Co-fondatore di Wikipedia critica il sito per la sua «propaganda» di sinistra

Di Tom Ozimek

Larry Sanger, co-fondatore di Wikipedia, ha affermato che il sito è diventato poco più che «propaganda» e ha denunciato quello che ha definito il suo pregiudizio «stabilmente pro-establishment».

Parlando al blog online UnHerd, la scorsa settimana Sanger ha affermato che Wikipedia «sembra presumere che ci sia solo una versione legittima e difendibile della verità su qualsiasi questione controversa», e ha aggiunto che la prospettiva predominante presentata sul sito è di sinistra. «Quando è sistematica, allora la parola da usare per questo è propaganda, ed è proprio il caso di Wikipedia. Puoi fidarti che mostri un punto di vista stabilmente pro-establishment su praticamente tutto. Puoi fidarti che ti dia sempre la verità? Beh, dipende da cosa pensi che sia la verità», sostiene Sanger, che aveva co-fondato il sito nel 2001 prima di lasciare il progetto e di diventarne un forte critico.

Sanger ha criticato quello che ha descritto come un «gioco molto grande, brutto e complesso» giocato dietro le quinte su Wikipedia, da persone che vogliono spingere una certa prospettiva, che ha portato il sito lontano dalla sua forma iniziale, come piattaforma che ha fornito «più diversi punti di vista, ragionevolmente, equamente disposti». «Wikipedia è abbastanza stabilmente pro-establishment nel suo punto di vista, qualunque sia il punto di vista, il che è ironico considerando che è nata da un paio di libertari che, almeno all’inizio, erano davvero tolleranti e aperti a tutti i tipi di opinioni anti-establishment che venivano portate avanti».

Come esempio ha citato la pagina di Wikipedia per il presidente Joe Biden, sostenendo che contiene «molto poco» in termini di riferimenti allo scandalo Ucraina: «Quel poco che si può trovare è estremamente parziale e si legge come il brief di un avvocato difensore. Se guardi l’articolo di Biden, contiene ben poco delle preoccupazioni che i repubblicani hanno avuto su di lui. Quindi, se vuoi avere qualcosa che assomigli lontanamente al punto di vista repubblicano su Biden, non lo otterrai dall’articolo».

Sanger ha affermato che le persone motivate a modificare gli articoli di Wikipedia per renderli «più politicamente neutrali» non possono farlo: «Se è consentita solo una versione dei fatti, ciò dà un enorme incentivo alle persone ricche e potenti a prendere il controllo di cose come Wikipedia per rafforzare il loro potere. E lo fanno».

Sanger ha già criticato Wikipedia, scrivendo in un articolo sul suo sito web che, «in breve, e con poche eccezioni, sul sito sono consentite solo fonti globaliste e progressiste e amiche del progressismo globalista».

Wikipedia ha 230.000 editori volontari che lavorano su articoli in crowdsourcing e più di 3.500 «amministratori» che possono intraprendere azioni come bloccare gli account o limitare le modifiche su determinate pagine, riporta Reuters.

Wikipedia non ha risposto a una richiesta di commento da parte di Epoch Times.

 

Articolo in inglese: Wikipedia Co-Founder Criticizes Site for ‘Reliably Establishment’ Bias, Leftist ‘Propaganda’

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista
Epoch Times Italia ha intervistato Filippo Dellepiane, studente 19enne di Filosofia a Firenze e coordinatore di 'Studenti contro ...
Leggi >
 

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’
Il leader cinese Xi Jinping vuole infondere 'lealtà' a tutti i cittadini cinesi, a cominciare dagli studenti delle ...
Leggi >
 

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia
Grazie alla richiesta del Freedom of Information Act sono state pubblicate oltre 900 pagine di documenti che rivelano ...
Leggi >
 

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione
L'8 settembre i talebani hanno annunciato il divieto di tutti gli slogan, manifestazioni e proteste che non hanno ...
Leggi >