Il Canada manda via Huawei e Zte dalla rete 5G: motivi di sicurezza

Di Noé Chartier

Il Canada ha bandito le società di telecomunicazioni cinesi Huawei e Zte dalla sua infrastruttura wireless 5G. Lo ha affermato il ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino.

Secondo la nuova direzione, le aziende canadesi non saranno in grado di implementare apparecchiature prodotte da queste aziende nelle loro reti 4G e 5G e dovranno rimuovere le apparecchiature già installate.

«Ci sono molti attori ostili che sono pronti a sfruttare le vulnerabilità nelle nostre difese. Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi», ha spiegato Mendicino in una conferenza stampa a Ottawa. «Ecco perché il nostro governo ha condotto un esame di sicurezza completo e approfondito delle tecnologie di telecomunicazione wireless 5G, compresi quei fornitori di servizi che rappresentano un rischio elevato per l’integrità del nostro settore delle telecomunicazioni».

La tanto attesa decisione allineerà il Canada ai suoi partner di intelligence Five Eyes, che hanno bandito Huawei o annunciato un graduale ritiro delle sue apparecchiature già utilizzate dai vettori wireless nazionali. L’alleanza comprende Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti.

Mentre il Canada ha passato anni a soppesare la questione, i principali operatori wireless canadesi si sono rivolti alle società europee Ericsson e Nokia per le apparecchiature 5G.

Le aziende canadesi sono ora tenute a rimuovere tutte le apparecchiature Huawei o Zte 5G esistenti entro giugno 2024 e le apparecchiature 4G entro dicembre 2027. L’acquisto di nuove apparecchiature 4G o 5G da Huawei o Zte sarà vietato a partire da settembre 2022.

Mendicino ha anche annunciato che il suo governo presenterà una legislazione a breve termine per proteggere il sistema di telecomunicazioni e le infrastrutture critiche del Canada.

Il Ministero dell’Innovazione, della scienza e dello sviluppo economico ha affermato che la tecnologia delle due società cinesi «introdurrà nuovi problemi di sicurezza che gli attori malintenzionati potrebbero sfruttare». «Nei sistemi 5G, le funzioni sensibili diventeranno sempre più decentralizzate e virtualizzate per ridurre la latenza e anche il numero di dispositivi che collegheranno aumenterà in modo esponenziale. Dato il potenziale impatto a cascata economico e sulla sicurezza che potrebbe causare una violazione della catena di approvvigionamento delle telecomunicazioni, gli alleati hanno intrapreso azioni per consentire loro di vietare l’implementazione di prodotti e servizi Huawei e Zte nelle loro reti di telecomunicazioni 5G».

Le preoccupazioni per Huawei hanno a che fare con i suoi legami con l’esercito cinese, che la società ha negato. I critici sottolineano inoltre che la legge sull’intelligence nazionale cinese richiede agli enti cinesi di supportare la raccolta di informazioni utili all’intelligence, quando richiesta dallo Stato.

Lo scorso anno i funzionari statunitensi hanno dichiarato al Wall Street Journal che Huawei era in grado di accedere di nascosto alle reti wireless in tutto il mondo attraverso le porte secondarie e lo faceva da oltre un decennio, cosa che Huawei ha negato.

Tuttavia il Canada aveva rinviato la decisione sull’opportunità di consentire l’infrastruttura Huawei nella sua rete 5G. Gli Stati Uniti in più occasioni hanno pubblicamente avvertito che il mancato allontanamento della società dalle infrastrutture della Canada avrebbe potuto influire sulla volontà di Washington di condividere informazioni di intelligence con il Paese, nel timore che i dati possano essere compromessi.

La Cina ha lanciato una serie di misure di ritorsione contro il Canada dopo che le autorità canadesi hanno arrestato Meng Wanzhou – il chief financial officer di Huawei e figlia del fondatore dell’azienda – a seguito di una richiesta di estradizione negli Stati Uniti nel dicembre 2018.

Il Pcc aveva quindi reagito arrestando arbitrariamente in Cina i canadesi Michael Kovrig e Michael Spavor. I due sono poi stati liberati nel settembre dello scorso anno dopo che Meng ha raggiunto un accordo di rinvio dell’accusa con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ed è stata successivamente rilasciata dal Canada.

 

Articolo in inglese: Canada Bans Huawei and ZTE From 5G Network on Security Grounds

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >