Il dibattito sulle atlete trans nel nuoto femminile

Di Charlotte Allen

L’autrice dell’articolo, Charlotte Allen, è l’editore esecutivo di Catholic Arts Today e una frequente collaboratrice di Quillette. Ha un dottorato in studi medievali presso la Catholic University of America.

 

Finalmente, un nome di spicco nel mondo dell’atletica si è esposto e lo ha detto: gli atleti transgender che sono biologicamente maschi non appartengono agli sport competitivi femminili.

In un editoriale del 19 dicembre che non le manda certo a dire, John Lohn, caporedattore di Swimming World, la rivista di nuoto più prestigiosa d’America, ha avuto parole dure per Lia Thomas, la 22enne membro della squadra di nuoto femminile dell’Università della Pennsylvania che ha recentemente superato tre record femminili nel nuoto a stile libero e potrebbe essere una contendente al titolo della National Collegiate Athletic Association (Ncaa) femminile in pochi mesi. Il problema? La Thomas, fino a novembre 2019, figurava come un maschio, Will Thomas, e aveva nuotato per la squadra maschile della Penn.

Lohn ha sottolineato che Lia Thomas si è qualificato/a per la squadra femminile dopo aver assunto soppressori del testosterone per appena un anno, che è il minimo della Ncaa per consentire biologicamente ai maschi transgender di competere come donne. Ma quella regola «non è abbastanza rigorosa da creare condizioni di parità tra Thomas e le femmine biologiche contro cui sta correndo», ha scritto Lohn.

«Il vantaggio della Thomas costituito dall’aver vissuto la pubertà maschile non è stato ridotto di una quantità adeguata. Il fatto è che per quasi 20 anni ha messo su muscoli e ha beneficiato del testosterone prodotto naturalmente dal suo corpo. Quella forza non scompare dall’oggi al domani, né con un anno di soppressori. Di conseguenza, la Thomas si tuffa in acqua con un vantaggio intrinseco», ha scritto Lohn.

Lohn ha inoltre paragonato i recenti successi della Thomas a quelli delle nuotatrici dopate della Germania dell’Est degli anni ’70 e ’80 il cui uso di steroidi per migliorare le prestazioni ha portato a medaglie olimpiche, mentre i funzionari guardavano dall’altra parte e le atlete pulite erano demoralizzate.

«Le domande sono rimaste prima del segnale acustico iniziale», ha scritto Lohn. «Come posso tenere il passo? C’è qualcosa che posso fare per negare il loro vantaggio? Perché questa impostazione è stata consentita? La Thomas gode di vantaggi simili».

L’editoriale di Lohn rappresenta un gradito cambiamento. Il caso della Thomas, che coinvolge una prestigiosa università della Ivy League e campionati nazionali di nuoto, ha il più alto profilo in una serie di altri casi che costituiscono una lenta ondata di intrusione di maschi biologici nell’atletica femminile. Gli incidenti precedenti hanno tipicamente caratterizzato sport marginali che non hanno suscitato molto interesse pubblico. Il combattente transgender di arti marziali miste Fallon Fox è diventato oggetto di controversie nel 2014 dopo aver rotto il cranio di un avversario biologicamente femminile, ma si è ritirato dal combattimento poco dopo. La sollevatrice di pesi transgender Laurel Hubbard si è qualificata per la squadra neozelandese alle Olimpiadi estive del 2021, ma all’età di 43 anni è stata eliminata in modo competitivo ed è stata rapidamente dimenticata.

Il caso più importante prima della Thomas ha riguardato una causa per il Titolo IX presentata da quattro corritrici delle scuole superiori nel Connecticut che protestavano contro le ripetute vittorie nel 2019 di due ragazze transgender, maschi biologici che non avevano subito la soppressione del testosterone, tanto meno un intervento chirurgico da maschio a femmina, ma che comunque sono arrivati primo e secondo gara dopo gara. (Il Connecticut, altri 16 Stati e il Distretto di Columbia vietano la discriminazione contro le persone transgender nelle competizioni atletiche studentesche, ma non hanno nemmeno i requisiti ormonali minimi della Ncaa per la partecipazione). Ad aprile, un giudice federale ha respinto la causa sulla base del fatto che il querelante principale e gli atleti transgender in questione si erano ormai diplomati, quindi la controversia non era più viva. Le ragazze, ora giovani donne, hanno presentato ricorso contro la sentenza.

Il nuoto universitario al livello della Divisione 1 della Ncaa presenta un caso diverso che mette davanti agli occhi del pubblico il fatto indiscutibile che gli uomini biologici adulti, a causa dell’aumento della massa muscolare e della densità ossea offerti dal testosterone, superano regolarmente le donne biologiche nell’atletica. Sono in generale più grandi, più forti, più veloci e superiori alle donne biologiche in ogni sport eccetto una manciata (ginnastica, pattinaggio artistico) che dipendono dalla grazia piuttosto che dalla forza o dalla velocità. Nessuna donna per esempio ha mai corso un miglio in quattro minuti; il primo uomo a farlo, Roger Bannister, ha rotto quella barriera nel 1954. Quando maschi biologici e femmine biologiche competevano tra loro sui campi da gioco o nelle piscine, le femmine biologiche quasi sempre perdono.

Eppure la risposta dell’establishment sportivo e dei media è stato di mettere la testa sotto la sabbia e negare, oltre che impegnarsi in rappresaglie contro chiunque richiamasse l’attenzione su questo fatto ovvio e supportato da dati empirici. Nessuno dei compagni di squadra della Thomas ha osato lamentarsi apertamente. Il massimo che hanno potuto fare in pubblico è festeggiare, secondo un articolo sul sito sportivo anticonformista OutKick, quando l’effettiva vincitrice del freestyle da 1.650 yard ad Akron, la compagna di squadra di Penn Anna Kalandadze, è arrivata seconda 38 secondi dopo Thomas.

Il 5 dicembre i genitori di circa 10 membri della squadra di nuoto femminile di Penn hanno inviato una lettera aperta alla Ncaa pregandola di riconsiderare le sue regole che avevano permesso alla Thomas di competere. «La posta in gioco è l’integrità dello sport femminile», afferma la lettera ottenuta dal, Daily Mail. Ma i genitori non hanno rivelato la loro identità. C’è troppo in gioco per la loro prole nel mondo accademico e la società ‘woke’: ostracismo, perdita di borse di studio atletiche, futuro triste nella scuola di specializzazione o nel mercato del lavoro, una volta che lasceranno Penn.

E non una parola di protesta è stata ascoltata dalle celebrità dello sport femminista come la superstar del calcio Megan Rapinoe. Sanno cosa è successo quando la leggenda del tennis Martina Navratilova si è lamentata nel 2019 che era «ingiusto» per i maschi biologici competere atleticamente contro le femmine biologiche. Lo aveva chiamato «barare». La Navratilova è stata poi costretta a rilasciare lunghe scuse.

L’editorialista Dennis Prager ha sottolineato che dopo che la Thomas ha battuto i record di nuoto femminile ad Akron, le donne biologiche che avevano vinto quei record in modo equo e netto «non li detengono più». Togliere loro i titoli sportivi femminili non è solo un’ingiustizia. È una cancellazione delle donne dalle stesse istituzioni che sono state create per riconoscere i loro autentici successi atletici.

 

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Debate About Fairness Ensues Over Trans-Athletes in Women’s Swimming

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >