I miracoli della fede, ‘Il martirio di Santa Cristina’

Di Eric Bess

A volte viene da pensare a questa cosa che chiamiamo fede, una cosa che il filosofo Soren Kierkegaard celebrava come un paradosso: la situazione in cui noi, come individui, abbiamo una relazione assoluta con l’Assoluto, cioè Dio.

C’è potere nella fede, nella fede priva di dubbi, ma anche priva di evidenze fisiche. Coloro che hanno fede potrebbero però citare prove spirituali: un potere dentro di sé che conferma la legittimità della loro fede, e talvolta questo potere non solo ci salva dai nostri limiti, ma produce anche miracoli.

Molti degli esempi spirituali che abbiamo conosciuto e amato non possiedono questo tipo di fede senza dubbi. In realtà, molti dubitano e mettono in discussione la loro fede, ma lo fanno in un modo che alla fine consente alla loro fede di crescere e rafforzarsi, e il dubbio diventa parte dei loro percorsi.

Tuttavia, una di quelle poche che sembrano aver avuto una fede senza dubbi, era Santa Cristina.

Santa Cristina

Cristina visse nel III sec. Suo padre, Urbain, un magistrato, adorava idoli che rappresentavano una spiritualità edonistica. Urbain voleva che sua figlia diventasse una sacerdotessa di questo edonismo, quindi la rinchiuse in una stanza e le ordinò di adorare gli idoli.

Tuttavia, Cristina era in grado di guardare fuori dalla finestra e il grande universo organizzato che vedeva ogni giorno le fece capire che doveva esserci un Creatore al di là degli idoli artificiali chiusi nella sua stanza con lei.

Ha quindi iniziato a digiunare e pregare per poter conoscere Dio, iniziando poi a sperimentare un amore profondo dentro di lei. Continuò a digiunare e pregare, e un angelo venne da lei e le insegnò la fede cristiana, ma le disse che avrebbe sofferto per questo.

Imperterrita, Cristina distrusse immediatamente gli idoli. Quando suo padre le fece visita e notò gli idoli scomparsi, iniziò a interrogarla, ma lei si rifiutò di parlargli. Perciò il padre ordinò ai suoi servi di parlarle per sapere cosa stava succedendo, e lei rivelò loro la sua nuova fede.

Urbain fu sconvolto quando venne a sapere della fede di sua figlia e decise di assicurarsi che avrebbe sofferto per questo. Fece giustiziare i suoi servi e la picchiò prima di gettarla in prigione.

Urbain ha cercato di eliminare la fede di Cristina picchiandola, ma non ha funzionato. Ogni volta che Urbain le faceva male, gli angeli apparivano, la salvavano e guarivano le sue ferite. Alla fine, Urbain decise di giustiziarla ma morì la notte prima che potesse portare a termine il suo piano.

Un nuovo governatore, ancora più malvagio di suo padre, iniziò a torturare Cristina, ma lei non perse mai la fede e sopravvisse a quasi tutto ciò che le veniva fatto. La sua fede e determinazione ispirarono l’interesse degli altri per Dio. Il nuovo governatore riconobbe che non avrebbe mai rinunciato alla sua fede e alla fine l’uccise.

«Il martirio di Santa Cristina», 1895, di Vincente Palmaroli. Olio su tela, 71,4 pollici per 118,5 pollici. Museo del Prado, Spagna. (Dominio pubblico)

«Il martirio di Santa Cristina»

Nel 1895, oltre 1500 anni dopo, il pittore spagnolo Vincente Palmaroli creò «Il martirio di Santa Cristina», rappresentando uno dei tentativi di Urbain di uccidere sua figlia: Urbain ordinò di gettare Cristina in un lago con una pesante pietra legata a lei. Tuttavia, gli angeli apparvero, la slegarono e la tennero a galla.

Palmaroli ha raffigurato il nostro punto focale, Santa Cristina, appena a destra del centro. Indossa un semplice abito bianco che rappresenta la sua purezza. Una corda la lega alla roccia su cui siede. Unisce le mani, chiude gli occhi e china leggermente la testa in preghiera, mentre il vento le soffia tra i capelli color ambra.

Si vede subito un angelo alla destra di S. Cristina. Questo angelo la guarda e con il tocco delle sue dita tiene a galla senza sforzo la pesante roccia a cui è legata. Un gruppo di angeli eterei segue il primo, e tutti cantano e suonano musica per celebrare la sua fede.

A sinistra di S. Cristina, un altro angelo fluttua sopra di lei e tiene alta in aria una fronda di palma, che tradizionalmente rappresenta la forza d’animo del martire per resistere alle tentazioni della carne.

Qui, la palma è anche una celebrazione del potere della fede di Santa Cristina, un potere incrollabile che le ha permesso non solo di sopportare immense sofferenze, ma anche di accedere a un mondo di angeli e miracoli.

I miracoli della fede

Palmaroli ci ha mostrato una grandiosa scena di angeli che assistono e celebrano S. Cristina. Senza gli angeli, affonderebbe sul fondo del lago e affogherebbe. Gli angeli fanno accadere l’impossibile: rendono leggero ciò che è pesante in modo che il carico non possa affondarla.

In effetti, gli angeli salvano Cristina dai suoi stessi limiti. Le manca la forza fisica per portare la pesante roccia a cui è attaccata; ha bisogno dell’assistenza degli angeli, altrimenti morirebbe.

A volte assumiamo carichi pesanti che si rivelano troppo per noi. Questi carichi possono consistere non solo in lavoro, relazioni, finanze e così via, ma possono anche includere cose inappropriate che si infiltrano nelle nostre vite e competono con le nostre vite spirituali. Questi possono rivelarsi troppo difficili e opprimenti per noi da gestire da soli e scopriamo di aver bisogno di aiuto.

Gli angeli, tuttavia assistono Cristina solo per la sua forte fede. Nonostante suo padre cerchi di costringerla a una serie di convinzioni che lei vede come false, Cristina rimane ferma e irremovibile nel suo credo.

Senza fede, avrebbe vissuto una vita completamente diversa. La fede sembra non solo aver approfondito l’amore che ha vissuto, ma anche aperto un mondo etereo oltre quello fisico, un mondo di angeli e miracoli.

Ma qual è la natura della fede di Santa Cristina? Ha chiesto aiuto agli angeli? Chiedere aiuto per evitare le sue difficoltà costituirebbe una fede senza dubbi? O la sua fede consiste in una fede incrollabile e in una lode costante a Dio nonostante le difficoltà?

Qui sta il significato di queste domande: le domande ci permettono di esplorare e vedere esattamente dove ci troviamo in queste questioni. Fare domande presuppone che noi semplici esseri umani non abbiamo tutte le risposte; questa è una verità innegabile.

Allora, cos’è la fede? Quanto siamo fedeli davvero? Non tutti possono essere immediatamente fedeli e senza dubbi come Santa Cristina, ma la fede è qualcosa che può essere praticata e rafforzata?

Come possiamo esaminare, praticare e rafforzare questa cosa che chiamiamo fede? Possiamo avere una fede incrollabile in Dio, così pura e così senza dubbio da poter essere aiutati a portare i nostri carichi pesanti e, ancora una volta, permettere ai miracoli di tornare nel nostro mondo?

 

L’arte ha un’incredibile capacità di indicare ciò che non può essere visto, in modo che potremmo chiederci: «Cosa significa questo per me e per tutti coloro che lo vedono?» «Come ha influenzato il passato e come potrebbe influenzare il futuro?» «Cosa suggerisce riguardo all’esperienza umana?» Queste sono alcune delle domande che esploro nella mia serie «Guardarci dentro: cosa l’arte tradizionale offre al cuore».

Eric Bess è un artista figurativo praticante ed è un dottorando presso l’Institute for Doctoral Studies in the Visual Arts (Idsva).

Articolo in inglese: The Miracles of Faith: ‘The Martyrdom of Saint Christina’

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >