A febbraio gran parte d’Italia passa in zona gialla, 5 regioni restano arancioni

Sulla base del sistema di restrizioni sanitarie a fasce, gran parte dell’Italia tornerà in zona gialla a partire da lunedì primo febbraio. Rimarranno invece arancioni Sicilia, Sardegna, Umbria, Puglia e la provincia autonoma di Bolzano. In tutte le regioni rimane in vigore il coprifuoco dalle 5 alle 22, fatta eccezione per esigenze lavorative, per motivi di salute o per situazioni di necessità.

Regole per le regioni gialle

– Consentiti gli spostamenti all’interno della propria regione o provincia autonoma.
– Spostamenti verso altre regioni o provincie autonome solo per comprovate esigenze lavorative, per motivi di salute o per situazioni di necessità.
– Visite in casa consentite per un massimo di due persone, che possono portare con sé figli minori di 14 anni, disabili o persone non autosufficienti con loro conviventi.
– Somministrazione in bar e ristoranti consentita dalle 15 alle 18. Dalle 18 alle 22 è consentita la vendita da asporto ma non per gli esercizi che svolgono principalmente attività di bar o commercio di bevande al dettaglio.
– Consegna a domicilio sempre consentita.
– Musei, mostre e altre strutture culturali aperte da lunedì al venerdì.
– Attività sportiva all’aperto consentita. Ma rimangono vietati gli sport di contatto.
– Palestre, piscine, centri benessere e termali sono chiusi, fatte salve eccezioni terapeutiche o per gli allenamenti di atleti che partecipano a competizioni di rilevanza nazionale.

Regole per le regioni arancioni

Oltre alle restrizioni vigenti nelle zone gialle, si aggiungono:
– Divieto di uscire dal proprio comune se non per lavoro, salute o necessità. Fanno eccezioni i comuni fino a 5 mila abitanti, dai quali sono consentiti spostamenti entro i 30 chilometri ma senza recarsi nei capoluoghi di provincia.
– È consentita solo una visita al giorno in casa di parenti o amici, per un massimo di due persone, che possono portare con sé figli minori di 14 anni, disabili o persone non autosufficienti con loro conviventi.
– Non ci si può spostare in altre regioni o provincie autonome.
– Consumazioni sempre vietate in bar e ristoranti. Asporto consentito dalle 5 alle 18, tra le 18 e le 22 solo dai locali con cucina.
– Vietato consumare cibi e bevande all’aperto tra le 18 e le 22.
– Musei, mostre, teatri, cinema, palestre e piscine rimangono chiusi.
– Didattica in presenza tra il 50 e il 75 percento nelle scuole superiori.
– Università decidono autonomamente.
– Trasporti locali al 50 percento della capienza.
– Consentita attività sportiva all’aperto, non sport di contatto.
– Consentita partecipazione alle funzioni religiose.

Le regioni designate come arancioni rimarranno tali per almeno un’altra settimana.

 
 
 

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang
Il regime comunista cinese diffonde la sua propaganda e disinformazione sia su Twitter che su Facebook, al fine ...
Leggi >
 

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno
Secondo la Pfizer le persone che hanno ricevuto il suo vaccino per Covid-19 potrebbero aver bisogno della terza ...
Leggi >
 

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti
Da quando il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha avviato la nuova guerra fredda Usa-Cina nella prima metà del ...
Leggi >
 

Porre fine alla tirannia delle Big Tech

Porre fine alla tirannia delle Big Tech
Il 5 aprile il giudice statunitense Clarence Thomas ha annunciato che presto la Corte Suprema dovrà porre fine ...
Leggi >