Contee del Texas dichiarano lo stato di emergenza per la crisi di confine

Di Charlotte Cuthbertson

Il corpo di una donna honduregna è stato rinvenuto nella boscaglia di una proprietà privata nella contea di Goliad, in Texas, a centinaia di chilometri di distanza dal confine con il Messico che i trafficanti le avevano fatto varcare illegalmente a marzo. A riferirlo è lo sceriffo della contea Roy Boyd, che ha raccontato come in un altro ranch è stato scoperto un vecchio capannone che veniva utilizzato per riverniciare i veicoli rubati, da utilizzare poi nel contrabbando di esseri umani.

Boyd spiega che la contea – che si trova a circa 320 chilometri a nord del confine tra Stati Uniti e Messico – viene usata come area di sosta per il contrabbando di immigrati clandestini verso Houston: «Quello che succede è che li portano dal confine fino a qualche parte in quest’area. Li lasciano chiusi in un luogo temporaneo e poi qualcuno da Houston viene a prenderli per portarli li, dove vengono distribuiti negli Stati Uniti».

La contea di Goliad, con una popolazione di 7.600 abitanti, è una delle quattro contee del Texas che la scorsa settimana hanno dichiarato lo stato di emergenza locale, a causa dell’impatto dell’ondata migratoria lungo il confine. Tre di queste contee si trovano tra i 64 e i 320 chilometri a nord del confine, ma si occupano quotidianamente di criminalità transfrontaliera e traffico di esseri umani.

Nelle loro dichiarazioni, ciascuna delle contee – Kinney, Goliad, La Salle e Atascosa – ha affermato che «la salute, la vita e la proprietà» dei loro residenti sono «minacciate dalla situazione del traffico di esseri umani che si verificano al nostro confine con il Messico».

Di fatto, nelle prime due settimane di aprile, gli agenti della polizia di frontiera hanno arrestato oltre 76 mila migranti clandestini lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. Inoltre, il numero medio di migranti clandestini che sfuggono alla cattura è di circa mille al giorno.

«La crisi di confine in corso ha portato migliaia di clandestini a invadere il Texas meridionale e sopraffare le nostre forze dell’ordine locali, statali e federali», si legge nella dichiarazione della contea di Goliad. «Questa continua violazione della nostra sovranità e integrità territoriale ha portato i residenti del Texas meridionale ad essere aggrediti, minacciati di violenza e derubati, mentre hanno anche subito ingenti danni alla proprietà».

Le dichiarazioni richiedono che il governatore del Texas Greg Abbott dispieghi ulteriore personale delle forze dell’ordine e militari statali per aiutare a gestire la situazione.

Il 22 aprile il giudice della contea di Goliad Mike Bennett, che ha firmato la dichiarazione della sua contea, ha affermato pubblicamente di aspettarsi che 200 o più delle 254 contee del Texas seguano il loro esempio: «Non abbiamo molto esubero in queste piccole contee e stanno assorbendo ogni parte delle loro risorse. Questo deve essere affrontato alla fonte, che è il nostro confine, ed è quello che speriamo farà il nostro governatore».

Dal canto suo, il governatore Abbott ha chiesto il 26 aprile ai giudici della contea di inviargli una stima «completa e accurata» dell’impatto fiscale sulla propria contea in modo che potesse addebittare al governo federale i costi sostenuti.

Durante una riunione pubblica, Boyd ha sottolineato che pur occupandosi della situazione al confine dal 2005 non ha «mai visto niente di simile. Le cose avevano praticamente iniziato a zittirsi al confine durante l’ultima amministrazione. Le cose erano praticamente sotto controllo. Ma è finito tutto molto rapidamente, ed è il selvaggio West con gli steroidi».

Boyd ha chiesto alla gente del posto di controllare la loro terra per segni di attività illegale, comprese bottiglie d’acqua scartate, resti di falò e grandi quantità di spazzatura. «Se non abbiamo intenzione di fare qualcosa al riguardo, allora non siamo una nazione. Preferirei di gran lunga vedere il governo federale muoversi e fare qualcosa al riguardo, ma mi dispiace, non ho fiducia. Dovrà venire dallo Stato del Texas. Se lo Stato non fa qualcosa, sarà tutto finito».

Forze dell’ordine hanno arrestato il contrabbando di stranieri illegali in un furgone nella contea di Kinney, in Texas, il 23 aprile 2021. (Kinney County Sheriff’s Office)

A corto di risorse

La contea di Kinney, che ha dato il via alle dichiarazioni di emegenza, è l’unica delle quattro contee situata lungo il confine internazionale. La contea si trova lungo un’importante rotta del contrabbando di esseri umani: dalla città di Del Rio a San Antonio.

Lo sceriffo della contea di Kinney, Brad Coe, ha spiegato di avere solo sei dipendenti a tempo pieno per coprire 3 mila 625 chilometri quadrati: «Non riusciamo a farlo. I miei ragazzi hanno svolto più attività nell’ultimo anno di quanto la maggior parte degli agenti di polizia farà in una vita. Ne catturiamo sempre di più ogni giorno. Presentiamo accuse, ma dobbiamo lasciarli andare perché le nostre carceri sono piene».

Il 23 aprile, l’ufficio dello sceriffo ha pubblicato un messaggio sulla sua pagina Facebook: «In meno di 18 ore, gli agenti dello sceriffo della contea di Kinney, hanno riscontrato 5 casi di contrabbando di esseri umani e 1 veicolo rubato».

L’avvocato della contea di Kinney, Brent Smith, ha affermato che il Texas dovrebbe agire di propria iniziativa per rafforzare il proprio confine con il Messico. «La mia opinione è che una dichiarazione di emergenza del governatore Abbott o del Parlamento del Texas autorizzerebbe il Texas a prendere determinate misure nella difesa dei propri confini e nella protezione della salute, sicurezza e benessere dei suoi cittadini», ha scritto Smith nell’edizione dell’8 aprile della rivista locale 830 Times.

Anche il neoeletto giudice della contea di Lavaca Mark Myers ha parlato durante il raduno pubblico, nonostante la sua contea non abbia dichiarato lo stato di emergenza. La contea di Lavaca si trova tra il confine e Houston.

Da gennaio, oltre 13 furgoni sono stati rubati all’interno della contea, mentre sette inseguimenti ad alta velocità sono finiti in incidenti. Tre migranti clandestini sono stati trasportati in aereo negli ospedali. «Tutto questo costa soldi ai contribuenti, perché i migranti clandestini non pagano quel conto, lo fai tu», ha dichiarato Myers, aggiungendo che il trasporto aereo di una persona ferita costa 40 mila dollari, e sottolineando: «Questo non è un futuro sostenibile. Non possiamo farlo».

Il giudice ha quindi incoraggiato i 400-500 partecipanti al raduno a «inondare le linee telefoniche» dei rappresentanti dello Stato nella città di Austin, capitale del Texas. «Il governatore deve agire su questo, e deve trattarlo per quello che è, ovvero un’invasione della nostra nazione. Questo è un atto di guerra», ha concluso Myers.

 

Articolo in inglese: Texas Counties Declare Disaster Over Border Crisis



 
 
 

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità
Taiwan nell'Assemblea Mondiale della Sanità? Secondo il segretario di Stato americano Antony Blinken, l'Oms deve invitare anche Taiwan ...
Leggi >
 

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez
L’autore dell’articolo, Gigi Morello, è nato a a Torino e ha vissuto diversi anni negli Usa. Musicista, didatta e ...
Leggi >
 

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus
Recentemente, un utente della Cina continentale di nome 'v64500' ha scritto sul forum online 'V2EX' che il suo ...
Leggi >
 

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia
Il presidente Joe Biden ha affermato che la condanna di Derek Chauvin ha aperto gli occhi al mondo ...
Leggi >