Cina, la popolazione inizia a diminuire pericolosamente

La popolazione cinese sta diminuendo: meno nati e più anziani. Lo ha affermato il regime cinese stesso il 1 agosto.

Si tratta della la prima volta che Pechino annuncia che la sua popolazione è in una fase di crescita negativa da quando il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha preso il potere nel 1949.

«Il tasso di fertilità (Tfr) della Cina è stato inferiore a 1,3 negli ultimi anni […] La disponibilità delle donne ad avere figli continua a diminuire», ha scritto la rivista statale Qiushi il 1 agosto. «Le donne in età riproduttiva desiderano avere in media 1,64 figli nel 2021. Questo è meno dell’1,73 del 2019 e dell’1,76 del 2017».

Le donne cinesi diventano madri tra i 20 ei 30 anni: «Quelle ‘post-90’ (23-32 anni) e ‘post-00’ (13-22) sono le principali generazioni fertili. Ora vogliono tra 1,54 e 1,48 bambini nelle loro vite», ha affermato la commissione.

Il Tfr è il numero medio di figli che una donna ha durante la sua vita. Secondo le Nazioni Unite una comunità può essere sostenuta quando il Tfr rimane al di sopra di 2,1.

Un bambino con in mano un ombrello a Nanlouguxiang Alley a Pechino, in Cina, il 27 luglio 2022. (Noel Celis/AFP tramite Getty Images)

«Una popolazione in calo è un incubo per l’economia cinese. La Cina ha bisogno di un numero sufficiente di lavoratori a bassa retribuzione poiché è la fabbrica del mondo», ha commentato Wang He, un esperto di Cina che risiede in America. «In effetti, negli anni precedenti, abbiamo osservato le conseguenze negative del calo della popolazione». Queste conseguenze, secondo Wang includono le seguenti: fabbriche che devono pagare salari più alti ai lavoratori, il che potrebbe aumentare i costi di produzione in Cina e renderli più elevati rispetto ad altri Paesi in via di sviluppo; mancanza di fondi sufficienti da parte della previdenza sociale per coprire le prestazioni pensionistiche; chiusura delle scuole per insufficienza di iscrizioni; ospedali per la maternità e aziende che si occupano di bambini che dichiarano fallimento.

Popolazione in calo

La popolazione cinese «entrerà nel periodo di crescita negativa nel 14° piano quinquennale (2021-2025)», ha scritto la Commissione sanitaria nazionale cinese, che ha chiesto al popolo cinese di «assumersi la responsabilità» di avere più figli come compito «urgente».

Un basso tasso di fertilità porta ad un aumento relativo della popolazione che invecchia. La commissione ha previsto che oltre il 30% della popolazione cinese avrà più di 60 anni entro il 2035.

L’affermazione è corroborata dallo studio delle Nazioni Unite pubblicato l’11 luglio, secondo il quale la popolazione cinese ha iniziato a diminuire nella prima metà del 2022, continuerà a diminuire e, seguendo la traiettoria attuale, verrà praticamente dimezzata entro il 2100.

Un bambino dietro la recinzione di un’area residenziale in lockdown per il COVID-19 a Pechino, in Cina, il 14 giugno 2022. (Jade Gao/AFP via Getty Images)

La diapositiva demografica della Cina è diversa da quella dei Paesi occidentali. Man mano che le nazioni sono diventate più ricche, i tassi di fertilità sono diminuiti nelle nazioni sviluppate. Il regime cinese ha invece imposto il limite di un figlio per famiglia alla fine degli anni ’70, quando la maggior parte dei cinesi viveva in povertà.

Decine di milioni di feti sono stati uccisi a causa di questa politica, che ha anche causato una disuguaglianza di genere tra i nati, a causa degli aborti selettivi in base al sesso; alcune famiglie hanno persino abbandonato o ucciso le bambine. Pertanto, anche per questo oggi ci sono meno potenziali madri di quante ce ne sarebbero state se la restrizione del figlio unico non fosse stata in vigore.

Il regime ha riconosciuto il problema demografico nel 2010 e ha cambiato la sua politica del figlio unico in una che poneva un limite di due figli, arrivando alla fine ad un massimo di tre figli.

La Commissione sanitaria nazionale ha affermato che gli ostacoli principali all’avere figli sono l’onere finanziario di crescere un bambino, la mancanza di assistenza all’infanzia e le preoccupazioni delle donne per l’avanzamento della loro carriera.

Un neonato in un ospedale ostetrico privato a Wuhan, in Cina, il 21 febbraio 2020. (Getty Images)

Conseguenze indesiderate

«Un vantaggio demografico ridotto danneggia l’economia cinese», ha affermato Wang. «Il problema più grande è che ci sarà una carenza di manodopera a basso costo per la produzione».

La Cina è diventata una potenza industriale da quando il regime ha aperto i confini per il commercio nel dicembre 1978. L’enorme popolazione che lavora sodo per una paga bassa è stata la forza trainante di tutto ciò. Tuttavia, la situazione è cambiata alla fine del 2010, quando i media statali cinesi hanno rivelato che i produttori non erano in grado di trovare lavoratori da assumere, nemmeno offrendo stipendi più alti.

Un calo della capacità manifatturiera si ripercuote anche sul mercato interno, in quanto i consumatori dovranno spendere di più per ottenere gli stessi prodotti.

«Abbiamo osservato un aumento del numero di marchi globali che spostano la produzione dalla Cina al Vietnam, alla Thailandia e ad altri Paesi in via di sviluppo», ha affermato Wang. «La guerra commerciale Usa-Cina (che ha aumentato i dazi al 25%) ha contribuito a queste migrazioni, ma il motivo principale è che la Cina non ha più la manodopera di alta qualità e a basso costo che aveva in precedenza».

Una bambina in visita a Disneytown il 16 giugno 2022 a Shanghai, in Cina. Disneytown e lo Shanghai Disneyland Hotel hanno ripreso ad operare in coincidenza con il sesto anniversario dell’apertura dello Shanghai Disney Resort. (Hu Chengwei/Getty Images)

I cittadini cinesi delle città che hanno eseguito la registrazione familiare hanno diritto ai benefici della previdenza sociale, mentre gli altri no. Inoltre, le persone con la registrazione di famiglia urbana e i loro datori di lavoro contribuiscono al welfare. Questi soldi vengono utilizzati per pagare le pensioni.

Tuttavia, nel novembre 2020 il regime cinese ha affermato che la popolazione in età lavorativa si era ridotta rispetto a quella in età non lavorativa.

A marzo, il ministero delle Finanze cinese ha pubblicato dei dati secondo cui il regime ha dovuto aggiungere quasi 700 miliardi di yuan (circa 104 miliardi di dollari) per compensare il deficit delle prestazioni di sicurezza sociale. Il ministero ha previsto che il programma di previdenza sociale dovrà affrontare un deficit da 8 mila miliardi a 10 mila miliardi di yuan (circa 1.500 miliardi di euro) in 5-10 anni.

«I pensionati dell’Heilongjiang, del Liaoning e di molte altre province hanno sperimentato di non aver ricevuto i sussidi di sicurezza sociale in tempo», ha detto Wang.

Una donna guida un uomo anziano attraverso una strada a Pechino, in Cina, il 2 giugno 2022. (Wang Zhao/AFP tramite Getty Images)

Secondo un articolo del 26 marzo del giornale gestito dallo Stato China Newsweek, a ​​causa del basso tasso di natalità, le strutture per la maternità non sono in grado di accogliere un numero sufficiente di pazienti per sostenere le operazioni.

Nel dipartimento di maternità del Dongba Hospital di Pechino di solito avvenivano dalle 3.000 alle 5.000 nascite all’anno, afferma il rapporto. Quella prosperità è scomparsa negli ultimi anni. Nello stesso dipartimento ci sono state meno di 150 nascite nel 2021.

«Il nostro ospedale [Dongba, ndr] potrebbe chiudere il nostro dipartimento in qualsiasi momento», ha detto a China Newsweek un’infermiera specializzata in maternità. «In futuro, le donne incinte che vivono nelle vicinanze dovranno recarsi in altri ospedali».

 

Articolo in inglese: Beijing: The Population of China Starting to Decrease

 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >