Il nuovo leader di Hong Kong e cosa porterà in tavola

Luglio è stato un mese insolito a Hong Kong. In primo luogo, Xi Jinping, il leader cinese, è venuto a inaugurare i nuovi membri del gabinetto della città, dopo che l’amministratore delegato John Lee, un ex poliziotto, è stato scelto da Pechino per assumere la poltrona più importante.

All’inizio è stato scioccante, ma gli hongkonghesi si sono già abituati all’assurdità della città, quando il cosiddetto ‘un Paese, due sistemi’ si è letteralmente trasformato in uno Stato di polizia.

Poi, il 3 luglio, è morto all’età di 87 anni il famoso romanziere Ni Kuang. Alla fiera annuale del libro di Hong Kong, l’autore Chua Lam ha reso omaggio al suo amico di lunga data Ni e ha condiviso con il pubblico come secondo lui ci si dovrebbe approcciare alla morte: invece di provare dolore, è più importante come dovremmo vivere.

Quando in seguito sono arrivati ​​gli Hong Kong Film Awards, l’ottantacinquenne Patrick Tse è diventato l’attore più anziano ad aver mai vinto il premio come miglior attore.

Il mese di luglio si è poi concluso con un incidente scioccante: la caduta di un gigantesco schermo caduto sul palco del concerto della boy band ‘Mirror’ all’Hong Kong Coliseum, in cui sono rimasti feriti due ballerini.

A parte la visita ufficiale di Xi a Hong Kong, la maggior parte delle notizie a Hong Kong sono piuttosto ‘banali’.

Le notizie banali sono il nuovo trend, tuttavia nessuna notizia importante è una buona notizia a Hong Kong.

È questo ciò che il governo vuole che si pensi? Non vuole che si pensi a cose che contano davvero?

Hong Kong, che ora si è chiaramente trasformata in uno Stato di polizia, si è unita ai ranghi dello Xinjiang e del Tibet tra i luoghi con il più alto livello di sorveglianza e repressione.

Lo smantellamento della società di Hong Kong è surreale, e il nuovo leader della città è anche un uomo senza pietà, meglio conosciuto come uno ‘yes man’ di Pechino.

Dopotutto, John Lee Ka Chiu, ex poliziotto e successivamente diventato capo della sicurezza e segretario capo di Hong Kong, è stato coinvolto, insieme all’ex capo dell’Esecutivo Carrie Lam, nello spingere a Hong Kong l’ormai defunto disegno di legge sull’estradizione. Questo vecchio disegno di legge ha causato molte lamentele e disordini nella città internazionale.

John Lee, con le benedizioni di Pechino, è andato abbastanza bene nel suo primo mese come leader di Hong Kong, senza ricevere molte critiche da parte del grande pubblico della città. Detto questo, niente può essere più lontano dalla verità. Coloro che hanno espresso opinioni forti o hanno protestato con la resistenza a Hong Kong sono fuggiti, sono stati incarcerati, o, se vivono ancora in città, sono diventati molto silenziosi.

I giorni della violenta repressione del dissenso da parte della polizia di Hong Kong potrebbero essere finiti. Tuttavia, il governo vuole di più: limitare la libertà di espressione, religione, riunione pacifica e associazione, e indottrinare le giovani generazioni con l’educazione patriottica. L’estremo rinnovamento non si fermerà fino a quando la città non sarà completamente ‘trasformata’.

Per quanto riguarda l’amministratore delegato eletto da poco, John Lee, si spera possa essere diverso dal suo predecessore Carrie Lam, ma è improbabile. A partire dal 2019 questo ex agente di polizia è stato inserito a velocità supersonica in moltissimi incarichi all’interno dei ranghi pubblici di Hong Kong. La sostituzione di Carrie Lam è stata una decisione di Pechino.

Essere il capo dell’Esecutivo di Hong Kong è un punto di non ritorno. Lui e il suo predecessore Carrie Lam sono stati rimproverati e sanzionati dall’ex amministrazione Trump degli Stati Uniti per aver minato l’autonomia di Hong Kong, insieme a pochi altri membri dell’attuale amministrazione.

Quindi, la domanda da un milione di dollari è: John Lee può curare le ferite della gente di Hong Kong e distinguersi dal capo dell’Esecutivo più odiato di tutti i tempi, il suo predecessore Carrie Lam?

Per i prossimi mesi e anni del primo mandato di Lee come capo dell’Esecutivo, invece di dirigere Hong Kong usando tattiche di paura, dovrebbe ascoltare tutte le persone di Hong Kong che vivono dentro e fuori la città. Dovrebbe essere umile, con la capacità di ascoltare tutte le voci, cosa che sembra abbastanza difficile per qualcuno con il suo background.

Il massiccio esodo degli hongkonghesi dovuto all’incertezza politica e alla repressione è stato più che surreale.

Che tipo di leader sarebbe John Lee se tenesse gli hongkonghesi sotto tiro (cosa che conosce bene essendo stato un poliziotto quasi tutta la sua vita), senza tollerare alcuna forma di critica? Sarebbe un punto di svolta se a Hong Kong fossero consentite di nuovo proteste e veglie a lume di candela per le vittime di Tiananmen, ma ciò non accadrà.

Sì, il governo può usare qualsiasi scusa banale per incastrare il suo popolo, lanciando accuse di collusione con forze straniere senza prove, ma questo farebbe crollare Hong Kong ancora più velocemente.

Se John Lee usa ancora la tattica del governo del terrore per governare Hong Kong, non c’è assolutamente modo di riavviare la seconda metà di ‘un Paese, due sistemi’.

Facciamo un passo indietro. I poliziotti di Hong Kong e alcuni manifestanti hanno usato violenza l’uno contro l’altro durante il movimento sociale del 2019.

Chiaramente, l’uso della violenza eccessiva e del potere abusivo da parte del governo ricorda al mondo che Hong Kong nel 2019 è stata in una situazione simile a quella della repressione di Tienanmen. Se il regime totalitario farà ancora passi falsi andando avanti, Hong Kong raggiungerà un punto di assoluto non-ritorno.

Si spera che John Lee abbia la saggezza per entrare in contatto con le persone. Solo non molto tempo fa, nella corsa personale di John Lee al posto di capo dell’Esecutivo di Hong Kong, lo slogan della sua campagna era ‘Iniziare insieme un nuovo capitolo per Hong Kong’.

L’ultimo consiglio a John Lee: ascolta tutte le voci, porta in tavola qualcosa di tangibile e non trasformarti in un pagliaccio ancora peggiore dei precedenti.

Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di Epoch Times.

 

Articolo in inglese: What Can Hong Kong’s New Leader Bring to the Table?

 
 
 

Ecco perché l’Fbi sta indagando su Trump. Pubblicato il mandato di perquisizione

Ecco perché l’Fbi sta indagando su Trump. Pubblicato il mandato di perquisizione
Il mandato che ha autorizzato l'Fbi a perquisire la proprietà di Donald Trump all'inizio di questa settimana è ...
Leggi >
 

Ambasciatore cinese: Taiwan subirebbe una ‘rieducazione’ se Pechino la occupasse

Ambasciatore cinese: Taiwan subirebbe una ‘rieducazione’ se Pechino la occupasse
La Cina farà di tutto per conquistare Taiwan. E non solo: ovviamente, la popolazione dovrà essere rieducata. Lo ...
Leggi >
 

Trump rivela maggiori dettagli sul raid di Mar-a-Lago. Ecco cosa è successo

Trump rivela maggiori dettagli sul raid di Mar-a-Lago. Ecco cosa è successo
Mercoledi l'ex presidente Donald Trump ha rivelato maggiori dettagli sulle circostanze che circondano il raid dell'Fbi dell'8 agosto ...
Leggi >
 

Elezioni 2022, la patata bollente del Pnrr

Elezioni 2022, la patata bollente del Pnrr
Uno dei nodi più grandi da sciogliere in materia di elezioni, e quindi per chi sarà alla guida ...
Leggi >