Ex membro di spicco di Greenpeace denuncia l’organizzazione «dirottata dalla sinistra»

«Greenpeace è stata ‘dirottata’ dalla sinistra politica quando ha capito che c’erano soldi e potere nel movimento ambientalista. Gli attivisti politici in Nord America e in Europa hanno trasformato Greenpeace da un’organizzazione basata sulla scienza a un’organizzazione politica di raccolta fondi». Sono le parole di Patrick Moore, ex pezzo grosso di Green Peace, in delle e-mail ottenute da Epoch Times in cui Moore spiega le ragioni per le quali ha lasciato l’organizzazione ambientalista nel 1986, 15 anni dopo averla fondata insieme ad altri.

«Il movimento ‘ambientalista’ è diventato più un movimento politico che ambientale», ha affermato. «Si concentrano principalmente sulla creazione di narrazioni, storie, che sono concepite per instillare paura e senso di colpa nel pubblico, in modo che il pubblico invii loro denaro».

Secondo Moore, gli ambientalisti operano principalmente a porte chiuse con altri esponenti politici presso le Nazioni Unite, il Forum economico mondiale e così via, tutti eventi di natura principalmente politica.

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc) «non è un’organizzazione scientifica», ha aggiunto. «È un’organizzazione politica composta dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale e dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite».

«L’Ipcc assume scienziati che possano fornire loro ‘informazioni’ di supporto alla narrazione sull”emergenza climatica’. Le loro campagne contro i combustibili fossili, l’energia nucleare, la CO2, la plastica, eccetera, sono fuorvianti e mirano a far credere alla gente che il mondo finirà a meno che non paralizziamo la nostra civiltà e distruggiamo la nostra economia. Sono ormai un’influenza negativa sul futuro dell’ambiente e della civiltà umana».

«Oggi la sinistra ha adottato molte politiche che sarebbero molto distruttive per la civiltà perché non sono tecnicamente realizzabili. Basti pensare all’incombente crisi energetica in Europa e nel Regno Unito, di cui Putin sta approfittando. Ma è una crisi che hanno creato loro stessi, rifiutandosi di sviluppare le proprie risorse di gas naturale, opponendosi all’energia nucleare e adottando una posizione impossibile sui combustibili fossili in generale», ha scritto Moore.

La sinistra ha ‘dirottato’ Greenpeace

manifestante di greenpeace allo stadio
Un manifestante di “Greenpeace” vola nello stadio prima della partita del Gruppo F del Campionato UEFA Euro 2020 tra Francia e Germania all’Allianz Arena di Monaco di Baviera, in Germania, il 15 giugno 2021. (Alexander Hassenstein/Getty Images)

Moore ha affermato che i principi fondanti dell’organizzazione erano il ‘Green’ (verde) per l’ambiente e la ‘pace’ (Peace) per le persone, ma la pace è stata completamente dimenticata e il ‘verde’ è diventato l’unico valore.

«Molti leader ‘ambientalisti’ sostengono ora che “gli esseri umani sono i nemici della Terra, i nemici della Natura”. Non potevo accettare che gli esseri umani fossero l’unica specie malvagia. È troppo simile al ‘peccato originale’, secondo cui gli esseri umani nascono con il male, ma tutte le altre specie sono buone, persino gli scarafaggi, le zanzare e le malattie», ha spiegato Moore, aggiungendo che la nuova filosofia dominante è che il mondo sarebbe migliore se esistessero meno esseri umani.

«Ma le persone che hanno detto questo non si sono offerte volontarie per essere le prime ad andarsene. Si comportano come se fossero superiori agli altri. Questo tipo di ‘orgoglio’ e ‘presunzione’ è il peggiore dei peccati cardinali», ha precisato Moore.

Ritratto di un ambientalista atipico

Studioso, ecologista e leader di lungo corso nel campo ambientale internazionale, Patrick Moore è ampiamente considerato uno dei più qualificati esperti di ambiente al mondo.

Moore ha conseguito un dottorato di ricerca in ecologia presso l’Università della British Columbia nel 1974 e un dottorato di ricerca onorario presso la North Carolina State University nel 2005.

Si definisce uno dei fondatori iniziali di Greenpeace, fatto riportato da varie fonti. Tuttavia Greenpeace stessa ha affermato che Moore, pur essendo in passato fortemente coinvolto nell’organizzazione, non l’avrebbe fondata.

Secondo Moore, in ogni caso, egli avrebbe fondato Greenpeace nel 1971 insieme ad altri ed era stato presidente di Greenpeace Canada per nove anni. Dal 1979 al 1986, Moore è stato direttore di Greenpeace International, forza trainante che ha plasmato le politiche e le direzioni del gruppo. Durante i 15 anni del suo operato, Greenpeace è diventata la più grande organizzazione di attivisti ambientali del mondo.

Nel 1991, Moore ha fondato Greenspirit, una società di consulenza che si occupa di politiche ambientali, energia, cambiamenti climatici, biodiversità, alimenti geneticamente modificati, foreste, pesca, cibo e risorse.

Tra il 2006 e il 2012, Moore è stato co-presidente della Clean and Safe Energy Coalition, un gruppo di difesa ambientale con sede negli Stati Uniti.

Nel 2014 è stato nominato presidente della sezione Ecologia, energia e prosperità del Frontier Centre for Public Policy, un think tank canadese apartitico di politica pubblica.

Nel 2019 e 2020, Moore ha ricoperto il ruolo di presidente della CO2 Coalition, un gruppo no-profit di difesa dell’ambiente con sede negli Stati Uniti che si occupa di contestare le false affermazioni sulla CO2 in relazione al cambiamento climatico.

False notizie sul cloro

«Quando ho deciso di lasciare Greenpeace, ero uno dei 6 direttori di Greenpeace International. Ero l’unico ad avere una formazione scientifica formale, laurea con lode in discipline scientifiche e forestali e dottorato in ecologia. I miei colleghi direttori decisero che Greenpeace avrebbe dovuto iniziare una campagna per “bandire il cloro in tutto il mondo”».

Moore ha confermato che il cloro gassoso elementare è altamente tossico ed è stato usato come arma nella Prima Guerra Mondiale. Tuttavia, il cloro è uno dei 94 elementi della Tavola Periodica e ha molti ruoli nella biologia e nella salute umana. Ad esempio, il sale da cucina (NaCl o cloruro di sodio) è un nutriente essenziale per tutti gli animali e per molte piante. Quindi è impossibile ‘bandire’ l’NaCl.

Inoltre, secondo Moore, l’aggiunta di cloro all’acqua potabile, nelle piscine e alle terme è stato uno dei progressi più significativi nella storia della sanità pubblica nel prevenire la diffusione di malattie trasmissibili attraverso l’acqua, come il colera. E circa l’85 percento dei farmaci è prodotto con chimica legata al cloro e circa il 25 percento di tutti i nostri farmaci contiene cloro. Tutti gli alogeni, compresi cloro, bromo e iodio, sono potenti antibiotici; senza di essi, la medicina non sarebbe la stessa.

«Greenpeace ha definito il cloro “l’elemento del diavolo” e chiama il Pvc, cloruro di polivinile, o semplicemente vinile, “la plastica velenosa”. Tutto questo è falso, per spaventare il pubblico. Inoltre, questa politica sbagliata rafforza l’atteggiamento secondo cui gli esseri umani non sono una specie degna e che il mondo starebbe meglio senza di loro – ha dichiarato Moore – Non sono riuscito a convincere i miei colleghi di Greenpeace ad abbandonare questa politica sbagliata. Questo è stato il punto di svolta per me».

La falsa narrazione sugli orsi polari

Alla domanda su come Greenpeace utilizzi le sue ingenti donazioni, Moore ha risposto che vengono utilizzate per pagare «uno staff molto numeroso» (probabilmente più di 2.000 persone), pubblicità estese e programmi di raccolta fondi. E praticamente tutti gli annunci dell’organizzazione per la raccolta di fondi si basano su false narrazioni, che Moore aveva ampiamente smentito nei suoi libri, come ad esempio quella sugli orsi polari.

«Il Trattato internazionale sugli orsi polari, firmato da tutti i Paesi polari nel 1973 per vietare la caccia illimitata agli orsi polari, non viene mai citato dai media, da Greenpeace o dai politici che affermano che l’orso polare si sta estinguendo a causa dello scioglimento dei ghiacci nell’Artico. In realtà, la popolazione di orsi polari è aumentata da 6.000-8.000 esemplari nel 1973 a 30.000-50.000 oggi. Questo non è in discussione», ha specificato Moore.

«Ma ora dicono che l’orso polare si estinguerà nel 2100, come se avessero una sfera di cristallo magica in grado di prevedere il futuro. In realtà, lo scorso inverno l’Artico ha visto un’espansione dei ghiacci rispetto agli anni precedenti e l’Antartide è stato più freddo durante lo scorso inverno che negli ultimi 50 anni».

Moore ha detto che non pretende di sapere tutto e di prevedere il futuro con sicurezza, come molti nel settore delle ‘emergenze climatiche’ sostengono di poter fare.

L’obiettivo della teoria dell’apocalisse ambientale

«Credo che la popolazione umana sia sempre stata vulnerabile alle persone che predicono il male con storie false», ha dichiarato Moore.

«Gli Aztechi gettavano le vergini nei vulcani e gli europei e gli americani hanno bruciato le donne come streghe per 200 anni sostenendo che questo avrebbe ‘salvato il mondo’ dalle persone malvagie. Questa è stata definita “mentalità di branco”, “pensiero di gruppo” e “comportamento settario”. Gli esseri umani sono animali sociali con una gerarchia, ed è più facile ottenere una posizione elevata usando la paura e il controllo».

Moore ha affermato che la teoria dell’apocalisse ambientale riguarda soprattutto «il potere politico e il controllo», aggiungendo che si dedica a mostrare alla gente che la situazione non è così negativa come viene raccontata.

«Oggi, nei Paesi più ricchi, i nostri discendenti stanno prendendo decisioni che i nostri nipoti dovranno pagare», ha proseguito. «Le previsioni sulla fine del mondo sono state fatte per migliaia di anni. Non si sono mai avverate. Perché dovremmo crederci ora?».

«Le persone hanno naturalmente paura del futuro perché è sconosciuto e pieno di rischi e decisioni difficili. Credo che ci sia anche un elemento di ‘disgusto di sé’ in questo movimento apocalittico».

Moore ha sostenuto che alle giovani generazioni di oggi viene insegnato che gli esseri umani non sono degni e stanno distruggendo la Terra. Questo indottrinamento li ha fatti sentire colpevoli e ha fatto loro provare vergogna di sé, che è il modo sbagliato di affrontare la vita.

La demonizzazione dell’anidride carbonica

«Pochissime persone credono che il mondo non si stia riscaldando. I dati sono chiari: il mondo si sta riscaldando dal 1700 circa, 150 anni prima dell’uso dei combustibili fossili. Il 1700 è stato l’apice della Piccola Era Glaciale, che è stata molto fredda e ha causato perdite di raccolto e fame – ha dichiarato Moore – Prima di allora, intorno al 1000 d.C., c’è stato il periodo caldo medievale, quando i vichinghi coltivavano la Groenlandia. Prima ancora, intorno al 500 d.C., c’erano i Secoli bui e il Periodo caldo romano, quando faceva più caldo di oggi e il livello del mare era 1-2 metri più alto di oggi».

«Anche fino al 1950 circa, la quantità di combustibili fossili utilizzati e la CO2 emessa erano molto ridotte rispetto ad oggi. Non conosciamo la causa di queste fluttuazioni periodiche della temperatura, ma sicuramente non è stata la CO2».

Moore ha chiarito che l”opinione di minoranza’ non riguarda la storia della temperatura terrestre, ma la relazione tra la temperatura e la CO2 ad essere al centro della disputa.

«A questo proposito, sono d’accordo sul fatto che molti credono che la CO2 sia la causa principale del riscaldamento. La CO2 è invisibile, quindi nessuno può vedere cosa stia facendo. E questa ‘maggioranza’ è costituita principalmente da scienziati pagati da politici e burocrati, da media che fanno notizia o da attivisti che fanno soldi. [Il resto è, ndr] costituito dal pubblico che crede a questa storia anche se non può vedere cosa stia facendo la CO2», ha affermato Moore.

Moore ha fornito un grafico della temperatura misurata in modo continuo per 350 anni (dal 1659 al 2009) nell’Inghilterra centrale. «Se l’anidride carbonica fosse la causa principale del riscaldamento, – ha spiegato – allora dovrebbe esserci un aumento della temperatura lungo la curva dell’anidride carbonica, ma non è così».

Moore ha definito la demonizzazione della CO2 ‘completamente ridicola’. Ha aggiunto che la CO2 è alla base di tutta la vita sulla Terra e la sua concentrazione nell’atmosfera oggi, anche con l’aumento, è più bassa di quanto sia stata per la maggior parte dell’esistenza della vita.

Studio: Crescita della CO2 correlata all’aumento delle piantagioni

Uno studio del 2013 ha rilevato che l’aumento dei livelli di anidride carbonica (CO2) ha contribuito a incrementare il fogliame verde nelle regioni aride del mondo negli ultimi 30 anni.

L’agenzia governativa australiana Csiro ha condotto la ricerca in collaborazione con l’Australian National University (Anu). I dati si basano su osservazioni satellitari effettuate dal 1982 al 2010 in alcune zone aride dell’Australia, del Nord America, del Medio Oriente e dell’Africa.

È stato riscontrato un aumento dell’11 percento della copertura fogliare nell’area studiata, dovuto alla cosiddetta «fertilizzazione da CO2».

Secondo lo studio, l’effetto di fertilizzazione si verifica quando livelli elevati di CO2 consentono a una foglia, durante la fotosintesi – il processo con cui le piante verdi convertono la luce solare in zuccheri – di estrarre più carbonio dall’aria o di perdere meno acqua nell’aria o entrambi.

«Se la CO2 elevata fa diminuire l’uso di acqua delle singole foglie, le piante in ambienti aridi rispondono aumentando il numero totale di foglie. – secondo Randall Donohue, ricercatore del Csiro – Questi cambiamenti nella copertura fogliare possono essere rilevati dal satellite, in particolare nei deserti e nelle savane dove la copertura è meno completa rispetto alle zone umide».

Il riscaldamento globale

«Gli allarmisti climatici preferiscono discutere delle conoscenze climatiche solo a partire dal 1850. Il periodo precedente viene definito ‘età preindustriale’. Questa ‘età preindustriale’ è durata più di 3 miliardi di anni, in cui la vita era già presente sulla terra – ha sottolineato Moore – In quel periodo si sono verificati molti cambiamenti climatici, tra cui ere glaciali, ere temperate, estinzioni importanti dovute all’impatto di asteroidi e altre cause sconosciute».

«Oggi la Terra si trova nell’era glaciale del Pleistocene, iniziata 2,6 milioni di anni fa. […] Quindi, l’ultima grande glaciazione, che ha raggiunto il picco 20mila anni fa, non è stata la fine dell’era glaciale. Siamo ancora nell’era glaciale del Pleistocene, per quanto gli allarmisti climatici vogliano negarlo».

La grande ironia dell’attuale panico climatico è che la Terra è più fredda oggi di quanto lo sia stata per 250 milioni di anni prima dell’inizio dell’era glaciale del Pleistocene. E la CO2 è più bassa oggi che in oltre il 95 per cento della storia della Terra.

«Ma non lo sapreste mai se ascoltaste tutte le persone che traggono vantaggio dalla menzogna che la Terra sarà presto troppo calda per la vita – ha proseguito Moore – e che la CO2 diventerà più alta che in tutta la storia della Terra».

Più CO2 è benefica per l’ambiente e per gli esseri umani

Secondo Moore, quasi tutti i coltivatori di serre commerciali in tutto il mondo acquistano CO2 da iniettare nelle loro serre per ottenere raccolti superiori fino al 60 percento.

«Sono rimasto impressionato quando ho sorvolato la Corea del Sud e ho visto quante serre ci sono nelle valli. Come la Columbia Britannica, la Corea ha molte montagne e non molti terreni agricoli fertili e pianeggianti.

«Sono sicuro che i coltivatori di serre immettano più CO2 nelle loro serre, fino al doppio o al triplo di quella presente oggi nell’atmosfera. Questo perché quasi tutte le piante che crescono all’esterno, nell’atmosfera naturale, sono affamate di CO2, ed è questo che limita la loro crescita più rapida», ha aggiunto Moore.

«Vi invito a consultare il capitolo intitolato ‘Clima di paura e di colpa’ nel mio libro [Fake Invisible Catastrophes and Threats of Doom, ndr]  se volete avere una piena comprensione di questi fatti».

Moore ha inoltre affermato che la maggior parte degli attivisti ambientali, dei politici e dei cosiddetti esperti sanno che non possiamo fermare l’aumento dell’uso dei combustibili fossili o ridurre le emissioni di CO2 entro le scadenze proposte.

«Nel 2015, mentre partecipavo alla Cop (Conferenza delle Parti) di Parigi, ho lanciato una scommessa pubblica di 100 mila dollari in un comunicato stampa diffuso da oltre 200 media, secondo la quale entro il 2025 le emissioni globali di CO2 sarebbero state superiori a quelle del 2015. Non ho ricevuto nemmeno un’offerta, nemmeno dai ‘verdi’», ha dichiarato Moore.

«So che una maggiore quantità di CO2 è assolutamente benefica sia per l’ambiente che per la civiltà umana. Sono orgoglioso di essere un direttore della Coalizione per la CO2».

L’ironia della ‘neutralità del carbonio’

Moore ritiene che l’espressione ‘neutralità del carbonio’ sia un termine politico, privo di basi scientifiche.

«È semplicemente sbagliato chiamare la CO2 ‘carbonio’. Il carbonio è un elemento di cui sono composti i diamanti, la grafite e il nerofumo (fuliggine). La CO2 è una molecola che contiene carbonio e ossigeno ed è un gas invisibile che costituisce l’alimento principale di ogni forma di vita. Non è corretto riferirsi all’NaCl (sale da cucina) come ‘cloro’, anche se NaCl contiene cloro», ha sottolineato Moore.

«Quando gli elementi (atomi) si combinano tra loro per formare composti (molecole), questi hanno sempre proprietà molto diverse dagli elementi da cui sono costituiti».

Net-Zero «è anch’esso un termine politico inventato da attivisti che non sono scienziati. Per esempio, i principali leader di questa crociata sono persone come Al Gore, Leonardo Di Caprio e Greta Thunberg, nessuno dei quali è uno scienziato».

Secondo Moore, Russia, Cina e India rappresentano il 40 percento della popolazione umana e non sono d’accordo con l’agenda anti-carburanti.

«Se aggiungiamo Brasile, Indonesia e la maggior parte dei Paesi africani, la maggioranza della popolazione non è fanatica del clima», ha aggiunto Moore.

«Un’altra grande ironia è che molti Paesi con i climi più freddi, come Canada, Svezia, Germania e Regno Unito, sono i più preoccupati per il riscaldamento. Per esempio, la temperatura media annuale in Canada è di -5,35 gradi centigradi».

Moore ha anche aggiunto che i fumi dei motori non sono CO2, ma altre sostanze, poiché la CO2 è invisibile e inodore. Anche la polvere non è CO2; è fuliggine e può essere controllata con la tecnologia attuale. E le centrali a carbone costruite oggi sono molto più pulite di quelle costruite 20 anni fa, secondo l’esperto.

«La plastica non è una sostanza tossica»

«La plastica non è una sostanza tossica. È il motivo per cui confezioniamo e avvolgiamo i nostri alimenti in essa, per evitare che vengano contaminati. – ha specificato Moore – La plastica non diventa magicamente tossica quando entra nell’oceano».

«Naturalmente, da un lato si dice che la plastica non si decompone mai, dall’altro si dice che si decompone rapidamente in ‘microplastiche’, che ovviamente sono comodamente invisibili e nessuno può osservarle o verificarle di persona. Che furbizia!».

Secondo Moore, il nostro sistema digestivo è in grado di distinguere tra ‘cibo’ e plastica o minuscole particelle di sabbia. Il nostro corpo non ingerisce sabbia nel flusso sanguigno, per quanto microscopica sia.

La plastica che galleggia nell’oceano è come una piccola barriera corallina galleggiante, come il legno alla deriva. Fornisce alle specie marine una superficie su cui deporre le uova, attaccarsi e mangiare le cose che vi sono attaccate.

«L’inquinamento è solitamente tossico o causa danni alla vita. La plastica è semplicemente ‘spazzatura’ accanto alla strada. Non danneggia nulla. Un’eccezione è rappresentata dalle reti da pesca dismesse, non perché siano di plastica ma perché sono fatte per catturare i pesci. – ha sottolineato Moore –La comunità ambientalista dovrebbe lavorare con il settore della pesca per smettere di gettare in mare le reti danneggiate e riportarle al molo, dove possono essere riciclate, utilizzate in un impianto di termovalorizzazione o gettate in modo sicuro».

 

Questa intervista è una compilazione di uno scambio di e-mail tra Moore e il professore sudcoreano Seok-soon Park, docente di scienze ambientali e ingegneria presso la Ehwa Womans University di Seoul, Corea del Sud, nel novembre 2021. Il materiale è stato fornito a Epoch Times da Park con il permesso di Moore il 7 luglio 2022.

Sia Park che Moore sono tra i 1.100 scienziati e professionisti che hanno firmato la Dichiarazione mondiale sul clima (WCD), in cui affermano che non c’è alcuna emergenza climatica.

Il professor Park è ambasciatore della Dichiarazione Mondiale sul Clima presso il Clintel e membro della Coalizione CO2. Ha tradotto ‘Inconvenient Facts: The Science That Al Gore Doesn’t Want You to Know (di Gregory Wrightstone)’ e ‘Fake Invisible Catastrophes and Threats of Doom (di Patrick Moore)’ in coreano. Profondamente colpito da questi libri, ha fondato la ‘Korea Alliance of Freedom and Environmental Groups’, che si occupa di illuminare le persone sulla verità del cambiamento climatico, sull’ecocompatibilità dell’energia nucleare, sui vantaggi ambientali di un’economia di mercato liberaldemocratica e su un ambientalismo ragionevole.

Park ha conseguito la laurea in Zoologia presso l’Università Nazionale di Seoul (Seoul, Corea) nel 1980 e il master e il dottorato in Scienze ambientali presso la Rutgers University (New Brunswick, New Jersey) nel 1983 e nel 1985. Prima di diventare uno dei professori fondatori del Dipartimento di Scienze Ambientali e Ingegneria della Ewha nel 1996, ha lavorato come ricercatore post-dottorato alla Rutgers University, come visiting professor alla Princeton University e come professore di ruolo alla Kangwon National University (Chuncheon, Corea del Sud).

È stato presidente della Società coreana di educazione ambientale, presidente dell’Istituto nazionale di ricerca ambientale e membro del Comitato consultivo presidenziale per la scienza e la tecnologia. Ha pubblicato oltre 150 articoli di ricerca su riviste specializzate e ha scritto più di 20 libri. Ha ricevuto il premio come miglior scienziato e ingegnere dalla Korea Science Foundation nel 2007 e un encomio presidenziale nel 2013.

 

Articolo in inglese: EXCLUSIVE: Greenpeace Founder Patrick Moore Says Climate Change Based on False Narratives

 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >