Difesa del Giappone, maggiori dettagli per favore

Di Grant Newsham

L’autore dell’articolo, Grant Newsham, è un ufficiale della marina statunitense in pensione ed ex diplomatico e dirigente d’azienda statunitense con molti anni nella regione dell’Asia/Pacifico. È direttore di One Korea Network e ricercatore presso il Center for Security Policy e lo Yorktown Institute

 

Sembra che ci sia un cambiamento epocale rispetto all’approccio apatico ed eccessivamente dipendente dagli americani di Tokyo alla Difesa.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha affermato che raddoppierà la spesa per la Difesa (forse entro cinque anni) e rafforzerà «in modo fondamentale» la difesa generale del Giappone. Altri politici e funzionari giapponesi hanno fatto eco a questo e il pubblico sembra essere d’accordo.

Tuttavia, Kishida deve ancora fornire i dettagli su come verranno spesi i soldi extra per la Difesa e su come la difesa del Giappone sarà «fondamentalmente» rafforzata.

Manca ancora un piano ben ponderato basato su un’adeguata valutazione delle minacce che espone ciò di cui il Giappone ha bisogno e cosa deve fare per difendersi. Un piano che, cosa parecchio importante, dovrebbe includere una tabella di marcia e un calendario per portarla a compimento rapidamente, e non tra un decennio o due da oggi.

Spinta dalla minaccia cinese, Tokyo sta rivedendo tre documenti chiave della Difesa prima del previsto: la strategia di sicurezza nazionale, le linee guida del programma di difesa nazionale e il programma di difesa a medio termine. Questi saranno completati entro la fine del 2022.

Un americano con molti anni di coinvolgimento diretto nell’alleanza di difesa Usa-Giappone ha detto a chi scrive:

«[I commenti di Kishida sono, ndr] certamente progressi di qualche tipo, ma tratterrò il giudizio finale fino a quando non vedremo cosa loro programmano nel nuovo programma di difesa di metà mandato. Ho letto le osservazioni di Kishida. C’è un maggiore avvicinarsi al problema, tangenzialmente […] più o meno lo stesso «cercheremo di perseverare, rafforzare l’Alleanza, tentare il doppio», eccetera. Se il ‘miglioramento’ dell’Alleanza fosse direttamente correlato al numero di promesse di ‘rafforzarla’, la Repubblica popolare cinese si sarebbe scusata e avrebbe ritirato l’Epl a questo punto».

Ha ragione.

Questi rapporti sono generalmente ben scritti e descrivono accuratamente i pericoli che la nazione deve affrontare. Tuttavia, tendono a proporre solo cambiamenti incrementali che armeggiano con la struttura e le capacità esistenti della Forza di autodifesa giapponese (Jsdf), piuttosto che dirigere i cambiamenti radicali necessari al Giappone per combattere una guerra vera e propria.

Sono anche focalizzati sull’«hardware». Basta acquistare o costruire abbastanza di questo e quello, e i problemi di difesa del Giappone saranno risolti.

Un funzionario della difesa giapponese in pensione ha recentemente fatto notare a chi scrive che l’approccio del Giappone alla Difesa è come lo «shopping online». Vedi qualcosa che sembra interessante e fai clic su ‘acquista’, senza avere una grande idea di come lo utilizzerai, tanto meno di come usarlo in modo efficace o di se ne hai davvero bisogno.

Questa stranezza è stata mostrata di recente quando il Giappone ha annunciato che acquisirà e collocherà 1.000 missili da crociera sulla catena delle isole Ryukyu, nota anche come Nansei Shoto, che si estende per 700 miglia dall’isola principale più meridionale del Giappone, Kyushu, quasi fino a Taiwan, ed è adiacente alle Isole Senkaku che la Cina sta cercando di sottrarre dal controllo giapponese.

Si spera che qualcuno abbia anche pensato a come funzioneranno il rilevamento, il targeting, il comando e il controllo. E include tutti e tre i servizi della Forza di autodifesa giapponese (Jsdf)? Le capacità congiunte della Jsdf sono carenti, quindi quando si tratta di difesa di Nansei Shoto, ogni servizio in genere ha fatto quello che credeva meglio.

Quindi installare 1.000 missili è bello, ma sarebbe meglio se la Jsdf stabilisse un quartier generale operativo congiunto – diciamo una «Joint Task Force Nansei Shoto» – per difendere la regione, con i missili che fanno parte di uno sforzo multiservizio coordinato.

E si spera che gli americani vengano invitati, non ultimo per non essere colpiti per sbaglio. Ma ancora meglio sarebbe unire la sorveglianza e il targeting degli Stati Uniti alle reti e agli armamenti a lungo raggio con le risorse della Jsdf.

Questa strada conduce verso il rendere l’intera difesa del Nansei Shoto uno sforzo combinato giapponese-americano. Sarebbe più letale per un nemico, e si considerino inoltre gli effetti politici del Giappone e dell’America (e forse di altre nazioni libere) che combinano le risorse e sono anche in grado di raggiungere e «coprire» Taiwan.

Del resto, le capacità sono importanti quanto l’hardware.

Prepararsi per la guerra

Nonostante riconosca la «minaccia cinese» e il cambiamento di mentalità, e sia pronto a dedicarsi a spese folli, il Giappone sembra non sapere di cosa ha bisogno per prepararsi alla guerra. Ciò include l’organizzazione, le capacità, l’hardware, le scorte belliche, la logistica e persino la gestione delle vittime necessarie. E, fatta eccezione per la marina giapponese e quella statunitense, la capacità della Jsdf e delle forze americane di operare insieme è limitata.

Le ragioni di questo sono un’altra storia, ma non importa.

Cosa è necessario fare?

Prepararsi a combattere una guerra richiede competenze specialistiche, non una laurea in relazioni internazionali o aver superato l’esame per il servizio estero.

Idealmente, i giapponesi giusti si siederanno con gli americani giusti e risolveranno le cose, elaborando una valutazione comune delle minacce. Ciò richiede persone che comprendano le minacce specifiche che il Giappone deve affrontare e i dettagli di ciò di cui hai bisogno per combattere una guerra e di come la combatti, da solo o con gli alleati.

Bisogna ignorare le società di consulenza e i gruppi di esperti. Invece bisogna coinvolgere i «pianificatori di guerra» (attivi e/o in pensione) dalla parte statunitense e includere alcuni «esperti funzionali» (alcuni dei quali potrebbero inevitabilmente essere affiliati ai gruppi di esperti). I pianificatori di guerra sono professionisti sconosciuti che ricevono poca attenzione, ma scrivono la colonna sonora «sinfonica» che spiega come combatterai e di cosa hai bisogno.

Con poche eccezioni, va escluso chiunque sia mai stato conosciuto come un «gestore dell’alleanza». È un insieme di abilità diverso. Le eccezioni sapranno chi sono.

Nel corso degli anni, funzionari statunitensi e giapponesi hanno discusso spesso dei rispettivi «ruoli e missioni» per la difesa del Giappone. Dato lo stato attuale delle cose, non sembra che abbiano mai invitato ai colloqui alcun pianificatore di guerra.

Educare alla Difesa

I politici giapponesi spesso sembrano avere una comprensione piuttosto scarsa della difesa e di ciò di cui il Giappone ha bisogno per difendersi. E anche alcuni ministri della Difesa giapponesi avrebbero avuto difficoltà a superare un test a scelta multipla sulla «difesa» stessa.

Per quanto riguarda i politici, molti sono molto interessati all’argomento ma hanno poche opportunità di imparare. Perché? Hanno uno staff minuscolo, rispetto ai rappresentanti e ai senatori statunitensi, che spesso hanno uno o due esperti di affari militari sul libro paga (certo, gli americani a volte sembrano avere anche troppi esperti).

I burocrati giapponesi, in particolare nel Ministero della Difesa, nel Ministero degli Affari Esteri e nel Ministero delle Finanze, sono stati felici di mantenere i membri della Dieta disinformati, anche se alcuni burocrati d’élite avrebbero potuto utilizzare essi stessi alcuni studi correttivi.

Diversi alti funzionari giapponesi in pensione hanno suggerito che l’Usindopacom (Il Comando Statunitense nell’Indo Pacifico) sviluppi un serio programma educativo per politici e funzionari giapponesi che vogliono conoscere la difesa, al di là degli esistenti briefing superficiali e positivisti («la relazione non è mai stata più forte», «a passo chiuso», ecc.) dato ai visitatori giapponesi alle Hawaii e a Washington.

Questo vale la pena considerare.

Per quanto preoccupante sia, la situazione attuale dovrebbe essere considerata come un’opportunità tempestiva per i giapponesi e gli americani di risolvere un problema comune e soddisfare un bisogno reciproco.

Il Giappone di per sé ha scarse prospettive contro la Cina comunista e deve avere il supporto militare americano. Ma meno spesso si considera che gli Stati Uniti hanno assolutamente bisogno di una forza di autodifesa giapponese capace se desiderano preservare la libertà nell’Asia-Pacifico.

Si è perso molto tempo da entrambe le parti. Bisogna fare sul serio.

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times

Articolo in inglese: Japan’s Defense: More Details Please

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >