempre.

È tragico che ci sia voluto così tanto tempo. Sappiamo da più di un anno che le vaccinazioni sono inutili in questo caso. Non fermano l’infezione. Non interrompono la trasmissione. Aumentare la percentuale di conformità in questo caso non conferisce alcun vantaggio alla comunità. Nessuno in ufficio è in qualche modo più al sicuro in virtù del fatto di essere circondato da persone completamente vaccinate, come spero ormai sappiamo.

Perché così tante società private hanno accettato gli obblighi? Sono stati spinti a farlo dai media, dal governo e dalla Big Tech. La scelta è stata non scientifica e brutale nei confronti dei dipendenti. A ciò si aggiungono gli obblighi di mascherina che così tanti datori di lavoro hanno imposto a lavoratori e clienti. Copriti la faccia! Il tuo respiro è veleno!

Tali requisiti rivelano una reale mancanza di rispetto per l’integrità fisica degli altri.

Immagina di aver lavorato per tutta la tua carriera nel settore finanziario e di aver raggiunto l’apice della tua professione con una posizione di consulente presso Goldman. Un giorno arriva il promemoria: fatti il ​​vaccino o fatti licenziare. Oltraggioso. Poi l’hanno ridimensionato e hanno detto che se vuoi tornare in ufficio, devi essere vaccinato. Ancora scandaloso.

Quindi è del tutto comprensibile che le persone facciano resistenza. Un altro problema è che le persone hanno imparato a lavorare bene a casa utilizzando tutti gli strumenti ora disponibili per gli uffici, inclusi Slack e Teams e ogni tipo di hangout e videochiamate. Ha funzionato per un anno, non sempre bene e non c’è dubbio che di persona sia complessivamente migliore per la produttività.

Eppure, a che scopo serve far tornare tutti a sedersi in un ufficio mentre usano gli stessi identici strumenti per comunicare che altrimenti userebbero a casa? Lo scopo principale è far parte di una comunità di persone che è attivamente impegnata ma che richiede che le persone siano generalmente felici e fiduciose nel proprio valore e apprezzino sia i colleghi che i capi. Di questi tempi, è una rarità.

Si consideri la differenza che Spotify ha fatto come azienda. Ha 8.600 dipendenti, il che sembra un bel po’ di gente. Erano quasi del tutto in remoto durante il lockdown. Ricordiamo che la società ha subito forti pressioni da parte dei media nazionali per eliminare i podcast di Joe Rogan su argomenti relativi alla pandemia, sulla base del fatto che stava permettendo la messa in onda di cose indicibili.

L’azienda non si è arresa! Non solo, Spotify ha consentito che la sua piattaforma venisse utilizzata per la creazione di fantastici contenuti dissidenti. Questo è andato avanti per tutto il tempo.

Quindi sì, considero questa azienda tra i buoni.

Bene, Spotify è finalmente tornata in ufficio quest’anno e indovina un po’? Sono tornate molte più persone di quanto la direzione si aspettasse. Perché? Forse perché volevano essere lì! E perché? Perché nessuno ha forzato il risultato.

Questo è un grande principio per la vita stessa. Lasciate che le persone siano libere di fare delle scelte e saranno più felici, perché almeno la prima condizione dell’impegno umano è soddisfatta: l’autorità è riconoscere la dignità della volontà umana.

Katarina Berg, responsabile delle risorse umane di Spotify, ha spiegato al Wall Street Journal il suo pensiero: «La psicologia entra in gioco su questo», ha detto Berg. «Nessuno mi sta dicendo che devo entrare. È solo una mia scelta. E penso che sia molto importante anche per te come essere umano. Sono intelligente; So come voglio fare il mio lavoro e quando voglio fare il mio lavoro».

Ha aggiunto: «Se recluti adulti e poi li tratti come bambini, ti si ritorcerà contro».

Wow, per favore, rileggetelo! Tratta le persone come adulte, non come bambini. Che pensiero rivoluzionario! E dal capo delle risorse umane nondimeno! So che migliaia di lettori di questo in questo momento stanno dicendo la stessa cosa: «Vorrei che la mia azienda avesse un capo delle risorse umane con queste opinioni!»

Ecco l’essenza del problema di oggi. Il governo ci ha trattati come bambini. Big Tech ci ha trattati come bambini. Le grandi multinazionali hanno trattato tutti i loro lavoratori come bambini. Questo è andato avanti per molto tempo, ma non è mai stato così male come dalla risposta alla pandemia. Hanno osato dividere le persone per classe e abilità lavorative come se fossimo alle medie. Ci hanno detto cosa fare e cosa non fare come se fosse la terza elementare.

Oh, e tutto questo è stato completato da vignette assurde pubblicate dal Cdc. E che dire di questa incessante istruzione di «lavarsi le mani?» Sì, non sto scherzando. Lo sappiamo. Perché continuavano a dirlo? Non era per dare consigli sulla salute, per quanto lo sia lavarsi le mani. Lo scopo era trattarci tutti come bambini in modo che cominciassimo a crederci.

I cartelli mostrano informazioni sulle mascherine alla Penn Station di New York il 2 agosto 2021. (Kena Betancur/AFP tramite Getty Images)

È lo stesso con gli adesivi ridicoli sul pavimento come se fosse una scuola materna e le richieste di allinearle in un certo modo come se fosse la terza elementare. Non si trattava di salute. Era un tentativo deliberato di infantilizzare la popolazione. Ecco perché tutte queste esortazioni alla fine sono state ridotte a cartoni animati e affisse in tutti i principali snodi dei trasporti.

Ci trattano come bambini. Hanno censurato ciò che potevamo sentire e fare ancora. Ci hanno dato istruzioni ininterrotte in ciò che dovremmo credere come se fosse una lezione di catechismo del primo anno. Hanno prodotto Faq che si leggono come catechismi più brevi.

«Dovrei vaccinarmi?»

«Dovresti vaccinarti se è approvato per la tua età. Gli esperti hanno dimostrato che il vaccino ti protegge da malattie gravi».

E così è andata. E le aziende private hanno ripreso l’intera narrazione condiscendente.

Di routine durante questo periodo andavo in giro senza maschera. Innumerevoli volte, qualcuno mi urlava di mettere una maschera. Alla fine ho trovato due buone risposte: 1) fingere di non poterle sentire o, 2) affermare molto chiaramente «Non sono malato». Ovviamente non ha mai funzionato perché a questo punto la conformità al Covid era diventata ritualizzata e le persone si comportavano come bambini eseguendo gli ordini.

Penso che la signora Berg metta il dito sull’intero problema dei blocchi e dei mandati e sull’intero complesso di esortazioni egemoniche di questi anni orribili. Ci hanno trattati tutti come bambini. Non c’è da stupirsi che gli adulti si siano risentiti! E non c’è da stupirsi che così tanti abbiano perso la fiducia nel sistema.

Un grande capo può dare energia a un’intera impresa mentre un cattivo capo può disabilitare e demotivare anche i migliori lavoratori. Così vale anche per intere società. Il governo e i suoi alleati nei media e nella tecnologia hanno unito le forze per essere il peggior capo cattivo di sempre. Allo stesso tempo, è un’opportunità per le buone aziende di intraprendere un percorso diverso, come sta finalmente facendo Goldman e le buone aziende come Spotify hanno sempre fatto.

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di Epoch Times.

 Articolo in lingua inglese: Dear Bosses: Don’t Treat Workers Like Children

 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >