Il nuovo premier britannico Liz Truss, potrà davvero affrontare la Cina?

Di John Mac Glionn

È ufficiale: Liz Truss è il nuovo primo ministro del Regno Unito. Il 5 settembre, quando è stato fatto l’annuncio, pochissimi, se non nessuno, sono rimasti davvero sorpresi. È sempre stata la favorita per sostituire il tanto diffamato e raramente noioso Boris Johnson.

Come il suo predecessore, la Truss, 47 anni, non è estranea alle critiche. A differenza del suo predecessore, tuttavia, ha più volte promesso di comportarsi in modo duro con la  Cina.

Ma se la Truss e i suoi colleghi possano effettivamente annullare la minaccia del regime cinese, uno dei maggiori partner commerciali del Regno Unito, resta da vedere.

Quando si tratta di contrastare la minaccia proveniente dalla Cina, la Truss probabilmente troverà i suoi sforzi ostacolati da un problema piuttosto considerevole: gli scienziati britannici sono incredibilmente a proprio agio con la Cina e, per estensione, con il Partito Comunista Cinese (Pcc). Per molti versi, Cina e Regno Unito sono infatti indissolubilmente legati.

Un caso è il seguente: con un budget di 95,5 miliardi di euro, Horizon Europe è il programma di finanziamento n. 1 dell’Unione Europea per la ricerca e l’innovazione. Ebbene, il Regno Unito è uscito dall’Ue più di due anni fa. E ora c’è un’alta probabilità che anche il Regno Unito rinunci a Horizon Europe. Se il Regno Unito dirò addio al programma, i finanziamenti di Bruxelles per gli scienziati britannici si esauriranno. Come sopravvivranno questi scienziati? Da dove arriveranno i soldi?

Dalla Cina. Un Paese fin troppo disposto a versare denaro nel Regno Unito.

Cominciamo con il Newton Fund, o, come viene chiamato in Cina, il Fondo di Ricerca e Innovazione della Partnership Regno Unito-Cina. Secondo il sito web del British Council , questo fondo da 200 milioni di sterline tra Londra e Pechino copre un paio di attività molto specifiche:

  • Persone: promozione di borse di studio per studenti e ricercatori, nonché programmi di mobilità.
  • Programmi: collaborazioni tra ricercatori nel Regno Unito e in Cina.

Le aree prioritarie di ricerca includono le tecnologie ambientali, l’energia, l’istruzione e la sicurezza alimentare e idrica. Alcuni di questi programmi sono implementati dal British Council of China.

Poi, c’è la ricerca e l’innovazione nel Regno Unito (UkRI), che, ci è stato detto, «si riunisce, catalizza e investe in stretta collaborazione con altri per costruire un sistema di ricerca e innovazione fiorente e inclusivo». Ciò include la collaborazione con la Cina. Secondo il suo sito, UkRI China è stata fondata per sviluppare stretti rapporti con le «agenzie di finanziamento della ricerca e dell’innovazione nazionali e regionali». Ciò include la National Natural Science Foundation of China, il Ministero della Scienza e della Tecnologia e l’Accademia cinese delle scienze. Con un ufficio a Pechino, UkRI China ha ricevuto un investimento complessivo complessivo di ben 360 milioni di sterline. Inoltre, l’iniziativa ha riunito «più di 350 organizzazioni e imprese di ricerca partner nel Regno Unito e in Cina».

Si sa che non ci si può fidare della Cina, o più specificamente del Pcc. Qualsiasi studente o ricercatore cinese che si rechi all’estero deve prima ottenere il permesso da Pechino. Alcuni di quelli che viaggiano all’estero vengono mandati a spiare personaggi importanti e/o organizzazioni prestigiose. Entrare in partnership con agenzie sostenute dal Pcc è come fare un patto con il diavolo, un patto faustiano di proporzioni epiche. In cambio di generosi investimenti, un Paese sostanzialmente consegna le chiavi di casa a Pechino.

In modo piuttosto comico, tramite il China Fund Prosperity Program, il Regno Unito sta attualmente collaborando con la Cina per affrontare le principali sfide globali. Allo stesso tempo i politici britannici stanno ignorando, consapevolmente o meno, le sfide e le minacce nel loro stesso cortile. Del resto, proprio ora, una società britannica di nome Grainger and Worrall sta producendo armi per l’esercito cinese.

L’influenza che la Cina esercita sul Regno Unito non può essere enfatizzata a sufficienza. Ci sono attualmente 30 Istituti Confucio che operano nel Regno Unito. Come ho discusso prima, queste organizzazioni non sono altro che dei rami del Pcc. Apparentemente, questi istituti sono stati creati per promuovere la cultura cinese; in realtà, sono stati istituiti per limitare la libertà di parola e spiare ignari studenti universitari. Sono cavalli di Troia progettati per danneggiare i vari Paesi, non per aiutarli. Questo è il vero motivo per cui la Svezia ha deciso di vietarli nel 2020.

Se questo non è già abbastanza grave, la Cina ora possiede 143 miliardi in beni del Regno Unito, comprese centrali nucleari, bar e scuole. La Cina ha anche una grande partecipazione nella rete elettrica del Regno Unito. In effetti, se si venisse al dunque, la Cina potrebbe far precipitare Inghilterra, Galles e Scozia nell’oscurità più completa. Se ciò dovesse accadere, dovrebbe essere considerata una rappresentazione nella vita reale della totale cecità del Regno Unito e della sua riluttanza a rivolgersi all”elefante cinese nella stanza’.

Questo ci riporta alla signora Truss. Può davvero annullare la minaccia del Pcc? Molto difficile.

 

John John Mac Ghlionn è un ricercatore e saggista. Il suo lavoro è stato pubblicato da riviste del calibro del New York Post, Sydney Morning Herald, Newsweek, National Review, The Spectator Us e altri. È anche uno specialista psicosociale, con un vivo interesse per le disfunzioni sociali e la manipolazione dei media.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Can British PM Liz Truss Really Defeat China?

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >