Fermare la «governance autoritaria sul clima» prima che sia troppo tardi

Di Wesley J. Smith

Se il Covid ci ha insegnato qualcosa è che la classe tecnocratica ha pochi scrupoli nel limitare la libertà. Inoltre, una volta preso il potere, è molto riluttante a restituirlo.

Ma i nostri aspiranti padroni hanno un grosso problema. La pandemia che secondo loro giustificava restrizioni alla libertà individuale alla fine diminuirà. Quindi, è iniziata la ricerca della prossima grande scusa per limitare la libertà.

È sempre più chiaro che la «crisi climatica» occuperà quel ruolo. La parte bella, dal punto di vista di questi aspiranti potentati, è che il riscaldamento globale è sempreverde, cioè non svanirà presto, indipendentemente dalle politiche adottate. E se il potere concesso alle autorità sanitarie pubbliche durante il Covid venisse ceduto anche ai guerrieri del cambiamento climatico, diventerebbe un autoritarismo senza una prevedibile fine.

Un’argomentazione esplicita a favore del perseguimento di tale obiettivo è stata appena pubblicata sull’American Political Science Review, una delle riviste professionali più prestigiose e influenti del mondo. L’autore di «Legittimità politica, autoritarismo e cambiamento climatico» fiuta che la libertà dovrà essere ridotta perché ci siamo rifiutati di fare ciò che ci hanno detto gli esperti: «I cittadini democratici hanno in più occasioni sconfitto (tramite referendum o protesta) anche modeste tasse sul carbonio», afferma l’articolo. Inoltre, «il diritto alla libertà di parola in molti Paesi ha reso praticamente impossibile la regolamentazione delle campagne dannose di negazionismo climatico e di disinformazione».

Non solo, ma il primato dell’autonomia individuale ha reso a volte anche interventi minori (ad esempio relativi alle lampadine, agli standard di efficienza del carburante, o alla dieta) estremamente controversi, e politiche più ambiziose (come il controllo della popolazione) impensabili. Com’è difficile essere un autocrate!

Per mantenere la «legittimità fondamentale» (sigla: Lf), potrebbe essere necessario imporre una «governance climatica autoritaria». Che cos’è è la legittimità fondamentale? «In parole povere, la Lf richiede che le esigenze di sicurezza essenziali dei cittadini siano soddisfatte». Inoltre, la legittimità fondamentale ha la priorità sulla «legittimità contingente» (Lc) – ad esempio, il credere in un governo limitato – perché «garantire la sicurezza può a volte giustificare il rilassamento o la sospensione della stretta aderenza a determinati processi democratici o diritti individuali».

Inutile dire che l’autore afferma che «le catastrofi climatiche in corso» hanno creato uno stato di pericolo così acuto che, a meno che non facciamo volontariamente ciò che ci dicono gli autocrati del clima, i leader mondiali non avranno altra scelta che brandire il bastone del dittatore. L’autore fornisce utili esempi specifici delle politiche dispotiche che la governance del clima autoritaria potrebbe imporre:

  • «I governi potrebbero spingere i cittadini a fare cambiamenti significativi nello stile di vita. Un esempio pertinente riguarda la riduzione delle diete ricche di carne […] data l’enorme impronta di carbonio dell’agricoltura animale».
  • «Un regime di censura che impedisca la proliferazione del negazionismo climatico o della disinformazione nei media pubblici. Ciò potrebbe essere in conflitto con le concezioni standard di libertà di espressione o di stampa. Tuttavia ancora una volta, andrebbe applicato nella misura in cui tali libertà sono state esercitate in modi che hanno minato (e continuano a minare) un’efficace azione per il clima».
  • «Rilassare i diritti di proprietà al fine di nazionalizzare, chiudere o riutilizzare alcune aziende, in particolare nei settori dell’energia e dell’agricoltura, in modo da garantire che la transizione dalla produzione ad alta intensità di carbonio avvenga rapidamente, equamente e a costi limitati».
  •  «I governi potrebbero anche legittimamente limitare alcune istituzioni e processi democratici nella misura in cui questi riguardano la promulgazione o l’attuazione della politica ambientale. Ciò potrebbe comportare l’imposizione di un test climatico a coloro che cercano incarichi pubblici, l’esclusione di chiunque abbia legami significativi (relazionali o finanziari) con industrie dannose per il clima o una storia di negazionismo climatico».
  • «Con un provvedimento più forte, i governi possono istituire istituzioni in grado di ribaltare precedenti decisioni democratiche (espresse, ad esempio, in referendum popolari o plebisciti) contro l’attuazione di tasse sul carbonio o altre politiche climatiche necessarie».

E se la gente non vuole queste politiche? «Se tali restrizioni sono necessarie per preservare la Lf, allora possono essere legittimamente imposte, anche se così facendo si va contro i desideri del pubblico democratico o violano i diritti individuali o di gruppo fino a quando non sarà passata l’emergenza (o una credibile minaccia di emergenza)».

Alcuni lettori potrebbero pensare: «Quindi, una testa d’uovo che scrive in un diario di alto livello ha manie di grandezza. Non succederà mai».

Non c’è da stare tranquilli, però. Il fatto che una tale scioccante tesi sia stata pubblicata in una delle pubblicazioni di scienze politiche più importanti del mondo e abbia superato la revisione paritaria la dice già lunga!

Inoltre, questo articolo non è certo una tantum. Questa argomentazione sta diventando un modello tra gli intellettuali internazionali e i leader globalisti. Ad esempio, il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha sostenuto in un rapporto ufficiale delle Nazioni Unite che il mondo dovrebbe adottare – e l’Onu amministrare – codici globali della Parola per «regolare e gestire meglio i nostri beni comuni digitali come un bene pubblico globale».

Il dottor Anthony Fauci ha sostenuto che le Nazioni Unite dovrebbero «ricostruire l’infrastruttura dell’esistenza umana». Riviste mediche di spicco hanno chiesto di dichiarare il cambiamento climatico un’emergenza di salute pubblica in modo che possano essere imposte restrizioni di tipo Covid.

Un articolo sulla prestigiosa rivista scientifica Nature ha persino proposto di imporre «permessi personali di carbonio» che razionino le emissioni, un po’ come l’acquisto privato di benzina venne limitato durante la seconda guerra mondiale. Questa politica sarebbe applicata con invadenti tecniche high-tech del tipo attualmente imposto dall’odioso sistema di credito sociale del Partito Comunista Cinese.

Non si sente molto parlare di questo gorgogliante calderone di dispotismo nei media mainstream. Parte del motivo, è che molti di questi articoli sono scritti da accademici e funzionari politici di cui la maggior parte delle persone che non ha mai sentito parlare, nella prosa secca del discorso accademico che addormenta i lettori.

Inoltre, i giornalisti di sinistra dominati dai media potrebbero essere solidali con la causa credendo che gli attivisti del clima siano dalla parte giusta della storia e che il mondo sia messo in pericolo dai «negazionisti del clima».

E non possiamo mai dimenticare l’oltraggio selettivo praticato in modo così promiscuo dalla stampa mainstream. Voglio dire, si immagini se qualcuno nell’orbita di Donald Trump, ad esempio Don Jr. o Steve Bannon, sostenesse la revoca delle leggi emanate democraticamente per legge per servire uno scopo più alto. Le urla sulla stampa non si fermerebbero mai.

Ma quando il capo delle Nazioni Unite, il dottor Fauci, e influenti accademici – persone che hanno molto più potere di Junior o Bannon – propongono peggiori prescrizioni anti-libertà nelle riviste più prestigiose del mondo, tutto ciò che sentiamo è il suono del silenzio.

Bisogna prestare attenzione. Questi articoli non sono stati finanziati né pubblicati semplicemente come un nuovo mezzo per discutere su tanti scenari teorici. Hanno uno scopo profondamente pratico: influenzare il pensiero dei politicamente potenti e spostare queste idee dalla politica pubblica proposta a quella attuata.

Non possiamo lasciare che una tale tesi antidemocratica si nasconda nell’ombra. La libertà personale è troppo importante per essere lasciata agli «esperti». Il modo migliore per prevenire il «governo autoritario del clima» è esporre le idee repressive dei sostenitori al calore del disprezzo pubblico.

Ed ecco la buona notizia. Rimane un enorme ostacolo tra la nostra società ancora per lo più libera e il mondo oppressivo che i nostri aspiranti governanti tecnocratici vogliono imporre. Più sappiamo, meno è probabile che riescano nelle loro macchinazioni.

 

Il pluripremiato autore Wesley J. Smith è ospite del podcast Humanize (Humanize.today), presidente del Centro sull’eccezionalità umana del Discovery Institute e consulente del Consiglio per i diritti dei pazienti. Il suo ultimo libro è «Culture of Death: The Age of ‘Do Harm’ Medicine».

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Stop ‘Authoritarian Climate Governance’ Before It is Too Late

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >