La caduta e l’ascesa di uomini e donne

Di Andrea Nutt Falce

Questo mondo è in lotta tra il bene e il male: lo è stato sin dal suo inizio. Così istintivamente come un bambino teme il buio, l’umanità riconosce la minaccia del male in agguato. Dal momento che il mondo è pieno di insidie ​​e trappole, non è sufficiente imbattersi nel Buono. Vivere una vita virtuosa richiede cura, e l’esercizio deliberato di un ben affinato libero arbitrio.

La storia biblica di Adamo ed Eva raccontata, stampata e dipinta per millenni è una testimonianza della grande lotta dell’uomo. Sebbene gli uomini e le donne moderni possano essere tentati dal ritenersi evoluti al di là dei loro antenati, le basi della condizione umana rimangono le stesse: nasciamo, viviamo, moriamo e, nel mezzo, possiamo scegliere. Col senno di poi, la storia spesso dimostra la correttezza o l’erroneità delle scelte, delle azioni e delle idee degli uomini.

La storia di Adamo ed Eva offre ampie opportunità per tale riflessione. Chi non rabbrividisce alla terribile scelta del primo uomo e della prima donna: un paio di curiosi morsi di una mela, scambiati con il permesso di rimanere nel Giardino dell’Eden, con tutti i suoi deliziosi frutti e il paradiso terrestre? Quello che il diavolo ha spacciato non valeva la pena.

È iniziato con lo scenario più insidioso. In un momento suscettibile, un essere malvagio riuscì a manifestare la prelibatezza e la desiderabilità dell’amara disobbedienza. Il serpente non produceva i frutti nel Giardino e non poteva offrire una versione migliore di ciò che non era il suo in primo luogo. Poteva solo suggerire inimicizia, una bugia contorta e allettante. Ancora oggi, troppi di noi credono alla bugia. La storia di Adamo ed Eva risuona perché siamo tutti suscettibili al suggerimento che il diavolo ha qualcosa di più sontuoso da offrire. Eppure non è l’autore della creazione, non ha creato la vita e non può fare niente di meglio. Il male può solo imitare, distorcere e distruggere. Nel corso della storia umana, poco originale com’è, il diavolo ripete lo stesso vecchio trucco.

Satana è stato riconosciuto e rappresentato nel mondo e nei dipinti da quando l’uomo ha iniziato a lavorare. Nelle prime opere cristiane, era raffigurato con una forma abbastanza umana, spesso come un vecchio. Quando è umanoide nella descrizione, gli artisti spesso includono le ali come simbolo della sua natura demoniaca spirituale. Nel corso della storia, gli uomini hanno inteso il demoniaco come in agguato, che opera attraverso tentazioni o distorsioni nella logica mondana per influenzare le decisioni dell’umanità. Sembravano comprendere che il male non sembra sempre orribile in superficie; poteva presentarsi in una forma superficialmente persuasiva. In Il Signore degli Anelli di Tolkien, Frodo Baggins dice: «Penso che un servitore del nemico sembrerebbe più bello e si sentirebbe più sporco».

Secoli prima che Tolkien scrivesse quei versi, il dipinto di Tiziano, «La caduta dell’uomo», creato intorno al 1550, presentava un’affascinante visione del diavolo. La creatura sembra quasi gradevole, come un simpatico cherubino. Le guance paffute e un morbido prato di riccioli nascondono solo piccole corna. La figura infantile fissa gli occhi su Adamo anche se porge un frutto rotondo ad Eva. L’artista posiziona abilmente un albero come una divisione tra la prima coppia, e solo dietro l’albero – quasi travestito da ramo – si scopre la coda di un serpente dove dovrebbe essere la parte inferiore del corpo del cherubino. Usata come simbolo di malizia e inganno, una volpe riposa felice ai piedi di Eva.

«La caduta dell’uomo», 1550 circa, di Tiziano. (Dominio pubblico)

Il male può essere molto sottile. Per questo motivo, è molto illustrativo esaminare un’opera d’arte che rivela gradualmente la vera natura del diavolo, poiché è stata rivelata solo ad Adamo ed Eva con il senno di poi. La storia dell’arte conserva una sorta di registrazione visiva della lotta umana e spirituale tra il bene e il male. Alcune delle opere più affascinanti per giustapporre i lati della battaglia compaiono nell’arte cristiana. Nella cruda rappresentazione di Vasily Surikov, La tentazione di Cristo, un disegno a carboncino e gesso creato nel 1872, la luce e l’oscurità entrano in forte contrasto rispetto alla morbidezza della scena del giardino di Tiziano. Il diavolo incombe con livida aggressività su Cristo, che si volta dall’altra parte, resistendo alla tentazione.

«Tentazione di Cristo», 1872, di Vasily Surikov. (Dominio pubblico)

Le scene della tentazione di Cristo creano un forte confronto tra Gesù e l’uomo originario, Adamo. Mentre Adamo si stava godendo il paradiso e si era arreso al diavolo nella sua comodità, Gesù aveva appena sopportato 40 giorni di digiuno e aveva rifiutato il diavolo nonostante la fame e la stanchezza. Perché Gesù trascorse 40 giorni nel deserto? La lezione è importante. Scegliere il bene richiede esercizio. Cristo ha dimostrato che per avere la forza di portare la croce bisogna essere forti nella sofferenza, nell’abnegazione e nella resistenza al male.

L’arte religiosa offre una ricca guida pittorica. Le scene dei brani evangelici riguardanti la tentazione di Cristo sono molte e varie. Creata agli inizi del 1300, la magnifica Tentazione di Cristo sulla montagna di Duccio offre una lezione più ovvia. Le grandi proporzioni di Cristo e del diavolo descrivono la dimensione spirituale rispetto alle cose minori del mondo. Il diavolo è una figura dall’aspetto malvagio che viene rifiutata, proprio come Cristo rifiuta i regni del mondo.

«La tentazione di Cristo sulla montagna», tra il 1308 e il 1311, di Duccio di Buoninsegna. (Dominio pubblico)

Il miniatore fiammingo del XVI secolo Simon Bening, dipinse scene simili, di carattere più sommesso. In una di esse, il diavolo si avvicina a Gesù con delle pietre da trasformare in pane. Satana appare come un semplice vecchio, la sua vera natura illustrata principalmente nell’aspetto di orecchie appuntite e piedi artigliati simili a uccelli. Il diavolo di Bening nel deserto ricorda il cherubino di Tiziano nel giardino: mentre uno è vecchio e uno è giovane, ognuno sembra abbastanza benigno in superficie e mostra un suggerimento apparentemente innocuo. L’opzione a portata di mano, tuttavia, è davvero la scelta tra il bene e il male. Adamo ed Eva furono persuasi a disobbedire a Dio. Cristo ha riconosciuto la depravazione dell’offerta e l’ha respinta in base alla legge di Dio.

«La tentazione di Cristo», Xvi secolo, di Simon Bening. (Dominio pubblico)

Nell’esperienza ordinaria, la scelta tra il bene e il male è raramente presentata da un demone senza velo. Piuttosto, può essere terribilmente sottile. Ci sono voci che tentano di scendere a compromessi o accettare una piccola bugia di convenienza. Perché soffrire per la verità se potessi placare il mondo ed evitare la persecuzione? Nelle parole del Frodo di Tolkien, «Sembrerebbe saggezza se non fosse per l’avvertimento nel mio cuore».

Cristo avrebbe trasformato l’acqua in vino su richiesta di sua madre, ma si rifiutò di cambiare le pietre in pane per placare la propria fame e placare il desiderio malvagio del diavolo. Il carattere si forma attraverso decisioni quotidiane, spesso piccole e semplici ma con gravi conseguenze per plasmare la persona che si sceglie di essere.

Uomini e donne sono cambiati poco dall’uomo e dalla donna originali descritti nel Giardino dell’Eden. Abbiamo più strumenti e ne abbiamo bisogno, perché i nostri fardelli sono aumentati. Tuttavia, per quanto l’uomo moderno possa essere tentato di considerare i suoi sviluppi superiori agli uomini del passato o di lamentare le sue sofferenze e vittimizzazioni come le più grandi di tutti i tempi, il nucleo della virtù e del vizio rimane lo stesso. L’orgoglio è ancora orgoglio, le bugie sono ancora bugie e la prudenza è ancora prudenza.

Ci vorrebbero solo poche ore sintonizzati sulla televisione, radio o notizie di internet per rendersi conto che siamo nella stessa vecchia lotta. Il male si presenta in forme insidiose e dice sempre bugie. Sta a noi scegliere la bontà della verità.

 

Andrea Nutt Falce è una moglie felice e madre di quattro figli. È anche un’artista realista classica di formazione fiorentina e autrice del libro per bambini ‘It’s a Jungle Out There’. Il suo lavoro può essere trovato su AndreaNutt.com.

Articolo in inglese: The Fall and Rise of Men and Women

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >