Hong Kong, giovani manifestanti aggrediti da uomo ritenuto pro-Pechino

Il 20 agosto ad Hong Kong, intorno all’una di notte locale, tre giovani manifestanti sono stati accoltellati nei pressi del ‘Lennon Walls’ da un uomo dall’accento cinese della Cina continentale.

Secondo i resoconti dei media di Hong Kong Apple’s Daily, HK01 e LIHKG Forum (un sito web in cui i manifestanti organizzano spesso le loro manifestazioni) le vittime dell’aggressione, rimaste gravemente ferite, hanno circa vent’anni, e tra loro la persona che ha subito le lesioni più gravi è stata una giovane donna che è stata pugnalata alla testa, alla spalla e alla schiena; è stata portata d’urgenza al Queen Elizabeth Hospital di Kowloon. 

Insieme a lei un’altra donna è rimasta ferita alla mano, mentre un giovane uomo è stato pugnalato alla testa e all’orecchio; l’uomo è attualmente ricoverato all’ospedale di Tseung Kwan O.

I testimoni del fatto hanno riferito alla stampa locale che l’aggressore è fuggito rapidamente dalla scena. Le foto scattate sul sito mostrano macchie di sangue in entrambe le uscite del tunnel.

Feriti dopo l’aggressione anonima vicino a Junk Bay a pochi passi dal “Lennon Walls” a Hong Kong. (Forum LIHKG)

L’Apple Daily ha riportato la testimonianza di un residente del quartiere, secondo cui diversi manifestanti stavano sistemando dei post it sul «Lennon Walls», un’installazione simbolo della protesta di Hong Kong, quando un uomo con una camicia blu e pantaloni corti è entrato nel tunnel e ha iniziato a chiacchierare con loro, per poi, all’improvviso, estrarre un coltello da cucina lungo circa trenta centimetri e iniziare ad attaccare i giovani. Dopo aver pugnalato più volte le sue vittime, è fuggito.

Nel frattempo, un altro testimone ha riferito a HK01 che l’uomo ha aggredito le vittime  in realtà con due coltelli. Difatti il giornale ha appurato che dopo la fuga dell’aggressore, sul posto era rimasto un coltello da cucina in stile cinese. Più tardi la polizia ha trovato un altro coltello da cucina, in stile occidentale, in un bidone della spazzatura nelle vicinanze.

Su LIHKG Forum, dei testimoni hanno descritto l’aggressore: sembrava avere più di 40 anni e parlava cantonese con accento della Cina continentale.

 

Articolo in inglese: Three Young Protesters in Hong Kong Attacked by a Man Believed to be From Mainland China

 

 
 
 

Migranti, a Roma i colloqui con Francia e Germania, mentre gli sbarchi proseguono

Migranti, a Roma i colloqui con Francia e Germania, mentre gli sbarchi proseguono
Tra imbarcazioni autonome e Ong, non si arresta l'ondata migratoria nei porti italiani: i vertici di Stato di ...
Leggi >
 

Migranti, settembre mese con più sbarchi rispetto al 2018. Ungheria rifiuta ripartizione

Migranti, settembre mese con più sbarchi rispetto al 2018. Ungheria rifiuta ripartizione
Temperature più miti a settembre, ma il recente cambio dell'Esecutivo continua a scaldare il nodo immigrazione; e i ...
Leggi >
 

Migranti, Ocean Viking assegnata a Lampedusa

Migranti, Ocean Viking assegnata a Lampedusa
«Il nuovo governo riapre i porti», è il commento più pacato dell'ex ministro Matteo Salvini alla notizia dell'ok ...
Leggi >
 

Quando le star di Hollywood si occupano di ambiente senza capirne nulla

Quando le star di Hollywood si occupano di ambiente senza capirne nulla
Commento di Richard Trzupek Mick Jagger e Donald Sutherland sono entrambi ottimi uomini di spettacolo, ma come analisti dell'ambiente ...
Leggi >