Il virus del doping è endemico in Cina

Di Shawn Lin

L’ex medico della squadra sportiva nazionale cinese Xue Yinxian ha rivelato che la Cina ha dopato sistematicamente i suoi atleti. Il nuovo libro dell’informatore, contenente ampie prove al riguardo, è stato programmato per la pubblicazione poco prima delle Olimpiadi invernali di Pechino. Il suo scopo è ricordare alla comunità internazionale che il Partito Comunista Cinese (Pcc) sta violando non solo i diritti umani ma anche lo spirito delle Olimpiadi, secondo il figlio di Xue.

Xue ha scritto 68 diari di lavoro dal 1978 al 1985 quando è stata a capo della supervisione medica presso l’ufficio di formazione dell’Amministrazione Generale dello Sport cinese. Nel 2017, è fuggita dalla Cina con i suoi diari e ora vive con suo figlio Yang Weidong in Germania.

L’ex medico della nazionale cinese Xue Yinxian in Germania nel 2017. (Per gentile concessione di Xue Yinxian)

Yang, che ha affiancato sua madre nel nuovo libro intitolato China’s Drug, ha riferito a Epoch Times in lingua cinese che oltre ai casi di doping che sono stati rilevati, la squadra di ping pong, di pallavolo femminile, di ginnastica, di badminton e tutte le altre, purché appartengano alle 11 squadre sotto il controllo principale dell’Amministrazione Generale statale dello Sport e dell’ufficio per la formazione, hanno dovuto consumare farmaci dopanti. «La ‘formazione scientifica’ proposta dall’Ufficio per la Formazione della Commissione Sportiva Nazionale del Pcc è in sostanza ‘formazione sul doping’», ha affermato Yang.

L’11 ottobre 1978, Chen Xian, allora vicedirettore dell’Amministrazione Generale dello Sport, presiedette una riunione del dipartimento medico dell’amministrazione, a cui Xue partecipò come medico per la squadra di basket. Durante l’incontro, Chen disse che i farmaci dopanti venivano usati all’estero e quindi, si chiese: «Perché non possiamo usarli noi?».

A quel tempo, la Cina era appena uscita dalla Rivoluzione Culturale e stava affrontando una grave carenza di materiali: anche il cibo doveva essere acquistato con biglietti razionati. Per questo motivo, il regolatore del dipartimento sportivo pensava che l’unico modo per gli atleti cinesi di mettersi in forma e competere nell’arena internazionale fosse fare affidamento sulle sostanze dopanti.

Da allora è iniziata la storia degli atleti cinesi che assumono farmaci vietati.

Medaglie macchiate dal doping

Lang Ping del Team China affronta il Team Argentina durante la pallavolo preliminare femminile di Pool B il decimo giorno dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 all’Ariake Arena di Tokyo, in Giappone, ad agosto 2, 2021. (Toru Hanai/Getty Images)

Il 6 gennaio Yang ha detto a Radio Free Asia che la prima applicazione del doping vietato è avvenuta nella squadra di ping pong, di sollevamento pesi, di atletica leggera e di nuoto. Nelle fasi successive del processo, tutti gli atleti si dopavano.

La squadra di pallavolo femminile cinese ha vinto vari campionati internazionali consecutivi dopo il 1981. Infatti, Luo Weiwei, medico della squadra di pallavolo femminile cinese, studia l’uso del doping dal 1980. Nel 1982, Luo ha pubblicato due articoli sulle pillole di ferro (solfato ferroso) per gli atleti sulla rivista cinese Sports Science, nominando Lang Ping, la famosa giocatrice di pallavolo femminile cinese, come persona che ha assunto il doping. «Lei [Lang Ping, ndr] aveva solo 20 anni negli anni ’80, quindi come poteva permettersi di contrastare la richiesta del sistema di assunzione di doping?» ha detto Yang.

Quegli atleti ne assumono 600-800 mg al giorno e non possono digerire il ferro, che si depositerà nei loro corpi per molti anni prima che sorgano problemi di salute. E alcuni che sono stati dopati hanno subito effetti collaterali come mal di testa inspiegabili, dolori muscolari e infortuni sportivi che altrimenti non si sarebbero verificati.

I dati del National Institutes of Health degli Stati Uniti indicano che l’assunzione giornaliera di ferro da parte di una persona media è di circa 11,5-18,9 mg in base alle diverse fasce di età e sesso.

Nel novembre 1987, Xue pubblicò un articolo su una rivista di ginnastica, analizzando il caso di Li Donghua, che era un atleta della squadra di ginnastica cinese, il quale, dopo essersi dopato ininterrottamente per un mese, un giorno si è rotto i tendini d’Achille in entrambi i piedi quando ha fatto un salto mortale ed è atterrato. Secondo Xue, questo è un effetto collaterale del doping: le pareti dei vasi sanguigni diventano molto fragili e i tendini di Achille si rompono con la minima forza esterna.

Liu Xiang della Cina viene assistito fuori pista dopo essersi infortunato nelle manches del Round 1 dei 110 metri a ostacoli maschili il giorno 11 dei Giochi Olimpici di Londra 2012 allo Stadio Olimpico di Londra, Inghilterra , il 7 agosto 2012. (Stu Forster/Getty Images)

Nel 2008, l’atleta cinese Liu Xiang, il primo atleta del Grande Slam al mondo nei 110 metri a ostacoli, si è rotto il tendine d’Achille. Xue ha scoperto, esaminando l’intera descrizione del trattamento di Liu, che era la stessa causa del caso di Li.

Inseminazione artificiale per sviluppare androgeni, poi l’aborto

La cinese Den Yaping in azione contro la sudcoreana Kim Hyon Hui (non raffigurata) durante l’evento a squadre femminile ai Campionati mondiali di ping-pong a Manchester il 29 aprile 1997. (Bob Collier/Afp tramite Getty Images)

Oltre a far drogare gli atleti, Yang ha anche ricordato un caso sul Pcc che cerca di aumentare il livello degli androgeni delle atlete attraverso l’inseminazione artificiale. Nel 1995, Deng Yaping, pluricampionessa del mondo di ping pong, è stata inseminata artificialmente prima di gareggiare in un campionato del mondo. Dopo essere rimasta incinta, il livello di androgeni del suo corpo è aumentato e poi ha abortito dopo il torneo.

Poiché la rivelazione era troppo scioccante, i giornalisti di Epoch Times hanno chiesto a esperti e atleti un consiglio professionale.

Il signor Yu, un ex ciclista cinese che vive in Nuova Zelanda, ha affermato che la gravidanza aumenta il numero di androgeni nel corpo.

Yu ha detto che non è stato sorpreso di apprendere questo perché ha sentito parlare di metodi brutali simili, come il metodo di scambio del sangue comunemente usato nel ciclismo e simili competizioni di resistenza.

Il dottor Yang Si, un medico dell’Università di Tokyo, ha detto a Epoch Times di non aver sentito parlare di questo metodo, ma è possibile che dopo che una donna è incinta, nel sangue vengano prodotti molti composti e queste sostanze possano mascherare gli ingredienti di quegli stimolanti. Il dottor Yang ha inoltre spiegato che, poiché anche gli stimolanti sono composti organici, se il composto prodotto dopo la gravidanza è vicino allo stimolante assunto, può mascherare il farmaco che migliora le prestazioni. I tester penserebbero che sia causato dalla gravidanza, che è definita un «falso positivo» nella scienza medica ed è molto comune. Se ci sono biologi specializzati per studiare quali sostanze producono le donne dopo la gravidanza, è anche possibile scegliere lo stesso tipo di stimolante da far assumere agli atleti.

La famiglia di Xue ha sofferto per decenni la persecuzione da parte del Pcc

Xue Yinxian ha partecipato alle Olimpiadi di Seoul 1988 con la squadra nazionale cinese. (Per gentile concessione di Xue Yinxian)

Xue, 84 anni, faceva parte della prima generazione di esperti di medicina dello sport dopo che il Pcc aveva fondato il suo regime, servendo come medico per la squadra nazionale negli anni ’80. Dalla fine degli anni ’70, quando il Partito Comunista ha lanciato la sua mania del doping sponsorizzata dallo Stato, Xue è stata uno dei pochi oppositori pubblici del sistema. Alla vigilia delle Olimpiadi di Seoul del 1988, Xue si rifiutò di somministrare stimolanti a star dello sport come Li Ning. Di conseguenza, Xue e la sua famiglia hanno subito decenni di repressione da parte delle autorità.

Nel dicembre 2007, il padre di Yang è morto dopo essere stato attaccato a casa sua dall’Amministrazione generale dello sport e nel 2015. Yang è stato arrestato per aver protestato contro la morte di suo padre all’amministrazione. Nel 2016, Xue si è ammalata gravemente ma non ha ricevuto cure mediche. Nel 2017, Xue, suo figlio e sua nuora sono fuggiti dalla Cina, sono arrivati ​​in Germania e hanno scelto di andare in esilio.

Nell’intervista, Yang ha detto a Radio Free Asia che il coraggio di sua madre di criticare e resistere era dovuto alla sua etica professionale come medico. «Pensava che gli atleti bambini stessero assumendo stimolanti che avrebbero causato danni fisici 20 anni dopo».

I giornalisti di Epoch Times non sono riusciti a raggiungere gli atleti menzionati nell’articolo e diverse chiamate al numero di telefono riportato sul sito web dell’Amministrazione generale dello sport cinese sono rimaste senza risposta.

 

Articolo in inglese: State-Backed Doping Strategy Imposed on Chinese Athletes, Former Doctor Says in New Book Ahead of Beijing Olympics

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >