Gli eroi del mare dell’11 settembre. «Io una delle 500 mila vite salvate»

Di Christina Stanton

La mattina dell’11 settembre 2001, io e mio ​​marito siamo stati svegliati da un’enorme esplosione che ha scosso il nostro edificio. Siamo subito corsi sulla terrazza al 24esimo piano del nostro condominio a soli sei isolati dal World Trade Center, e abbiamo visto un denso fumo nero provenire dalla Torre Nord. Poi abbiamo udito un boato sopra di noi e abbiamo visto passare il secondo aereo che si è schiantato contro la Torre Sud. L’impatto ci ha scagliati all’indietro nel nostro soggiorno, facendoci perdere i sensi. Quando ci siamo ripresi, abbiamo afferrato il nostro cane e rapidamente evacuato il nostro edificio. A piedi nudi e ancora in pigiama, abbiamo cercato rifugio nel vicino Battery Park, ma l’incubo è continuato. Le torri sono presto cadute, coprendoci con polvere e detriti tossici, e il fumo pesante ci ha avvolto in una nuvola mortale.

Siamo rimasti intrappolati. Avevamo un disperato bisogno di lasciare l’isola.

Una folla si è radunata lungo l’Hudson e siamo riusciti a salire a bordo di una barca diretta nel New Jersey. Era una grande barca bianca della Ny Waterway, un servizio di traghetti per i pendolari.

Il traghetto si è presto riempito di residenti di Lower Manhattan, impiegati d’ufficio, personale dell’hotel, studenti delle scuole vicine, turisti e madri che tenevano in braccio i bambini. Alcuni sembravano illesi come se non fossero stati affatto nel caos, mentre altri erano gialli per la polvere e alcuni rossi per il sangue. Molti stavano piangendo o avevano un’espressione sbalordita, con gli occhi spalancati e in preda al panico.

Dopo esserci lasciati alle spalle la città in fiamme, abbiamo osservato il porto: barche di ogni forma e dimensione correvano verso Manhattan da ogni direzione.

L’11 settembre si sarebbe rivelato la più grande evacuazione marittima mai registrata nella storia, superando il miracolo di Dunkerque, il salvataggio delle forze britanniche e alleate dal porto francese durante la seconda guerra mondiale.

Immediatamente dopo gli attacchi a New York, la metropolitana è stata chiusa, tutti i ponti e i tunnel sono stati chiusi a Manhattan e le corse degli autobus sono state sospese o deviate. Più di un milione di lavoratori e residenti a sud di Canal Street si sono trovati a fuggire a piedi verso nord, attraverso strade ricoperte di polvere e detriti dagli edifici crollati, o diretti a sud e ovest, sperando in un salvataggio in acqua.

Quando è giunto all’attenzione della Guardia Costiera degli Stati Uniti che grandi folle si stavano radunando sulla costa, hanno emesso una chiamata radio per assistere nel salvataggio. Dan Ronan, ex direttore del servizio di traffico navale del settore della Guardia Costiera degli Stati Uniti di New York, ha dichiarato: «Abbiamo preso la decisione consapevole di volere che i marinai professionisti di New York, che sono molti e molto talentuosi, divenissero così una forza lavoro per spostare le persone, quel giorno».

«I marinai hanno una lunga tradizione di servizio disinteressato verso gli altri», ha affermato Peter Johansen, ex direttore operativo di Ny Waterways, che è stato un organizzatore chiave delle evacuazioni in barca. «Quando una nave emette una richiesta di soccorso, qualsiasi nave che può aiutare va in loro aiuto. La stessa cosa è successa l’11 settembre».

La Guardia Costiera non era sicura di quante barche sarebbero accorse, ma hanno risposto circa 150 di loro. Il porto di New York si è rapidamente riempito di battelli turistici, traghetti, rimorchiatori, taxi d’acqua, crociere, moto d’acqua, pescherecci e barche per feste. Alcune di loro hanno navigato avanti e indietro attraverso il porto tutto il giorno, scaricando passeggeri nel New Jersey, a Brooklyn, a Staten Island e nella parte alta di Manhattan.

Gli evacuati erano un vero spaccato della popolazione di New York City. Si stima che 300 mila impiegati di Stati come New Jersey, Connecticut e Pennsylvania, insieme a 25 mila residenti, 50 mila studenti e centinaia di turisti, fossero in centro quel martedì mattina. L’evacuazione spontanea in barca dell’11 settembre ha salvato 500 mila persone in meno di nove ore, grazie ad almeno 800 eroi marittimi.

È difficile credere che siano passati 20 anni da quando io e mio marito siamo scappati in pigiama, a piedi nudi e completamente gialli dalla polvere, sulle coste del New Jersey. Siamo stati in grado di continuare con le nostre vite, quando quasi 3 mila anime preziose non ce l’hanno fatta. Ma in un giorno di perdita devastante, abbiamo anche assistito ad atti altruistici di veri eroi americani non celebrati.

«Quando la Guardia Costiera ha inviato il messaggio ‘Chiamate tutte le barche’, i marinai hanno fatto come hanno sempre fatto, salvando quelli in pericolo», ha detto Johansen, che ha aggiunto: «Non vorrei mai vivere in un mondo senza questi eroi».

 

Christina Ray Stanton ha scritto un libro pluripremiato, «Out of the Shadow of 9-11 : An Inspiring Tale of Escape and Transformation». È una guida turistica autorizzata di New York City e un oratore ricercato sull’11 settembre.

Articolo in inglese: My Memories of the 9/11 Boat Evacuation

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista
Epoch Times Italia ha intervistato Filippo Dellepiane, studente 19enne di Filosofia a Firenze e coordinatore di 'Studenti contro ...
Leggi >
 

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’
Il leader cinese Xi Jinping vuole infondere 'lealtà' a tutti i cittadini cinesi, a cominciare dagli studenti delle ...
Leggi >
 

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia
Grazie alla richiesta del Freedom of Information Act sono state pubblicate oltre 900 pagine di documenti che rivelano ...
Leggi >
 

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione
L'8 settembre i talebani hanno annunciato il divieto di tutti gli slogan, manifestazioni e proteste che non hanno ...
Leggi >