Il pericolo del confondere la parola con la violenza

Di Rikki Schlott

Non è raro sentire affermare che delle parole equivalgano alla violenza, e che possano causare danni fisici. Questo concetto ha avuto origine nel mondo accademico e ha messo le radici negli anni ’80 e ’90, principalmente tra attivisti studenteschi e professori radicali. E le università di oggi sono disseminate delle conseguenze di questa ideologia.

‘Trigger warning’ (degli avvisi dati da chi parla, in merito al fatto che presto si dirà qualcosa che potrebbe offendere o infastidire qualcuno), spazi sicuri, polizia linguistica, arresti degli oratori e persino armadi per piangere, abbondano nel mondo accademico americano, il che implica che gli studenti richiedono protezione dalle idee. Queste politiche mettono in discussione la forza del carattere degli studenti, insegnando ai giovani che sono così delicati che anche le parole possono ferirli.

Ma la protezione alla fine infligge danni intellettuali agli studenti. Quando le idee controverse vengono soffocate, le conversazioni difficili non avvengono mai. Gli studenti perdono l’esposizione a nuovi modi di pensare. I preconcetti restano indiscussi: sono privati ​​dell’opportunità di sviluppare una migliore fluidità e sfumature nelle proprie argomentazioni.

La fusione del dialogo con la violenza non è più relegata ai campus universitari; si è metastatizzata nella società in generale. Era in piena mostra anche il mese scorso quando l’American Booksellers Association (Aba) si è scusata per aver incluso Irreversible Damage di Abigail Shrier, nel suo book box di luglio.

Prima di impostare il proprio account Twitter in modalità privata, si sono lamentati: «Questo è un incidente grave e violento che va contro le politiche, i valori e tutto ciò in cui crediamo e supportiamo, l’Aba. Questo è imperdonabile».

Quando i sentimenti feriti vengono confusi con il danno fisico, la posta in gioco percepita diventa molto più alta e urgente. I vigilanti del politicamente corretto sono incoraggiati nella loro missione di proteggere non solo la sicurezza mentale, ma anche quella fisica.

Conseguenze distopiche si profilano all’orizzonte e, man mano che questa ideologia prende piede nella società americana, minaccia di capovolgere il Primo Emendamento (sulla libertà di parola). I fautori della censura ignorano che l’incitamento diretto alla violenza è già illegale, e invece insistono sul fatto che la protezione si estenda al loro diritto a non essere offesi.

Ma l’offesa è una misura del tutto soggettiva. Gli sforzi per vietare l’incitamento all’odio non riescono a definire ciò che costituisce esattamente l’incitamento all’odio, fornendo nel migliore dei casi definizioni sfocate che potrebbero essere facilmente fraintese.

Anche se giustamente non si condividono quelle interazioni volutamente offensive, la libertà di offendere è fondamentale per il progresso del sistema intellettuale. Se la storia ci dice qualcosa, è che nessuna nuova brillante idea è nata senza polemiche. La verità non è sempre popolare, dopotutto.

Come l’editorialista Selwyn Duke ha affermato, «Più una società si allontana dalla verità, più odierà coloro che ne parlano».

Pertanto, giocare con l’equiparazione del discorso alla violenza, è giocare con lo smantellamento della Costituzione e del fondamento della nostra società libera.

Pertanto, mentre la censura si diffonde nella società principale, i sostenitori della libera espressione devono combattere contro un errore logico che cede il potere agli autoritari ideologici. Dobbiamo combattere in difesa del diritto del Primo Emendamento che permette alla nostra società libera di prosperare.

 

Rikki Schlott è una scrittrice e studentessa che vive a New York City. Giovane attivista per la libertà di parola, i suoi scritti raccontano l’ascesa dell’illiberalismo dalla prospettiva della Generazione Z. Schlott lavora anche per The Megyn Kelly Show ed ha pubblicato su The Daily Wire e The Conservative Review.

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autrice e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: The Danger of Conflating Speech With Violence

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >