Il Ceo di Gab afferma che Trump non risulta registrato sul suo sito web

Di Ivan Pentchoukov

Molti media affermano che Trump sarebbe tornato a pubblicare in rete nel social media Gab, ma il Ceo della piattaforma smentisce.

In un video blog pubblicato il 6 febbraio, Andrew Torba ha affermato che c’è un account che dal 2016 è riservato a Trump, dove sono archiviati tutti i suoi tweet: «Decine di riviste in tutto il mondo hanno ripubblicato la stessa menzogna senza verificarla», ha affermato Torba, aggiungendo che nessuno dei giornali che ha riportato la cosa, lo ha prima contattato: «Hanno semplicemente stampato questa falsità».

Torba ha creato l’account perché si aspettava da tempo che prima o poi Trump sarebbe stato bandito dai social media. I post archiviati consentono agli utenti di Gab di avere uno storico senza censure dei messaggi del presidente, prima affidati a Twitter.

L’ondata di notizie sui post di Trump su Gab è stata lanciata da alcuni media britannici che affermavano che l’ex presidente «sembra» pubblicare sulla piattaforma.

Jason Miller, consulente per la campagna 2020 di Trump, ha risposto a uno degli articoli affermando che quell’account «è falso», ma in un post, Gab ha replicato: «Non è un account falso, è uno specchio dei tweet e delle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, che abbiamo seguito per anni».

Il 6 febbraio a Breitbart News su SiriusXM 125, Miller aveva dichiarato che Trump stava decidendo come riemergere sui social media, e stava anche valutando se creare la propria piattaforma: «Mi aspetto che vedremo il presidente riemergere sui social media. Che si tratti di unirsi a una piattaforma esistente o di crearne una sua, ci sono una serie di opzioni e riunioni dove se ne è discusso. Ma niente di imminente».

Trump, che è stato uno dei presidenti più attivi sui social media, è stato sospeso definitivamente da Twitter e rimane bandito a tempo indeterminato da Facebook, in seguito alla violazione del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio. Al di la di ciò, durante la stessa presidenza di Trump si è verificata una sorveglianza mirata dei suoi post senza precedenti, che si è intensificata dopo le elezioni del 3 novembre 2020, quando Trump e il suo team hanno ripetutamente chiesto di riesaminare in modo indipendente l’integrità dei risultati in diversi Stati.

Per via del suo discorso del 6 gennaio, dove invitava i sostenitori a far sentire la loro voce «pacificamente e patriotticamente» i giganti dei social media hanno ritenuto necessario bandire Trump per impedirgli di incitare alla violenza. I media dell’establishment e i democratici, estrapolando parti del discorso di Trump, hanno sostenuto che il presidente avrebbe incitato la folla che ha fatto irruzione nel Campidoglio.

Tuttavia, secondo una cronologia compilata da Epoch Times, l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti è iniziato prima che Trump avesse terminato il suo discorso alla manifestazione.

 

Articolo in inglese: Gab CEO Says Trump Hasn’t Signed Up for Website

 
 
 

Scandalo all’Onu, l’organizzazione comunica i nomi dei dissidenti al Pcc

Scandalo all’Onu, l’organizzazione comunica i nomi dei dissidenti al Pcc
I funzionari umanitari dell’Onu hanno comunicato al regime comunista di Pechino i nomi dei dissidenti cinesi che si ...
Leggi >
 

Video: Usa, la Camera approva l’Equality Act | Facts Matter

Video: Usa, la Camera approva l’Equality Act | Facts Matter
La Camera degli Stati Uniti ha approvato l'Equality Act, ora bisogna aspettare il verdetto dal Senato. Questa legge, ...
Leggi >
 

Video: Il Pcc è il nemico dell’umanità | China in Focus

Video: Il Pcc è il nemico dell’umanità | China in Focus
I parlamentari canadesi hanno approvato una risoluzione che accusa Pechino di genocidio contro la minoranza etnica uigura. Ma ...
Leggi >
 

L’Italia come porta di ingresso del Pcc in Europa

L’Italia come porta di ingresso del Pcc in Europa
Winston Churchill ha definito l’Italia «il ventre molle» d’Europa, intendendo che l’invasione del continente da parte degli Alleati ...
Leggi >