Duro colpo ad aprile per l’economia di Shanghai a causa del lockdown

Di Alex Wu

L’economia di Shanghai è stata duramente colpita per via di un lockdown di quasi due mesi.

Gli ultimi dati pubblicati dalle autorità mostrano che ad aprile la produzione industriale totale a Shanghai è diminuita del 61,5% anno su anno. E l’estremo lockdown da parte del regime comunista cinese nell’ambito della sua politica «Zero-Covid» ha devastato la fiducia degli investitori.

Secondo i numeri diffusi dall’Ufficio municipale di statistica di Shanghai il 20 maggio, il valore totale della produzione delle imprese industriali a Shanghai ad aprile è stato di 128,617 miliardi di yuan (19,22 miliardi di dollari), con un calo del 61,5% rispetto allo stesso mese di un anno fa. I numeri per i primi quattro mesi di quest’anno mostrano un calo del 12,5 per cento rispetto al periodo dell’anno precedente.

I dati di aprile mostrano che solo il valore della produzione totale dell’industria del petrolio e del gas naturale hanno registrato una crescita, mentre il resto delle industrie ha subito un forte calo. Tra questi ci sono settori chiave come la produzione automobilistica, diminuiti del 70,9% su base annua, e l’industria manifatturiera delle attrezzature di trasporto, che è crollata dell’88,9% su base annua. Lo sviluppo di alloggi commerciali appena iniziato a Shanghai è diminuito del 47,1% da gennaio ad aprile e le vendite di alloggi commerciali sono diminuite del 17%.

L’esperto finanziario taiwanese Henry Wu ha dichiarato a Epoch Times che i dati economici mostrano che il problema è molto serio e che le conseguenze del lockdown di Shanghai sono troppo gravi: «A causa della pandemia di Covid-19, i materiali e e i componenti non possono essere spediti. Le scorte stanno finendo. Anche se i prodotti sono realizzati, non possono essere spediti e le aziende hanno sospeso la produzione, quindi vediamo l’economia precipitare come una valanga. Le situazioni per le industrie manifatturiere e dei servizi sono le stesse. I dati economici in molti settori sono diminuiti drasticamente, cosa che indica che molti settori non sono sostanzialmente in grado di funzionare normalmente».

Lo stabilimento di Shanghai di Tesla ha registrato zero esportazioni dei suoi modelli di fabbricazione cinese ad aprile.

Wu ha affermato che sia le compagnie cinesi che quelle straniere sono traumatizzate dal lockdown a tempo indeterminato e pianificano di evacuare e trasferirsi in altri Paesi «perché vedono che le misure del regime per affrontare la [pandemia, ndr] hanno raggiunto livelli assurdi e disumani».

I dati ufficiali diffusi mostrano anche che il valore della produzione totale delle grandi imprese industriali di Shanghai ad aprile è diminuito del 58% anno su anno, quello delle imprese industriali di medie dimensioni è diminuito del 57,7% e quello delle piccole imprese industriali è diminuito del 69,4%.

Wu afferma che le grandi e medie imprese possono ancora reggere per un po’, ma le piccole imprese potrebbero non avere così tanti soldi per continuare a funzionare: «Non possono permettersi le spese per gli stipendi e l’affitto dei dipendenti. Se non ci sono entrate, profitti e quindi attività di produzione, i fondi di riserva si esauriranno presto. Quindi non dureranno».

Wu afferma che dopo la revoca del lockdown di Shanghai in futuro, le persone non oseranno fare piani a lungo termine a Shanghai: «La ripresa della produzione potrebbe avere un piccolo effetto a breve termine, ma non durerà e potrebbe causare nuovi problemi».

Secondo Wu il problema attuale risiede nella crisi di fiducia. «Le decisioni di consumatori e investitori sono tutte basate sulla fiducia. La mancanza di trasparenza delle politiche [del regime cinese, ndr] influisce sulla loro fiducia. Il sistema stesso del Pcc produce la crisi economica. Il potere del governo è incontrollato, non controllato e non c’è né trasparenza né stabilità. Tutti sono spaventati dalla misura estrema dei lockdown. Così hanno perso fiducia nel sistema».

 

Articolo in inglese: Shanghai’s Economy Takes Hit in April Amid Citywide Lockdown

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >