Chirurghi come «boia», i medici cinesi uccidono per i trapianti a scopo di lucro

Di Eva Fu

Centinaia di medici cinesi e altri operatori sanitari hanno agito come «boia» per lo Stato, sostenendo i redditizi trapianti forzati. È quanto riportato da uno studio pubblicato su sull’American Journal of Transplantation (una delle migliori riviste mediche statunitensi) il 4 aprile, che ha esaminato più di 120.000 pubblicazioni in lingua cinese sui trapianti di organi.

Lo studio ha identificato 71 documenti in cui i medici avevano estratto cuori e polmoni da persone senza prima condurre un test per stabilire la morte cerebrale, cosa che rivela che i pazienti potrebbero essere stati uccisi per i loro organi.

Un totale di 348 professionisti medici o ricercatori, inclusi chirurghi, infermieri e anestesisti di 56 ospedali cinesi sparsi a livello nazionale, sono stati coautori di questi 71 articoli incriminanti.

I documenti problematici sono stati pubblicati tra il 1980 e il 2015, periodo durante il quale in Cina non esisteva un sistema ufficiale di donazione volontaria e pochi erano i donatori effettivamente volontari. Il regime aveva affermato che la maggior parte degli organi da trapiantare all’epoca provenivano da prigionieri giustiziati.

Ma all’inizio degli anni 2000, secondo rapporti e ricerche, Pechino stava prelevando con la forza gli organi dai prigionieri di coscienza detenuti.

Queste accuse sono state confermate «oltre ogni ragionevole dubbio» da un tribunale indipendente del popolo nel 2019, che ha stabilito che tale atrocità si è verificata ed è in corso da molto tempo su una scala sostanziale, con il gruppo religioso perseguitato del Falun Gong come fonte primaria di organi.

Nel raggiungere la sua conclusione, l’organismo, noto come «China Tribunal», ha respinto le affermazioni del regime cinese secondo cui dal 2015 tutti gli organi da trapiantare provenivano da un sistema ufficiale di donazione di organi.

Il gruppo spirituale Falun Gong – che presenta insegnamenti morali basati sulla Verità, Compassione e Tolleranza, insieme ad esercizi meditativi – è stato oggetto di una vasta campagna di persecuzione dal 1999, durante la quale milioni di aderenti sono stati imprigionati in varie strutture in tutto il Paese.

‘Pistola fumante’

Questa nuova ricerca è la prima del suo genere a scoprire una «pistola fumante» che dimostra che i medici stavano uccidendo le persone per i loro organi, ha affermato Jacob Lavee, coautore del rapporto e direttore dell’Unità di trapianto di cuore presso il Centro Medico Sheba in Israele.

Nelle pubblicazioni cinesi segnalate dallo studio, i medici hanno dichiarato che i prigionieri su cui avevano operato erano cerebralmente morti, ma altre informazioni rivelate dai giornali hanno mostrato che non poteva essere così.

La conferma della morte cerebrale è un processo lungo che in genere richiede ore e un passaggio critico prevede lo spegnimento del ventilatore per valutare se un paziente possa respirare da solo.

Ma i giornali descrivono in dettaglio che i medici cinesi stavano ancora intubando i donatori dopo aver pronunciato la presunta morte cerebrale o subito prima dell’intervento chirurgico. In alcuni casi, il donatore è stato ventilato da una maschera facciale, il che indica che non era avvenuta alcuna valutazione della morte cerebrale.

«Hanno procurato organi da persone che non sono state dichiarate morte, il che significa che sono diventati i carnefici», ha commentato Lavee a Epoch Times.

Parata della Falun Dafa a Manhattan, New York City, il 16 maggio 2019. (Samira Bouaou/The Epoch Times)

I risultati sembrano essere ammissioni accidentali da parte dei medici cinesi: «In qualche modo sia gli autori che i loro editori nelle rispettive riviste mediche si sono dimenticati di eliminare questi dettagli incriminanti, che abbiamo trovato», ha indicato Lavee. Se questi articoli fossero stati inviati a riviste mediche occidentali, «sarebbero stati respinti a titolo definitivo a causa di queste frasi, perché nessun editore di una rivista decente avrebbe pubblicato un articolo che incrimina gli autori di tali atti».

Tali ammissioni hanno smesso di apparire nei giornali cinesi dopo il 2015, ma molto probabilmente l’abuso non si è fermato.

C’è la possibilità che i medici cinesi abbiano smesso di svolgere questa pratica. Ma è molto più plausibile che siano diventati più discreti, secondo Matthew Robertson, un borsista cinese presso la Victims of Communism Memorial Foundation, coautore dello studio. Robertson ha citato un rapporto di ricerca del 2014 dell’Organizzazione mondiale per le indagini sulla persecuzione del Falun Gong (Woipfg) che ha evidenziato per la prima volta i dettagli allarmanti rivelati dai giornali medici cinesi, incluso il vasto numero di donatori in ottime condizioni di salute e il modo in cui gli ospedali stavano conducendo alti volumi di grandi trapianti d’organo in un solo giorno.

I leader medici cinesi probabilmente hanno preso atto di questo rapporto e hanno detto a tutte le riviste di smettere di pubblicare tali dettagli, ha sottolineato Robertson, che in precedenza ha lavorato come giornalista per Epoch Times americano. «Tengono d’occhio quello che dicono i dissidenti, specialmente su questo tema, che è molto delicato. E basta solo un’e-mail o alcune telefonate» per cancellare quelle tracce.

A scopo di lucro

Due anni fa, Robertson e Lavee hanno scoperto che i dati ufficiali sulle donazioni cinesi corrispondono quasi esattamente a una formula matematica, segno che il regime cinese probabilmente ha falsificato sistematicamente i dati sulla donazione di organi.

L’Organizzazione mondiale per le indagini sulla persecuzione del Falun Gong (Woipfg) ha effettuato centinaia di telefonate sotto copertura agli ospedali cinesi durante la pandemia nel 2020, nel contesto delle quali alcuni medici avevano promesso organi in meno di una settimana. Il tempo di consegna insolitamente veloce, inaudito in altri Paesi con sistemi di donazione di organi consolidati, indica che Pechino stesse continuando a mettere in atto la macabra pratica, secondo quanto ha affermato il gruppo.

Nel corso degli anni, la Woipfg ha effettuato decine di chiamate sotto copertura agli ospedali cinesi nella sua indagine sul prelievo forzato di organi.

Robertson ha affermato di aver precedentemente condotto uno studio su alcuni registri delle chiamate di Woipfg e di aver concluso che erano autentici. «Hanno uno schema molto distinto nel corso di molti anni. E quindi sono propenso a credere anche al contenuto delle chiamate».

Per gli ospedali, la logica qui è semplice. «È un settore molto redditizio», ha detto Lavee. «E se possono trarne profitto, allo stesso tempo (come ha dimostrato il Tribunale cinese) curano gli interessi del Partito Comunista. Questa è una situazione vantaggiosa per tutti».

 

Articolo in inglese: Surgeons as ‘Executioners’: Chinese Doctors Committed Murder to Fuel Regime’s Organ Transplant Industry, Study Finds

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >