Cina emette sanzioni contro Nancy Pelosi come rappresaglia per il suo viaggio a Taiwan

Il regime cinese ha annunciato delle sanzioni contro la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Peloci (D-Calif.) come rappresaglia per aver sfidato Pechino visitando Taiwan.

Le sanzioni prendono di mira la Pelosi e i suoi parenti diretti, ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri del regime in una dichiarazione del 5 agosto.

«La Pelosi ha insistito per visitare Taiwan indipendentemente dalle serie preoccupazioni e dalla ferma opposizione della Cina», si legge nella dichiarazione.

Il regime ha accusato le «azioni viziose e provocatorie» della Pelosi per aver visitato Taiwan, un’isola autogovernata che Pechino rivendica come proprio territorio.

La breve visita della Pelosi a Taiwan – circa 19 ore – ha suscitato l’ira del Partito Comunista Cinese (Pcc), che si oppone a qualsiasi evento ufficiale con Taipei che potrebbe suggerire che l’isola sia di fatto uno Stato-nazione indipendente.

Venerdì, Pechino ha continuato le sue esercitazioni militari nella regione, con aerei e navi da guerra che hanno attraversato la linea mediana dello Stretto di Taiwan, un cuscinetto non ufficiale tra i due vicini. L’annuncio delle sanzioni è inoltre arrivato anche il giorno dopo che il regime ha lanciato 11 missili balistici nelle acque intorno a Taiwan, cinque dei quali secondo il Giappone sono atterrati nella sua zona economica esclusiva (Zee).

Il regime non ha specificato le sanzioni nel breve comunicato.

Tuttavia, poco dopo aver annunciato le sanzioni, il ministero degli Esteri del regime ha dichiarato che avrebbe interrotto la cooperazione con gli Stati Uniti su una serie di questioni, tra cui il cambiamento climatico e le misure militari e antidroga, in risposta alla visita della Pelosi.

‘Una scusa’

La Pelosi, che venerdì era all’ultima tappa del suo tour asiatico in Giappone, ha affermato che il viaggio a Taipei non mirava a cambiare lo status quo regionale, ma a mantenere i legami con la Taiwan democratica ai sensi del Taiwan Relations Act e della politica degli Stati Uniti sulla Cina.

«A tal fine, come vedete, i cinesi hanno fatto le loro mosse, probabilmente usando la nostra visita come scusa», ha detto ai giornalisti a Tokyo.

«Potrebbero cercare di impedire a Taiwan di visitare altri luoghi o di partecipare, ma non isoleranno Taiwan impedendoci di viaggiare lì», ha affermato. «La nostra amicizia con Taiwan è forte».

Il presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi (D-Calif.) parla dopo aver ricevuto l’Ordine delle nubi propizie con il Gran Cordone Speciale (la più alta onorificenza civile di Taiwan) dal presidente di Taiwan Tsai Ing-wen (R) presso l’ufficio del presidente a Taipei.
Taiwan, 3 agosto 2022. (Dispensa/Getty Images)

Alla domanda su come pensa che il suo viaggio in Asia avrà un impatto sulle relazioni sino-americane, la Pelosi ha affermato che le due nazioni devono mantenere le comunicazioni.

«Se non parliamo dei diritti umani in Cina a causa di interessi commerciali, perdiamo ogni autorità morale per parlare di diritti umani in qualsiasi parte del mondo».

La presidente della Camera ha affermato che mentre la Cina ha compiuto progressi in alcune aree, è ancora un Paese con delle «contraddizioni», e ha sottolineato questioni relative ai diritti umani come gli abusi contro gli uiguri che Washington e altre democrazie occidentali considerano un genocidio.

Più di un milione di uiguri e altre minoranze musulmane sono incarcerate nei campi di internamento nello Xinjiang, dove sono stati sottoposti a sterilizzazione forzata, tortura, indottrinamento politico e lavoro forzato.

«Ancora una volta, non sarà la nostra visita a determinare quali siano le relazioni Usa-Cina. È una sfida molto più grande e a lungo termine, e dobbiamo riconoscere che dobbiamo lavorare insieme in determinate aree», ha affermato la Pelosi.

 

Articolo in inglese: China Sanctions Pelosi In Retaliation For Her Taiwan Trip

 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >