Michelangelo e i suoi conflitti, tra Savonarola, l’antipapa e i Medici

Deve essere stato un momento esaltante quando, nel 1975, il direttore del museo Paolo Dal Poggetto scoprì una botola nascosta sotto un mobile della Sagrestia Nuova della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Sotto la botola, dei gradini in pietra conducevano a una minuscola camera che era passata inosservata per cinquecento anni. All’inizio sembrava essere solo un deposito di carbone, ma Dal Poggetto sospettava che sotto l’intonaco delle pareti ci fosse qualcosa di più, data la posizione della stanza.

Gli esperti hanno trascorso settimane a rimuovere l’intonaco con bisturi alla ricerca di indizi di resti artistici, portando alla luce decine di disegni, molti dei quali attribuiti con quasi certezza a Michelangelo Buonarroti.

È stata la scoperta storica dell’arte del secolo e con questo tesoro dissotterrato è stata riportata alla luce una storia piena di fede, potenza e l’instancabile missione di un artista.

Oggi si ritiene che questa fosse la camera in cui Michelangelo si nascose nel 1530 per due mesi dalla vendetta della famiglia Medici di Firenze, i più potenti banchieri dell’epoca: «Mi nascosi in una minuscola cella», scrisse Michelangelo, «sepolto come i Medici morti, ma nascosto da uno vivo. Per dimenticare le mie paure, riempio le pareti di disegni».

I resti di questi disegni sollevano la questione del perché Michelangelo, temendo per la sua vita, si sia nascosto dalla stessa famiglia che un tempo lo aveva preso sotto la sua ala.

A 14 anni, Michelangelo fu accolto nel palazzo mediceo da Lorenzo de Medici, che notò il giovane talento, e visse tra loro come un figlio. Lì Michelangelo godette del privilegio di un’educazione umanistica.

In questo periodo realizzò il suo primo motivo pagano, la Battaglia dei Centauri, commissionata da Lorenzo nel 1492.

Battaglia dei Centauri di Michelangelo; marmo, 1492 circa, Casa Buonarroti, Firenze. (sailko/CC BY-SA 3.0)

Perché l’artista cadde in disgrazia presso i Medici circa 40 anni dopo? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo considerare il periodo turbolento in cui il popolo di Firenze si ribellò al dominio dei Medici e la famiglia fu espulsa dalla città nel 1494. Gli accesi eventi che circondano il conflitto tra Michelangelo e la famiglia Medici rivelano molto sulle convinzioni spirituali dell’artista. Negli ultimi volumi di poesia di Michelangelo, la sua devozione alla fede in Dio è sempre più espressa.

Rivelando il suo atteggiamento verso la bellezza del corpo umano nella sua arte, scrisse: «Dio, l’Artista Supremo, si rivela nel velo mortale dell’uomo. Dio, nella sua grazia, si rivela anche a me in nessun altro aspetto più chiaro che in un bel velo umano».

Un conflitto acceso

Ma come nacque questo disaccordo con la famiglia Medici, che costrinse Michelangelo a nascondersi nel 1530?

Alla fine del XIII secolo, la famiglia Medici, inizialmente composta di ricchi mercanti, era diventata la più influente famiglia di banchieri d’Europa, assumendo addirittura il governo di quella che allora era la Repubblica di Firenze nel 1434. Responsabile del rapido aumento delle sue acquisizioni di potere era stato, tra l’altro, il cliente più importante della famiglia, cioè il Vaticano a Roma sotto Giovanni XXIII (considerato un antipapa), un ex pirata di nome Baldassare Cossa (non si tratta ovviamente del Giovanni XXIII conosciuto modernamente). Questi era uno dei tre papi che si contendevano il potere all’epoca, ma alla fine pose fine allo Scisma e mantenne il potere.

Questo legame economico tra i Medici e Roma si verificò in un momento in cui il Vaticano stava perdendo autorità morale ed era sempre più accusato di corruzione dagli ecclesiastici. In particolare, il frate domenicano Girolamo Savonarola a Firenze parlò pubblicamente del suo atteggiamento scettico nei confronti del capo della Chiesa.

Savonarola: Un profeta per la giustizia

Savonarola che predica contro il lusso e la prodigalità, di Ludwig von Langemantel, 1879 circa, di Università di San Bonaventura, Bonaventura, New York. (Dominio pubblico)

Savonarola non era un predicatore ordinario; conquistò la fiducia del popolo grazie a una chiara comprensione teologica e a un modo di predicare che parlava direttamente al cuore delle masse. Con la crescita della sua popolarità, crebbe anche la sua critica alla Chiesa.

Una volta accusò il Papa dicendo: «Hai costruito una casa di inganni. Avete messo una prostituta sul trono di Salomone. La Chiesa ha invitato tutti coloro che possono pagare a entrare e a fare quello che vogliono. Chi fa la volontà di Dio viene cacciato via. O Chiesa prostituta, diffondi la tua lascivia ovunque, dalla terra al mare».

Inoltre, Savonarola vedeva nei governanti medicei la causa del declino morale e dell’abbandono della fede cristiana a Firenze, poiché avevano rafforzato i riti pagani. Con l’influenza di Savonarola, la popolazione fiorentina iniziò a rivoltarsi contro il dominio dei Medici. Quando Savonarola decise di schierarsi con gli occupanti francesi a Firenze nel 1494, i Medici furono costretti ad abbandonare il loro dominio e la città.

Il 13 gennaio 1495, Savonarola pronunciò il suo potente Sermone del Rinnovamento a un vasto pubblico nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore: «Firenze è più gloriosa, potente e ricca che mai, e sta spiegando le sue ali più lontano di quanto si possa immaginare. Nella nuova Gerusalemme che è Firenze, regneranno pace e unità».

Con l’esilio dei Medici, Savonarola ricondusse Firenze a una repubblica indipendente, con l’idea che le leggi di Cristo dovessero essere la base della sua vita politica e sociale. La leadership di Savonarola non durò a lungo, poiché iniziò a predicare sempre più ferocemente contro la corruzione della Chiesa. Per questo, Papa Alessandro VI lo scomunicò nel 1497. Nonostante la scomunica, Savonarola continuò a predicare a Firenze, perciò il Papa volle che fosse punito e minacciò i fiorentini con un interdetto che avrebbe negato loro la maggior parte dei sacramenti e delle sepolture cristiane se avessero continuato a ospitarlo. La Domenica delle Palme del 1498, il monastero di Savonarola, San Marco, fu attaccato da una folla urlante e Savonarola fu arrestato e infine giustiziato con l’impiccagione e il rogo nel centro della città.

Tutti gli scritti di Savonarola, in numero di 90, dalle lettere ai grandi volumi, furono ampiamente distribuiti in Europa dai suoi seguaci. Si ritiene che l’insegnamento di Savonarola non abbia mai lasciato la mente di Michelangelo.

Il ‘David’ di Michelangelo come simbolo di indipendenza

Nel 1504 il David (particolare qui sopra) di Michelangelo fu collocato al centro di Firenze in modo da guardare direttamente verso il gigante Golia. Ora si trova alla Galleria dell’Accademia di Firenze. (Jörg Bittner Unna/CC BY-SA 4.0)

Savonarola vedeva nell’arte sacra uno strumento per promuovere questa visione del mondo e, allo stesso tempo, si opponeva all’arte profana in quanto dannosa. La sua visione dell’arte influenzò quella degli artisti e del popolo fiorentino.

La figura biblica del David di Michelangelo, ad esempio, ebbe un ruolo significativo nel simboleggiare la sconfitta della famiglia Medici. La scultura fu commissionata principalmente dai membri della corporazione fiorentina della lana chiamata Arte Della Lana, pochi anni dopo l’esilio dei Medici.

Inizialmente la statua doveva essere collocata in cima alla cattedrale di Firenze. Tuttavia, invece di collocare la scultura di 17 piedi nella cattedrale, nel 1504 fu eretta nel centro di Firenze, metaforicamente di fronte al gigante Golia. Le trascrizioni rivelano una discussione sulla collocazione provocatoria della scultura. Con il municipio alle spalle, l’eroe sembrava prepararsi alla battaglia. Il suo sguardo, deliberato, era fisso in direzione di Roma, il luogo in cui i governanti medicei di Firenze, recentemente deposti, erano fuggiti.

Secondo il professore di storia dell’Università della Virginia Paul Barolsky, nel suo articolo Machiavelli, Michelangelo e David (2004), l’Italia aveva una lunga tradizione di ritrarre la figura biblica di David come protettore della società e della cultura. Con l’obiettivo di raffigurarlo come un guardiano, Michelangelo rese Davide più alto, più bello e più muscoloso di quanto suggerissero i passi biblici.

Dopo la morte di Savonarola, la famiglia Medici riacquistò influenza facendo eleggere Giovanni de Medici come primo papa mediceo, Leone X. Come discendente dei Medici nella sua nuova posizione, nel 1512 fece riprendere alla famiglia Medici il controllo del governo di Firenze e pose fine alla repubblica.

Ma non conquistò i cuori di molti sostenitori di Savonarola e dei fiorentini che sostenevano la democrazia, tra cui Michelangelo.

Questo periodo della vita di Michelangelo da giovane fu formativo sia dal punto di vista spirituale che artistico. Creò le sue opere più iconiche, come il David e il dipinto sul soffitto della Cappella Sistina. Come Savonarola, si considerava un servitore di Dio, ma non attraverso la predicazione, bensì l’arte.

Nel 1527, quando un gruppo di fiorentini si oppose di nuovo all’autorità dei Medici, Michelangelo fu attivamente tra di loro, difendendo l’indipendenza. Divenne persino direttore delle fortificazioni della Repubblica. La famiglia Medici fu nuovamente cacciata in esilio e la rivolta del popolo restaurò la repubblica.

Ma il ristabilimento non durò a lungo. Dopo sanguinose battaglie, i Medici ripresero il potere nel 1531 attraverso Papa Clemente, anch’egli discendente dei Medici. Egli reintegrò Alessandro de Medici come Duca di Firenze.

Con il ‘Papa Medici’ e la sua famiglia di nuovo al potere, i simpatizzanti repubblicani furono puniti senza remore. Tra questi ci sarebbe stato anche Michelangelo, se non si fosse ritirato nel suo rifugio sotterraneo.

A questo punto, mentre Michelangelo temeva per la sua vita e si nascondeva dall’ira della famiglia Medici, gli studiosi ritengono che si tenesse occupato con le opere d’arte trovate nella stanza. Queste sembrano ispirate a una collezione di opere che aveva già prodotto e a quelle che doveva ancora completare.

Un disegno di Michelangelo, trovato nella stanza segreta sotto la nuova sagrestia della Cappella Medicea nella Basilica di San Lorenzo a Firenze, Italia. (Claudio Giovannini/AFP/Getty Images)

Fortunatamente per Michelangelo, la sua fama e il suo valore per il Papa come artista su commissione, superarono le sue trasgressioni. Il Papa accettò di risparmiare la vita di Michelangelo a condizione che completasse la tomba dei Medici nella Cappella Medicea.

Michelangelo ricevette questo messaggio; accettò, tornò dal nascondiglio e completò l’opera. Dopo aver eseguito l’incarico, nel 1532 lasciò la sua città natale, Firenze, per andare a Roma, poiché la repubblica fiorentina era finita e quindi non vi fece più ritorno.

A Roma lavorò a un altro magnifico capolavoro, Il Giudizio Universale nella Cappella Sistina. A questo punto della sua vita, Michelangelo era stato testimone di come un predicatore avesse dato la vita nel tentativo di seguire la voce di Dio piuttosto che quella del Papa.

Il Giudizio Universale di Michelangelo. Affresco; 1536-1541 circa ,  Cappella Sistina nei Musei Vaticani (Dominio pubblico)

In questo potente affresco possiamo vedere come Michelangelo abbia elaborato le esperienze vissute a Firenze. Sembra che il suo senso di giustizia informi questo dipinto con una potente interpretazione del giudizio di Dio, raffigurando vividamente le conseguenze del peccato e la redenzione per coloro che si battono per la fede.

 

Articolo in inglese  Michelangelo’s Hidden Room Reveals His Pious Heart

 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >