Grande città cinese in lockdown totale: «I giorni bui sono tornati».

Di Dorothy Li

Il regime cinese ha inasprito le restrizioni di viaggio e aumentato gli ordini di test di massa nella città nord-orientale di Harbin dal 21 settembre, nel tentativo di contrastare la nuova ondata di casi di Covid-19.

Si stima che circa 10 milioni di residenti di Harbin, capoluogo dell’Heilongjiang, abbiano ricevuto un nuovo ordine di restare in casa. Le autorità hanno detto loro di evitare tutti i viaggi non essenziali e chi chiede di lasciare la città deve mostrare un risultato negativo del test del virus del Pcc effettuato non più di 48 ore prima della partenza.

Avvisi simili rilasciati da diverse città in tutto il Paese, riportano che prima di entrare in un’altra città, i residenti di Harbin devono presentarsi alle autorità della città di destinazione con 24 ore di anticipo. Coloro che erano stati ad Harbin nei 14 giorni precedenti, sono tenuti a riferirlo ai Dipartimenti o alle aziende locali per cui lavorano, nonché a fare un test dell’acido nucleico e ad andare in quarantena, secondo quanto si legge in una dichiarazione di lunedì, emessa dalla provincia dell’Hunan, nel sud-est della Cina.

Le autorità di Harbin hanno segnalato otto nuovi casi il 22 settembre, che sono tutti contatti stretti dei primi tre casi confermati il ​​giorno prima dal governo municipale. È probabile che la cifra non rifletta il totale effettivo, dato che il regime cinese è noto per le stime grossolanamente al ribasso.

Harbin ha implementato la rigorosa strategia di contenimento del virus del regime, inclusi test di massa, quarantene obbligatorie e chiusura dei luoghi di intrattenimento.

Anche i luoghi al chiuso come cinema, palestre e sale da mah-jong sono stati chiusi e ai siti turistici è stato ordinato di limitare il traffico dei visitatori a metà della loro capacità, secondo quanto riferito dalla televisione di Stato martedì.

Un residente locale di cognome Li ha detto a Epoch Times che i supermercati sono ancora aperti ma richiedono ai clienti di scansionare i codici sanitari e controllare la temperatura prima di entrare. «Ora tutti devono fare i test dell’acido nucleico. I giorni bui sono tornati».

Le autorità hanno promesso di completare un primo ciclo di test in tutta la città in 48 ore. Ke Yunnan, vice direttore della Commissione per la salute della città ha comunicato in una conferenza stampa che coloro che non sono stati testati vedranno i loro codici di salute diventerà di colore ambra.

Il regime cinese aveva adottato sistemi di codici Qr basati su colori che utilizzavano big data e tecnologia mobile per controllare i movimenti delle persone. Il sistema assegna ai cittadini tre codici sui telefoni cellulari, tra cui uno sanitario, uno di viaggio e uno vaccinale.

I colori ambra o rosso impediscono alle persone di uscire di casa, prendere autobus, treni o aerei e entrare in supermercati e ristoranti.

Da mercoledì la città ha anche sospeso le lezioni offline in tutte le scuole materne, elementari e superiori per una settimana.

La contea di Bayan, dove vivevano i primi tre casi confermati, ha sospeso i servizi di autobus e taxi e ha bloccato alcune aree. Song Mei (pseudonimo), che vive in una città della contea di Bayan, ha affermato di aver ricevuto l’ordine di chiudere il suo ristorante a causa dell’ultimo focolaio. Ha detto che non si sa quando il ristorante potrebbe riaprire. Ha inoltre riferito a Epoch Times che le autorità hanno sigillato tutte le strade della città e mandato in quarantena i contatti stretti.

 

Articolo in inglese: COVID-19 Sends Northern Chinese City Into Semi-Shutdown

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >