Il lockdown cinese di quasi 400 milioni di persone creerà una batosta economica

Di Dorothy Li

Le fabbriche hanno sospeso la produzione. I camionisti sono bloccati sulle autostrade. I container si stanno accumulando nei porti. Le navi mercantili sono in attesa di scaricare.

L’economia cinese è destinata a pagare un prezzo pesante poiché la determinazione del regime comunista di reprimere l’epidemia di Covid-19 con un duro lockdown ha fermato i suoi centri manifatturieri e commerciali come Shanghai.

Shanghai è lockdown da più di un mese. La chiusura improvvisa della ricca città che contribuisce per circa il 4% al prodotto interno lordo (Pil) annuo del Paese, è iniziata il 28 marzo. Le autorità hanno consentito a 4,8 milioni di persone di uscire dalle loro case il 12 aprile, ma il resto dei 25 milioni di residenti della città sono ancora rinchiusi. E poiché i contagi hanno raggiunto un livello record il 14 aprile, non vi è alcun segno immediato di allentamento.

Ma Shanghai non è sola. Circa 373 milioni di persone sono in lockdown parziale o totale (secondo le stime degli analisti della banca giapponese Nomura) , il che rappresenta il 40% dell’economia.

Xinhua riporta che il premier cinese Li Keqiang ha anche avvertito che le pressioni al ribasso sull’economia si sono intensificate: «Dovremmo coordinare la prevenzione e il controllo delle epidemie e lo sviluppo economico e sociale», ha detto Li ai funzionari locali in un seminario dell’11 aprile.

Gli economisti hanno previsto che quest’anno il Paese mancherà il suo obiettivo ufficiale di crescita del Pil del 5,5%. E ora si preoccupano che, se il lockdown continua, gli effetti potrebbero andare ben oltre i confini del Paese. «Quando l’economia cinese starnutisce, la catena di approvvigionamento globale prende il raffreddore», ha affermato la banca d’affari francese Natixis in una nota. «La tendenza è preoccupante».

Guai tecnologici

Metà della produzione cinese di chip proviene dalla regione del delta del fiume Yangtze, centrata intorno a Shanghai, con il 10% direttamente da Shanghai.

La scorsa settimana altri fornitori hanno affermato che i cordoli più stretti a Shanghai e nella vicina Kunshan li hanno portati a interrompere la produzione. Un funzionario della Commissione di vigilanza finanziaria di Taiwan ha dichiarato il 10 aprile che circa 161 società taiwanesi a Shanghai e Kunshan hanno riferito che le loro attività sono state temporaneamente sospese; 41 di loro sono produttori di elettronica.

Il 12 aprile, la Pegatron Corp. di Taiwan, un assemblatore chiave degli iPhone di Apple, ha sospeso le operazioni nei suoi stabilimenti di Shanghai e Kunshan in conformità con i requisiti di prevenzione del Covid-19. La società ha detto che avrebbe ripreso i lavori non appena le autorità avessero dato l’autorizzazione, ma non ha fornito una data specifica.

Unimicron Technology Corp., che produce circuiti stampati per aziende tra cui Apple Inc. e Intel, ha dichiarato il 12 aprile che la chiusura della sua fabbrica a Kunshan sarà estesa al 19 aprile.

Problemi dell’industria automobilistica

Le case automobilistiche sono state duramente colpite. La giga factory di Tesla a Shanghai deve ancora riprendere i lavori. La struttura che ha prodotto più di 65.000 auto a febbraio è infatti rimasta inattiva dal 28 marzo, secondo quanto ha riferito Reuters, citando un avviso interno e fonti interne.

Il suo rivale cinese, Nio, ha dichiarato il 9 aprile che i lavori sono stati temporaneamente sospesi in una fabbrica di Hefei, una città della Cina orientale che non è sotto lockdown, ma i cui i fornitori lo sono: «Se i fornitori di Shanghai e delle aree circostanti non riescono a trovare un modo per riprendere le operazioni e la produzione, a maggio, probabilmente tutte le case automobilistiche cinesi dovranno interrompere la produzione», ha affermato il 14 aprile il Ceo del produttore di auto elettriche Xpeng.

I lockdown della Cina hanno anche creato un crollo delle vendite di auto. Le vendite nel più grande mercato automobilistico del mondo sono diminuite dell’11,7% su base annua a marzo, dopo un aumento del 18,7% a febbraio, secondo i dati dell’Associazione Cinese dei Produttori di Automobili.

Bosch, colosso tedesco dei ricambi auto, ha dichiarato di aver temporaneamente chiuso i siti di Shanghai e Changchun, una città della Cina settentrionale che è stata isolata dall’11 marzo. Ha aggiunto che altri due stabilimenti stanno operando in un sistema «a circuito chiuso». «Attualmente stiamo assistendo a effetti temporanei sulla logistica e sull’approvvigionamento della catena di approvvigionamento», ha affermato la società il 12 aprile.

Interruzione della produzione

Sono emersi segnali che il lockdown in espansione sta pesando sull’economia manifatturiera. Un indicatore privato ha mostrato che le attività manifatturiere di marzo si sono contratte al ritmo più rapido visto da febbraio 2020, quando il regime cinese ha lanciato il suo playbook «zero-Covid».

L’indice Caixin dei direttori d’acquisto (Pmi), che si basa su sondaggi tra le piccole e medie imprese, è sceso a 48,1 a marzo, in controtendenza con un lieve aumento a febbraio. «Le aziende hanno spesso menzionato che le misure per contenere la diffusione del Covid-19 avevano interrotto le operazioni; l’offerta ha smorzato la domanda dei clienti», si legge nel rapporto.

Anche le fabbriche più grandi stanno lottando per mantenere le linee di produzione in funzione. Mentre ad alcuni è consentito mantenere le operazioni in un sistema «a circuito chiuso», con i dipendenti che dormono e lavorano nei campus delle fabbriche, «alcuni lavoratori non fanno più volontariato», ha detto Bettina Schoen-Behanzin, vicepresidente del principale gruppo imprenditoriale europeo della Cina, in un evento mediatico il 6 aprile.

Camionisti

Il traffico di camion a livello nazionale è crollato del 40 percento da metà marzo, con le attività intorno a Shanghai che ammontano a solo il 15 percento dei livelli normali, ha affermato Ernan Cui, analista di Gavekal, in un rapporto del 13 aprile.

I conducenti di camion a lunga percorrenza hanno ricevuto un brutto colpo. Un camionista ha detto ai media nazionali che per un recente viaggio per consegnare merci a Shanghai che normalmente richiedeva due giorni, ci sono invece volute più di due settimane. L’autista ha raccontato di essere rimasto bloccato sulle autostrade per giorni perché doveva presentare un risultato negativo del test entro 48 ore. Ha anche avuto problemi nel superare i checkpoint perché i codici sanitari del suo smartphone, che dovevano essere «verdi» per consentire il passaggio, sono stati automaticamente invalidati mentre attraversava aree a rischio.

La sua storia rispecchia quella di altri autisti. I media di Stato stimano che 30 milioni di camionisti siano rimasti bloccati lungo il percorso a causa dei cordoli.

I lunghi tempi di trasporto stanno mettendo sotto stress le catene di approvvigionamento. Gli operatori di navi portacontainer hanno detto ai media nazionali che i cordoli del Covid-19 a Shanghai hanno impedito ai camionisti di trasportare container dentro e fuori i porti. L’11 aprile Maersk, la seconda compagnia di spedizioni di container al mondo, ha avvisato i clienti che l’efficienza del suo servizio di autotrasporto da e per Shanghai sarebbe stata ulteriormente compromessa a causa del lockdown: «Il trasporto su autotrasporti rimane limitato e i terminal sono ancora congestionati, mentre la capacità dei banchi frigoriferi viene fortemente messa alla prova», ha affermato Ocean Network Express il 14 aprile.

Porti intasati

Shanghai afferma che i suoi porti funzionano normalmente con un supporto speciale, ma i dati Refinitiv mostrano che il numero di navi portacontainer in attesa al largo della costa della città e della vicina Zhoushan è più che raddoppiato dall’inizio di aprile a 118: quasi tre volte il numero di un anno fa.

Ad aprile la Camera di commercio europea in Cina ha stimato che i volumi settimanali al porto di Shanghai, il più trafficato del mondo, sono diminuiti del 40%.

I dati ufficiali pubblicati il ​​13 aprile mostrano inoltre che le importazioni cinesi a marzo sono diminuite dello 0,1%, il primo calo da agosto 2020.

Armatori come Maersk consigliano ai clienti di dirottare le spedizioni dal congestionato porto di Shanghai verso altre destinazioni cinesi, ma gli analisti non sono ottimisti: «Se il porto di Shanghai smette di funzionare, è difficile per altri porti vicini colmare il vuoto, data la sua gigantesca capacità», hanno affermato gli analisti della società di servizi finanziari Bbva. «A quel punto, la catena di approvvigionamento globale sentirà direttamente il dolore del lockdown di Shanghai».

Crisi

La Cina ha fissato un obiettivo per la crescita del Pil di «circa il 5,5%» quest’anno, il livello più basso in quasi tre decenni.

Di fronte al crescente costo economico, il 13 aprile il leader del Partito Comunista Xi Jinping ha riaffermato l’impegno per la sua politica zero-Covid, anche se le misure radicali finora non sono riuscite a domare l’epidemia di Omicron in rapida diffusione. Nel frattempo, i cordoli draconiani stanno alimentando la rabbia a Shanghai, mettendo alla prova Xi, che quest’anno sta cercando un terzo mandato di cinque anni senza precedenti. «Il lavoro di prevenzione e controllo non può essere allentato», ha detto Xi ai funzionari durante un viaggio di ispezione nell’isola tropicale di Hainan. «[Abbiamo, ndr] bisogno di superare i pensieri paralizzanti e la stanchezza della guerra. La tenacia è vittoria».

Ma i cittadini comuni sembrano stanchi.

Chen Xin, che gestisce una fabbrica di ricamo e pittura di indumenti a conduzione familiare nella provincia del Guangdong, ha affermato che dalla fine di marzo non è stato in grado di spedire circa il 70-80% degli ordini perché i clienti non possono riceverli. «La situazione attuale è che l’impatto della politica è maggiore di quello dell’epidemia».

 

Articolo in inglese: China’s Lockdown of Nearly 400 Million Set to Strike an Economic Blow

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»
Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle ...
Leggi >
 

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden

Trump domina le primarie. Avvocato della Clinton sotto processo. Usa senza benzina grazie a Biden
Martedì si sono tenute le elezioni primarie in cinque Stati e la maggior parte dei candidati appoggiati da ...
Leggi >
 

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?

Il regime cinese è “in guerra” coi cinesi e col mondo intero. Quanto potrà durare?
- Il regime cinese sta rafforzando i controlli alle frontiere secondo la direttiva "zero-covid". Ad alcuni cinesi è ...
Leggi >
 

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»

Trump annuncia un libro sulle elezioni del 2020: «Il crimine del secolo»
Donald Trump sta scrivendo un libro sulla presunta frode elettorale nelle elezioni, intitolato Il crimine del secolo. «Non ...
Leggi >