I potenti alla moda della dinastia Qing

Di Jill Xu

La poesia di Robert Browning, Andrea Del Sarto, è scritta come un monologo dal punto di vista dell’omonimo pittore italiano, che critica le imprecisioni dell’opera di Michelangelo. Del Sarto dice che il braccio è troppo muscoloso e dalla forma sbagliata, ma è comunque attanagliato dalla passione del suo soggetto («Ah! Ma l’anima!»). La poesia trasmette l’idea che la chiave della verità non risieda necessariamente nell’accuratezza tecnica, ma nella capacità dell’arte di catturare lo spirito della cosa.

Così è stato per la maggior parte della storia dell’arte cinese. Gli sforzi artistici pre-dinastia Qing si occupavano di catturare lo spirito e la natura del suo soggetto. L’arte era in pace con il mondo naturale da cui era composta e ispirata. Raramente era una riproduzione tecnicamente competente del suo soggetto.

La dinastia Qing segnò una svolta nella storia cinese. Per molto tempo, l’impero cinese non era interessato alle interazioni con il mondo esterno. Gli imperatori Qing, che facevano parte di una minoranza etnica nota come Manciù, supervisionarono un’integrazione internazionale tale che alcuni sudditi Qing lanciarono guerre e ribellioni nel tentativo di rivendicare la natura «cinese» della patria. In mezzo a questo tumulto, una maggiore integrazione ha visto le nozioni occidentali di accuratezza tecnica riflesse nelle opere d’arte cinesi. A loro volta, l’arte, la moda e la cultura cinesi sono rientrate nella coscienza globale.

È probabile per questo motivo che la stragrande maggioranza delle rappresentazioni occidentali della moda cinese, come nei film, nell’arte e nella letteratura, sia modellata dalla dinastia Qing in poi. Il «qipao» impone il suo marchio, ma le luminose e pesanti vesti di seta della dinastia Qing sono evidenti simboli di potere, non semplicemente perché erano indossati da chi deteneva il potere, ma per via delle strutture sociali che determinavano la visibilità in base al tempo e alla moda.

Dalla loro composizione risulta evidente che i rasi e le sete erano l’abbigliamento della corte imperiale, e non del contadino o del pescatore. Ma in un dualismo storico tra i ricordati e i dimenticati, è la visibilità agli occhi di chi scrive la Storia (o dipinge i quadri), che detta la memoria. Quando i visitatori stranieri arrivarono in Cina durante la dinastia Qing, assisterono ai cittadini che indossavano i loro abiti più belli per salutare la corte reale all’alba. I colori affascinanti, le fini cuciture in seta e, per la prima volta nella storia della Cina, i rendering tecnicamente accurati su di essi, parlavano all’immaginazione e al gusto del tempo. La corte imperiale e il popolo che vi assisteva erano, a loro modo, notevoli e degni di storia.

Quando i cittadini sono tornati a casa e si sono spogliati della seta colorata, optando invece per abiti che consentissero loro di impegnarsi in modo significativo con la loro giornata, sono diventati ancora una volta anonimi. La loro moda, le loro preferenze, le loro speranze e i loro sogni sono stati dimenticati dalla storia. Nonostante l’accuratezza tecnica della rappresentazione, gli abiti della dinastia Qing che ricordiamo non catturavano accuratamente la vita di coloro che vissero in quel tempo. Hanno però catturato lo spirito di una dinastia imperiale. In fondo, quello spirito può essere, come dice Andrea Del Sarto, «la verità», ed è proprio quello a cui la poesia e la storia mirano.

 

Articolo in inglese: The Fashionably Powerful of the Qing Dynasty

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >