Il mito di Amore e Psiche e cosa significa per noi

Cosa significa amare autenticamente? Il termine ‘amore’ viene spesso usato per indicare qualsiasi oggetto che ci procuri il minimo piacere. Amiamo il nostro coniuge, i nostri figli, il nostro film e la nostra canzone preferiti e persino l’ultimo panino al pollo. Di certo non intendiamo la stessa cosa in tutti i casi. Forse il pittore francese William Bouguereau può offrirci un’idea di cosa significhi amare, con il suo dipinto Il rapimento di Psiche.

Diamo prima un’occhiata al mito di Amore e Psiche, che si pensa sia stato registrato inizialmente dal filosofo ellenistico Apuleio, vissuto in Nord Africa.

La bellezza di Psiche e la gelosia di Venere

La storia inizia con la presentazione di un re e delle sue tre figlie. La figlia più giovane si chiama Psiche (Anima). Le due figlie maggiori sposano dei principi, ma la bellezza di Psiche intimorisce la maggior parte dei pretendenti. La gente si raduna per osservare la ragazza ogni volta che cammina per la città e scrive inni che glorificano la sua bellezza. Alcuni la paragonano addirittura alla dea della bellezza, Venere.

Questo paragone fa arrabbiare Venere, che chiede al figlio Cupido (Amore) di usare le sue frecce d’amore per far innamorare Psiche di una bestia orrenda. Così la gente tornerà a lodare Venere invece di Psiche.

Cupido accetta e si rende invisibile prima di visitare Psiche addormentata. Quando le tocca il cuore con la sua freccia, lei apre improvvisamente gli occhi, spaventandolo e facendogli accidentalmente conficcare la sua stessa freccia nel proprio corpo. Colpito dalla bellezza di Psiche, Cupido dà a Psiche un antidoto alla maledizione prima di tornare in cielo.

Venere si rende conto che Psiche è sfuggita alla maledizione e decide che sarà lei stessa a lanciare la maledizione su Psiche. Venere si assicura che nessun pretendente venga a far visita a Psiche, così la famiglia di Psiche la porta da un oracolo che afferma:

«La principessa Psiche non sposerà mai un mortale. Sarà data in sposa a colui che l’aspetta sull’altra montagna; egli supera gli dei e gli uomini».

L’amore di Cupido

Psiche accetta il suo destino e prega i genitori di darla a colui che la attende sulla montagna, in modo da placare Venere. Si pensa che colui che aspetta sia un mostro. Psiche viene effettivamente portata sulla montagna, ma lì il Vento dell’Ovest la porta in una valle bellissima e segreta, con un palazzo più grande di quello di suo padre.

Lì, una voce la chiama: «Tutto ciò che vedi è tuo, dolce alta principessa… Non temere nulla; solo comandaci, perché siamo qui per servirti».

Psiche si rende conto che suo marito potrebbe non essere un mostro, ma una potenza benefica con la voce di un dio. Psiche chiede di vedere il volto del suo sposo, ma le viene negato. La voce risponde:

«Non dubitare mai di me, carissima Psiche… Forse avresti paura se mi vedessi, e l’amore è tutto ciò che chiedo. C’è una necessità che mi tiene nascosto ora. Credi e basta».

Cupido parte

Psiche è soddisfatta per molti giorni, finché non inizia a sentire la mancanza della sua famiglia. Chiede al marito di vederli e lui chiede al Vento dell’Ovest di portare alcuni membri della sua famiglia a trovarla. Quando le due sorelle arrivano, diventano invidiose delle ricchezze di cui Psiche gode. Le sorelle le ricordano che ha sposato un mostro e che dovrebbe ucciderlo con un pugnale mentre dorme di notte, in modo che tutti possano godere delle ricchezze.

Psiche è inorridita, ma segue il piano delle sorelle. Prende un pugnale e una lanterna e aspetta che il marito si addormenti. Quando lui si addormenta, avvicina la lanterna al suo viso e vede la bellezza di un dio. È talmente sopraffatta dai sentimenti di adorazione che si china per guardare meglio, facendo cadere l’olio della lampada su Cupido. Lui si sveglia e dice addolorato: «O Psiche dubbiosa», prima di volare via.

Psiche, piena di dolore, cerca di seguire Cupido ma non ci riesce. Quando si guarda intorno, tutta la bellezza del suo giardino e del suo palazzo è scomparsa. Si allontana tristemente alla ricerca di Cupido.

La ricerca dell’amore

Psiche viene incoraggiata da Cerere, dea delle messi, a recarsi da Venere per chiedere perdono. Psiche si reca al tempio di Venere, offre una preghiera e Venere, ancora gelosa della bellezza di Psiche, le propone una serie di compiti impossibili da portare a termine per poter rivedere Cupido. Questi compiti includono separare cumuli di grano, fagioli e lenticchie in una sola notte, ottenere ciocche d’oro da un gregge di pecore feroci e ottenere un po’ di bellezza da Proserpina, la moglie di Plutone, dio degli inferi.

Psiche riceve aiuto per portare a termine ognuno di questi compiti. Le formiche la aiutano a organizzare il grano, i fagioli e le lenticchie. Le ninfe dell’acqua le svelano i segreti per ottenere la lana delle pecore una voce le fornisce i segreti per visitare gli inferi e tornare di nuovo sulla terra.

Nell’ultima prova, però, la voce dice anche a Psiche di non guardare la bellezza contenuta in una scatola fornita da Proserpina, per evitare che Psiche perda la vita. Non potendo evitare la tentazione, Psiche guarda e viene sopraffatta dall’incantesimo. Cade in un sonno profondo.

Cupido, ripresosi dalle ferite, soccorre Psiche e la rianima. Il dio vola in cielo, racconta la loro storia e chiede agli dei di rendere Psiche immortale. Giove calma Venere con parole gentili e quando lei si ricorda che la rabbia ferisce la sua stessa bellezza, torna subito a sorridere.

Psiche viene portata in cielo, beve il nettare degli dei e diventa divina. Lei e Cupido non si separano più.

Interpretare l’allegoria

Il mito di Amore e Psiche non è una romantica storia d’amore. Al contrario, rivela alcuni aspetti molto interessanti del rapporto tra la bellezza della nostra mente e l’amore del nostro cuore. È necessario ricordare che Psiche rappresenta l’anima, la mente o lo spirito umano, mentre Cupido rappresenta l’amore. Osserviamo da vicino alcuni aspetti della storia.

Innanzitutto, Cupido rimane nascosto a Psiche. Psiche deve fidarsi di Cupido nonostante non sappia chi o cosa sia. Forse questo vale anche per la nostra mente. Non è che dobbiamo conoscere l’amore in modo assoluto; anzi, forse non possiamo conoscere l’amore in modo assoluto. Forse, invece, dobbiamo solo coltivare la curiosità di sapere che cos’è l’amore e da dove viene, in modo da rimanere aperti ad esso e solo allora, col tempo, ci si rivelerà.

In secondo luogo, la bellezza di Psiche fa sì che Cupido sciolga la maledizione che Venere ha lanciato su Psiche, maledizione in cui Venere spera che Psiche si innamori di una bestia orrenda. È forse vero che la bellezza della nostra mente ha il potenziale di annullare i nostri desideri malsani? Filosoficamente, la mente è associata alla nostra capacità di ragionare ed essere razionali, cioè di calcolare e misurare le nostre azioni. Sembrerebbe che la nostra capacità di calcolare e misurare le nostre azioni possieda una bellezza che può annullare il potenziale desiderio dell’orrido.

Inoltre, l’oracolo descrive Cupido come colui che «vince gli dei e gli uomini». Se Cupido è una rappresentazione dell’amore, allora è l’amore che supera o ha potere sugli dei e sugli uomini. Cioè, l’amore è una forza così potente che persino gli dei ne sono sopraffatti e non riescono a resistergli. Questo è il potere dell’amore.

Poi, Psiche viene premiata quando accetta il suo destino e punita quando vi si oppone. Il suo destino è l’unione con l’amore. Quando resiste al suo destino, quando resiste alla sua inevitabile unione con l’amore, soffre di conseguenza. Soffre quando ascolta le sue sorelle e cerca di portare la morte a Cupido, e soffre quando guarda la bellezza nel vaso di Proserpina nonostante le sia stato ordinato di non guardare.

Psiche, invece, è aiutata a superare le sue prove quando persegue l’amore. Non è che le prove scompaiono, ma è che riesce a superarle perché le forze soprannaturali la aiutano. È questo il potere di essere «vinti» dall’amore?

La nostra mente può calcolare e misurare le nostre azioni e annullare il potenziale desiderio di orrore. Purtroppo, la nostra mente può anche razionalizzare fino all’estremo, un estremo in cui scomunichiamo l’amore dalla nostra vita e dimentichiamo di considerare e curare coloro che ci circondano. Nella storia, l’assenza di Cupido si traduce anche nell’assenza di bellezza. L’amore e la bellezza sono coorti: Condividono reciprocamente lo spazio e il tempo. Quando l’amore è assente, lo è anche la bellezza, e allora prevalgono il dolore e la tristezza.

Infine, Psiche ascende al cielo e diventa immortale nella sua unione con Cupido. L’amore la salva da se stessa e perdona i suoi errori, permettendole di ascendere all’estasi dei cieli immortali grazie alla sua ricerca e al suo sacrificio per l’amore. L’unione tra la bellezza della mente e l’amore del cuore può sfociare in un’estasi celeste che trascende questa terra.

Forse è per questo che Platone dice: »Perciò dico che l’Amore è il più antico degli dei, il più onorato e il più potente nell’aiutare gli uomini a ottenere la virtù e la beatitudine».

‘Il rapimento di Psicheì dipinto a olio del 1895 del pittore francese William-Adolphe Bouguereau. Collezione privata. (Per gentile concessione di Art Renewal Center)

Bouguereau e il rapimento di Psiche

Bouguereau presenta il momento in cui Cupido risveglia Psiche e la porta in cielo. È la sua ascesa al divino. Le due figure sono composte in diagonale, come se si muovessero dal basso a sinistra verso l’alto a destra del piano dell’immagine, e il flusso del panneggio e dei capelli contribuisce a rafforzare questo movimento.

I gialli tenui e i viola pastello forniscono un contrasto complementare che non è stridente ma piacevole alla vista. Una prospettiva atmosferica mantiene gli elementi dello sfondo in lontananza, in modo che svolgano un ruolo di supporto all’ascesa delle due figure. Tutto è organizzato e composto con una bellezza morbida ma accattivante.

La cosa più interessante, tuttavia, è il linguaggio del corpo delle due figure. Psiche, con gli occhi chiusi e sorridendo dolcemente, si tiene stretta a sé: si abbraccia il cuore e il petto mentre vive l’estasi della sua ascesa. Cupido guarda il cielo e si aggrappa a Psiche.

È forse vero che la nostra mente è vicina al divino solo quando permettiamo all’amore di portarci ad esso? Dobbiamo, con la mente, abbracciare il nostro cuore affinché il nostro cuore impari ad abbracciare gli altri? È possibile realizzare il nostro pieno potenziale solo quando coltiviamo sia il cuore che la mente?

Qui viene ricordato di mettersi in guardia dall’orrido e di tenersi stretto l’amore, di rimanere concentrati e sicuri nell’amore nonostante le difficoltà e di confidare nel fatto che il potere dell’amore ci renderà accettabili al cielo.  Viene ricordato di evitare di essere troppo razionali o troppo emotivi e di lasciare che cuore e mente si armonizzino; viene ricordato di lasciare che l’amore ci porta avanti in questo viaggio chiamato vita.

 

L’arte ha l’incredibile capacità di indicare ciò che non si vede, in modo che ci si possa chiedere: ‘Che cosa significa questo per me e per tutti coloro che lo vedono?’. ‘Come ha influenzato il passato e come potrebbe influenzare il futuro?’. ‘Cosa suggerisce dell’esperienza umana?’. Queste sono alcune delle domande che esploriamo nella nostra serie Verso l’Interno: Cosa offre l’arte tradizionale al cuore.

Eric Bess è un artista rappresentativo praticante. Attualmente è dottorando presso l’Institute for Doctoral Studies in the Visual Arts (IDSVA).

Articolo in inglese: The Rapturous Union of Heart and Mind

 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >