La crisi logistica dei porti statunitensi persisterà fino a metà 2022

Di Katabella Roberts

Gli economisti prevedono che i problemi logistici nei grandi porti degli Stati Uniti, nonché la conseguente carenza di merci e l’aumento dei prezzi, persisteranno fino alla metà del 2022.

Circa 77 navi sono attualmente in attesa fuori dai moli nei porti di Los Angeles e Long Beach, in California,  e trasportano un incredibile valore di 24 miliardi di dollari di merci in attesa di essere scaricate, ha riferito la Cnbc, citando alcuni economisti della Goldman Sachs.

Secondo l’economista della Goldman Ronnie Walker, la situazione non sembra destinata a migliorare nell’immediato futuro, mentre i funzionari lottano per trovare una soluzione al problema. «È probabile che il rallentamento e gli elevati costi di spedizione persistano almeno fino alla metà del prossimo anno perché non è disponibile alcuna soluzione immediata per lo squilibrio tra domanda e offerta nei porti statunitensi», ha affermato Walker in una nota ai clienti.

Tuttavia, Walker sottolinea che le pressioni «dovrebbero presto iniziare ad allentarsi» ma solo «leggermente, mentre superiamo l’attuale picco stagionale nella domanda di spedizioni prima delle festività».

Circa 250 mila container di merci sono attualmente accatastati sulle banchine a causa dei ritardi nei ritiri dovuti alla carenza di automezzi e alla mancanza di spazio negli scali ferroviari e nei magazzini. Per questo decine di navi sono ancorate fuori dai porti.

Secondo la Cnbc, la situazione sta facendo si che i container impieghino il triplo del tempo impiegato normalmente per transitare nei principali porti statunitensi.

Da parte sua, il presidente Joe Biden sta cercando di mitigare le carenze e le interruzioni delle forniture prima di Natale, ma gli esperti ritengono che il processo richiederà molto più tempo.

All’inizio di questo mese, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di aver ricevuto conferma da Ups, FedEx, Walmart e altre società, nonché dal porto di Los Angeles, in merito all’aumento del numero di turni per far fronte a un arretrato di navi portacontainer, alla carenza di manodopera, e ai problemi di stoccaggio. «Questo è un impegno generale per lavorare 24 ore su 24, 7 giorni su 7», ha dichiarato Biden dopo aver incontrato i Ceo di diverse società, aggiungendo che «abbiamo bisogno che anche il resto della catena del settore privato faccia un passo in avanti».

Il 13 ottobre Biden ha anche minacciato di «richiamare» le aziende private che non riescono ad assistere la sua amministrazione e farsi avanti per affrontare i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento globale. «Se il settore privato non si fa avanti, li chiameremo e chiederemo loro di agire».

Ma un dirigente di un’azienda di giocattoli ha affermato che il piano della Casa Bianca è tardivo, indicando l’attuale carenza di manodopera, mentre altri economisti notano una mancanza di coordinamento tra le industrie chiave all’interno della catena di approvvigionamento. «Sia che i porti siano aperti 24 ore al giorno o 48 ore al giorno, non è possibile ottenere manodopera», ha dichiarato Isaac Larian, Ceo di Mga Entertainment, in un’intervista a Fox News. «Se non puoi avere manodopera, non puoi avere camion, non puoi portare fuori la merce».

Il piano di Biden «è troppo poco, troppo tardi – ha dichiarato Larian – E francamente, per me è una trovata politica».

Steven Ricchiuto, capo economista statunitense di Mizuho Securities, ha anche affermato che il piano della Casa Bianca probabilmente non risolverà le cause alla radice del problema: «Quello che sta facendo il presidente non farà male. Ma alla fine della giornata, non risolve il problema».

Anche l’economista della Goldman, Ronnie Walker, ha concordato facendo notare: «Il risultato è che le prospettive non offrono soluzioni immediate per lo squilibrio tra domanda e offerta nei porti statunitensi».

Walker ha aggiunto che gli analisti di Goldman Sachs prevedono che la congestione nei porti «probabilmente persisterà in una certa misura almeno fino alla metà del prossimo anno», mentre «le tariffe di trasporto rimarranno probabilmente al di sopra dei livelli pre-pandemia almeno per il prossimo anno».

Nel frattempo, secondo il presidente del Florida Ports Council, la situazione potrebbe portare i consumatori a pagare di più le merci, pur avendo accesso a meno articoli fino alla primavera. «È davvero una tempesta perfetta», ha affermato il presidente Jonathan Daniels a Fox News. «Il sistema logistico in sé non è in grado e non è stato costruito per gestire l’ondata che attualmente stiamo attraversando negli Stati Uniti. Stanno parlando di arretrati che non verranno smaltiti prima di un certo tempo, forse alla fine del primo trimestre o all’inizio del secondo trimestre del prossimo anno. Se ciò accadrà, non potremo portare quelle merci sugli scaffali dei centri di distribuzione. Vedrai un aumento dei prezzi e, in definitiva, uno dei grandi fattori di costo associati ai prezzi sembra essere il sistema di trasporto».

Ad ogni modo, Biden ha affermato che il governo federale «lavorerà con le parti interessate lungo la catena di approvvigionamento per uno sprint di 90 giorni fino alla fine dell’anno, per risolvere e alleviare molti dei colli di bottiglia che possiamo affrontare rapidamente».

 

Articolo in inglese: Shipping Problems to Persist Through 2022 Amid Supply Chain Crisis: Economists

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >