I profeti e le sibille della Cappella Sistina meditano sul messaggio del Cielo

Di Yvonne Marcotte

L’odore di muffa dell’intonaco di calce riempie l’aria appena sotto il soffitto della cappella. L’artista lavora rapidamente su ogni sezione dell’affresco mentre si trova su un’impalcatura a 28 piedi sopra il pavimento.

Lungo il perimetro dell’alta volta a botte della Cappella Sistina, l’artista rinascimentale Michelangelo Buonarroti dipinge 12 figure profetiche, sette maschili e cinque femminili. Dipinge le figure come assorte nel pensiero, o mentre leggono, scrivono e ascoltano Dio che parla loro.

I visitatori di oggi che allungano il collo mentre piegano la testa all’indietro per guardare le figure, possono chiedersi se questi profeti hanno un messaggio per il nostro tempo.

Antichi Veggenti

Michelangelo scelse alcuni profeti maschili dell’Antico Testamento: Giona, Geremia, Ezechiele, Gioele, Zaccaria, Isaia e Daniele. Conosciamo le loro storie dalla Bibbia. Giona temeva di dare alla gente cattive notizie e cercò di scappare, ma fu inghiottito da un grosso pesce. Si diceva che Geremia avesse pianto quando predisse la distruzione di Gerusalemme. Anche Ezechiele profetizzò la distruzione di Gerusalemme, ma disse che Israele sarebbe stata restaurata. Gioele intimò alle persone di pentirsi. Zaccaria profetizzò che Gesù sarebbe entrato a Gerusalemme. Isaia parlò della sofferenza di Gesù. Daniele era noto per l’interpretare i sogni ed è sopravvissuto quando è stato gettato nella fossa di un leone.

Daniel, 1508–1512, di Michelangelo Buonarroti. Affresco; Cappella Sistina, Roma. (Pubblico Dominio)

Non altrettanto note sono le veggenti, dette sibille: persiane, eritree, delfiche, cumane e libiche. La Sibilla Eritrea ha dato profezie all’Oracolo di Apollo a Eritre in Ionia, sulla costa occidentale della Turchia. La Sibilla Persiana nell’Africa settentrionale predisse le gesta di Alessandro Magno. La Sibilla libica profetizzò all’Oracolo di Zeus-Ammon nel deserto libico. La Sibilla Cumana ha presieduto l’Oracolo dell’Apollo a Cuma, vicino a Napoli, in Italia. La Sibilla Delfica fece divinazioni al famoso oracolo di Delfi, in Grecia. Michelangelo ha incluso le sibille del mondo classico per dire che il messaggio profetico è destinato non solo ai credenti religiosi, ma anche a tutta l’umanità.

Composizione equilibrata

Si diceva che Michelangelo non avrebbe permesso agli assistenti di lavorare sul soffitto con lui perché non avevano abilità sufficienti, quindi fece tutto il lavoro da solo. Ci vollero quattro anni e fu completato nel 1512. Ogni figura potente è mostrata all’interno di un recinto di marmo dipinto. Consapevole dell’altezza da cui una figura doveva essere vista, utilizzò la tecnica del «da sotto in sù» («visto dal basso»), che cambia il modo in cui le figure sono viste da lontano.

Ezechiele, 1508–1512, di Michelangelo Buonarroti. Affresco; Cappella Sistina, Roma. (Dominio Pubblico)

L’artista ha pianificato con cura il posizionamento di ogni figura. Egli mise Geremia, che profetizzò la sofferenza di Gesù, all’inizio della composizione e Giona, la cui vita prediceva la risurrezione di Gesù, all’altra estremità. Lungo le estremità, ogni profeta è posto di fronte a una sibilla. Le figure sono sedute su troni monumentali mentre leggono manoscritti, libri o pergamene. Ogni figura ha il suo nome in latino, in basso su una targa dipinta.

Sibilla Delfica, 1508–1512, di Michelangelo Buonarroti. Affresco; Cappella Sistina, Roma. (Dominio pubblico)

Alcuni sono ritratti come giovani e vigorosi; altri hanno i capelli bianchi e le rughe, ma sono robusti. Sia i maschi che le femmine hanno corpi ben muscolosi. I loro abiti sono pieni e colorati e mostrati in profondità. La forte tecnica pittorica realistica dell’artista, mostra le ombre mentre le vesti frustano, turbinano e si piegano attorno alle figure.

Le figure appaiono vigili e ansiose mentre assorbono il messaggio, eppure ciò che leggono le anima. Forse sono preoccupati per l’umanità perché è stato detto loro cosa accadrà. Meditano, considerano e rimuginano su ciò che devono dire all’umanità. Si contorcono e si girano mentre meditano sui messaggi di Dio.

La Sibilla libica mette in evidenza la maestria di Michelangelo sul corpo umano. Uno schizzo preliminare in gesso mostra come l’artista ha raffigurato la struttura muscolare del corpo. «La sua posa complessa nell’affresco, che evidentemente richiede uno studio in numerosi disegni, gioca sul fermo movimento di dimettersi dal trono, mentre tiene un enorme libro di profezia aperto che sta per chiudere», come affermato in un’analisi del Metropolitan Museum. Possiamo vedere come il corpo mantenga il suo equilibrio nell’alluce magnificamente esteso mentre la figura si contorce.

Sibilla libica, 1508–1512, di Michelangelo Buonarroti. Affresco; 155 5/8 pollici per 149 5/8 pollici. Cappella Sistina, Roma. (Dominio pubblico)

Le figure rispondono alle voci, come mostrato nell’immagine di Ezechiele. Consapevole di Dio che gli parla, alza la testa e guarda fuori. Una brezza invisibile scompiglia il suo mantello mentre si alza, vigile.

Studi per la Sibilla libica, 1510–1511, di Michelangelo Buonarroti. gesso rosso e bianco; Lascito Joseph Pulitzer, Metropolitan Museum of Art. (Dominio pubblico)

Le figure principali in ogni recinto non sono sole. L’artista pose due putti, o fanciulli, a servire ciascun profeta; alcuni accendono candele e altri contengono manoscritti. Intorno a ciascun recinto di marmo ci sono nudi maschili, che Michelangelo chiamava «ignudi», ma il loro scopo non è chiaro.

Il progetto ha esaurito l’artista che in quel momento era all’apice della sua carriera e molto richiesto. Si dice che abbia detto: «Mi sentivo vecchio e stanco come Geremia. Avevo solo 37 anni, ma gli amici non riconoscevano il vecchio che ero diventato».

Messaggio di speranza

Nell’ora più buia in cui il male infetta tutti gli aspetti della vita, i profeti esortano le persone a modificare la propria bussola morale, ad abbracciare la virtù e a pentirsi dei propri peccati. Quando i profeti danno terribili avvertimenti affinché le persone cambino le loro vie, le mettono davvero molto a disagio. Eugene H. Peterson ha detto: «Il compito del profeta non è addolcire le cose, ma risolverle».

Per millenni, le persone hanno atteso il Prescelto che libererà l’umanità dalle forze del male. Chi si rivolge al bene può stare tranquillo guardando le maestose figure sul soffitto della Cappella Sistina. Il loro messaggio fa sperare che il meglio debba ancora venire.

 

Articolo in inglese: istine Ceiling’s Prophets and Sibyls Ponder Heaven’s Message

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >