Covid-19 in Cina, i centri per la quarantena di Shenyang sono sovraffollati

Di Nicole Hao

Un funzionario della città di Shenyang afferma che dozzine di centri di quarantena locali sono stati intasati da persone sospettate di avere il Covid-19. Tra queste ci sono anche quattro membri del governo locale.

Sebbene il governo centrale abbia annunciato poche nuove infezioni a Shenyang, la gente del posto ha raccontato all’edizione cinese di Epoch Times che l’atmosfera nella città è molto tesa e che la situazione epidemica è grave.

Lockdown

Alla fine di dicembre alcune zone di Shenyang sono state poste in lockdown per via dell’aumento dei casi di coronavirus, anche noto come virus del Pcc.

In una conferenza stampa tenuta nel pomeriggio del 6 gennaio, il vicedirettore dell’ufficio trasporti di Shenyang, Shi Jun, ha annunciato che a tutti i residenti nelle aree designate ad alto e medio rischio di diffusione del virus, non sarebbe stato permesso di lasciare la città, mentre gli altri avrebbero potuto farlo solo presentando un risultato negativo al test degli acidi nucleici emesso nelle ultime 72 ore.

Venerdì, le autorità di Shenyang hanno cambiato la designazione di due quartieri nel distretto di Yuhong da medio rischio a basso rischio, ma hanno comunque richiesto ai residenti dei due quartieri di rimanere in casa per altri sette giorni. Shenyang ha ancora 14 quartieri designati come a medio rischio, situati nei distretti di Huanggu, Yuhong e Tiexi. In quelle zone, i residenti non possono lasciare le loro case.

Venerdi un portavoce della Commissione sanitaria di Shenyang, Mao Yinbai, ha annunciato durante una conferenza stampa che le autorità faranno un tampone ad ogni residente nelle regioni a medio rischio, e visiteranno le loro case ogni 48 ore. Mao ha anche dichiarato che tutti i residenti e gli abitanti dei villaggi nelle regioni a basso rischio avrebbero dovuto fare il test per il covid entro le prossime 72 ore.

Poiché generalmente le autorità cinesi non richiedono test di massa per le regioni a basso rischio, ciò potrebbe indicare che l’epidemia a Shenyang sia in realtà più grave di quanto dichiarato dalle autorità.

Un utente della città di Shenyang ha recentemente condiviso su internet un video con Epoch Times che mostra persone impegnate in lavori di costruzione all’interno di un edificio. L’utente ha dichiarato di aver girato il video all’interno dell’ospedale n. 6 di Shenyang il 4 gennaio, e che le persone stavano costruendo una struttura provvisoria per i pazienti di Covid-19. Ma si tratta di un informazione non verificata in modo indipendente.

Centri di quarantena sovraffollati

Le autorità cinesi di solito convertono gli hotel in centri di quarantena provvisori. Per evitare infezioni in loco, ogni persona o famiglia viene posta in quarantena in stanze separate.

In un’intervista del 7 gennaio un funzionario di Shenyang, che desidera rimanere anonimo, ha riferito che erano urgentemente necessari più letti ospedalieri, così come più centri di quarantena, soprattutto nel distretto di Huanggu. I centri di quarantena di Huanggu erano sovraccarichi. «Ci sono 15 centri di quarantena nel distretto di Huanggu. Ora, 1.293 persone sono in quarantena lì», ovvero un numero superiore rispetto alla loro capacità, secondo quanto dichiarato dall’insider. L’hotel Zhixuan Holiday Inn di Huanggu ha la capacità di mettere in quarantena 264 persone contemporaneamente, ma ora ce ne sono oltre 300 al suo interno. Mentre il Mingcheng Jinjiang International Hotel ha la capacità di ospitare 127 ospiti, ma ora ce ne sono 145, e il Jinjiang Zhixing Pinshang Hotel può contenere in quarantena 70 persone, ma ora ne ha circa 90. Sempre citando le informazioni fornite dall’insider.

Il funzionario ha anche aggiunto che i centri di quarantena in altri distretti e contee si trovavano in situazioni simili, e che conosce quattro funzionari del distretto di Huanggu che erano stati messi in quarantena perché erano stati a stretto contatto con persone affette da Covid-19. Uno lavora allo sportello dei cittadini presso l’ufficio per le istanze del distretto, mentre un altro nello stesso ufficio per le istanze. Altri due lavorano all’ufficio del commercio. «A tutti gli altri funzionari e  membri del personale che lavorano presso gli uffici per le istanze e del commercio è stato chiesto di essere testati», ha concluso il funzionario.

Epoch Times ha contattato entrambi gli uffici per telefono, ma gli addetti al centralino hanno rifiutato di fornire dettagli e non hanno confermato o negato le affermazioni dell’insider, ma hanno dichiarato che tutto il personale era attualmente in auto quarantena a casa.

 

Articolo in inglese: Quarantine Centers Overcrowded as Chinese City Tries to Quell COVID-19 Surge

 
 
 

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang
Il regime comunista cinese diffonde la sua propaganda e disinformazione sia su Twitter che su Facebook, al fine ...
Leggi >
 

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno
Secondo la Pfizer le persone che hanno ricevuto il suo vaccino per Covid-19 potrebbero aver bisogno della terza ...
Leggi >
 

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti
Da quando il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha avviato la nuova guerra fredda Usa-Cina nella prima metà del ...
Leggi >
 

Porre fine alla tirannia delle Big Tech

Porre fine alla tirannia delle Big Tech
Il 5 aprile il giudice statunitense Clarence Thomas ha annunciato che presto la Corte Suprema dovrà porre fine ...
Leggi >