Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang
Regime