Cina, la moglie dell’avvocato-eroe Gao Zhisheng teme che il marito sia stato assassinato

Di Nicole Hao

La moglie dell’avvocato per i diritti umani Gao Zhisheng – conosciuto anche come «La coscienza della Cina» – teme che il Partito Comunista Cinese abbia ucciso il marito. Il 14 aprile, ha chiesto a Pechino di rispondere a due richieste e ha avvisato che avrebbe intrapreso ulteriori azioni se non avesse visto riconosciuto il suo diritto all’informazione, dato che il marito è sotto custodia statale.

Nell’intervista telefonica del 14 aprile con Epoch Times, la donna aveva affermato: «Se Gao Zhisheng è davvero morto, chiedo al Pcc di restituirmi le sue ceneri» e se Gao è ancora vivo «vorrei essere rinchiusa nella stessa prigione. Chiedo all’ambasciata cinese di rilasciarmi un visto e di farmi entrare in Cina».

Gao, che è un rinomato avvocato per i diritti umani, dissidente e scrittore in Cina, 57 anni il 20 aprile; aveva attirato le ire dell’intero Stato governato dal Partito Comunista Cinese perché era una costante spina nel fianco, in quanto denunciava regolarmente i maltrattamenti subiti dai cinesi a causa del Partito. Inoltre dall’inizio degli anni 2000 ha offerto costantemente i suoi servizi legali, spesso in forma volontaria, per difendere i gruppi vulnerabili in Cina. Dall’agosto 2006 il regime lo aveva messo agli arresti domiciliari, ed è stato anche torturato.

Tuttavia, il 13 agosto 2017, Gao è scomparso dalla casa di suo fratello nella contea di Jia, città di Yulin, nella provincia dello Shaanxi. L’ufficio politico di Yulin ha confermato che il partito comunista aveva arrestato Gao ma si è rifiutato di dire dove fosse tenuto.

Il 15 aprile rappresenta il 1.140° giorno dalla scomparsa di Gao. Per tutto questo tempo, il regime ha rifiutato a Gao qualsiasi visita, nonché di rilasciare qualsiasi informazione su di lui.

La voce della moglie

Geng He, moglie dell’avvocato cinese per i diritti umani Gao Zhisheng, in una conferenza stampa a Hong Kong il 30 giugno 2019. (Li Yi / The Epoch Volte)

Nel 2009, la moglie di Gao è fuggita dalla Cina con la figlia all’epoca sedicenne e il figlio di 5 anni, con l’aiuto di gruppi religiosi, per poi rifugiarsi negli Stati Uniti. Negli ultimi tre anni, Geng ha continuato a fare pressione sulle autorità cinesi per ottenere informazioni sulle condizioni del marito, ma non ha ancora ricevuto alcuna risposta. «Ho chiamato i nostri parenti [in Cina il 9 aprile, ndr] e mi hanno detto che avevano chiamato l’ufficio di polizia di Yulin per avere informazioni su Gao. La polizia ha risposto che ora le relazioni Usa-Cina sono tese. Gao è una figura sensibile e nessuno può fargli visita».

Conoscendo chiaramente il male di cui è capace il regime comunista cinese, non è passato un giorno in cui Geng non fosse profondamente preoccupata per suo marito. «[Il regime, ndr] non permette ai parenti di fargli visita, non lo rilascia, non mostra le sue foto […] Temo che sia morto. Voglio vederlo se è ancora vivo e vedere il suo corpo se è morto», ha detto piangendo a Epoch Times.

L’ufficio di polizia di Yulin ha raccontato alla sua famiglia storie diverse sulla sorte di Gao. A volte dicono che Gao è prigioniero a Pechino, mentre, giorni dopo, che Gao è recluso nella contea di Jia; tuttavia, l’ufficio di polizia della contea di Jia replica che il caso di Gao è stato gestito da Yulin e loro non ne sanno nulla: «L’anno scorso, la polizia di Yulin ha affermato che nessuno può visitare Gao a causa della pandemia, ma ora trovano un’altra scusa», spiega Geng.

 

Avvocato per i diritti umani Gao Zhisheng. (The Epoch Times)

Dopo essere stato brutalmente torturato nel 2006, il 28 novembre 2007 Gao aveva deciso di rischiare la vita e spiegare al mondo esterno per iscritto quello che aveva sofferto in una ‘prigione nera’ a Pechino pochi mesi prima. I suoi scritti sono stati contrabbandati fuori dalla Cina con l’aiuto di amici.

Nell’articolo intitolato Dark Night, Dark Hood e Kidnapping by Dark Mafia Gao scrisse: «Mi hanno ustionato contemporaneamente con quattro bastoni elettrici. Ho sentito che i miei organi e muscoli stavano saltando rapidamente sotto la mia pelle. Stavano cercando di sfuggire alle scosse. Quando stavo rotolando sul pavimento per il dolore, il poliziotto soprannominato Wang ha iniziato a colpirmi i genitali usando un bastone elettrico».

Dopo ore di scosse, la polizia ha acceso cinque sigarette contemporaneamente e ha soffiato il fumo al naso e agli occhi di Gao per due ore. «[A quel tempo, ndr] potevo solo sentire che le lacrime mi gocciolavano sulle gambe. Non ero nemmeno a conoscenza delle azioni dei poliziotti», scrisse.

La tortura è continuata per oltre 50 giorni e Gao ha perso conoscenza ancora e ancora.

Geng ha raccontato di aver cresciuto i loro figli e che ora che sono adulti vuole davvero raggiungere suo marito: non importa quanto sia dura la tortura che sta subendo.

La «Coscienza Cinese»

Gao Zhisheng, Geng He e i loro due figli a Pechino. (The Epoch Times)

Gao Zhisheng è definito «la coscienza della Cina» da molti attivisti per i diritti umani dentro e fuori la Cina, incluso l’ex segretario di Stato canadese per l’Asia-Pacifico David Kilgour. Gao è stato anche nominato tre volte per il Premio Nobel per la Pace, nel 2007, 2008 e 2010.

All’inizio degli anni 2000, Gao ha rappresentato diversi praticanti del Falun Gong nei casi che chiedevano giustizia dal regime, dal momento che il Pcc ha messo fuori legge la pacifica pratica spirituale e l’ha perseguitata di lì in poi. I praticanti del Falun Gong vengono imprigionati e torturati su ordine delle autorità, solo perché rifiutano di rinunciare alla loro fede.

Verso la fine del 2004 e all’inizio del 2005, Gao ha scritto tre lettere all’allora leader cinese Hu Jintao e all’allora premier Wen Jiabao, raccontando loro l’ingiustizia e le torture subite dai praticanti del Falun Gong.

Nel novembre 2005, Gao e Geng hanno annunciato di aver depennato la propria iscrizione al Partito Comunista Cinese.

Nell’agosto 2006, la licenza di Gao per esercitare la professione legale è stata revocata ed è stato recluso per quattro mesi, e nel 2007 per oltre 50 giorni. Infine, nel febbraio 2009 è scomparso.

Nell’aprile 2010, Gao era apparso in un’intervista con l’Associated Press nella sua casa di Pechino, dopodiché è stato nuovamente recluso per circa 20 mesi.

Nel dicembre 2011, il regime ha annunciato che Gao era stato condannato a tre anni di carcere, e nel 2014 lo ha rilasciato mettendolo agli arresti domiciliari fino a quando nel 2017 non è scomparso di nuovo.

Gao Zhisheng nel suo ufficio a Pechino nel novembre 2005. (Verna Yu / AFP / Getty Images)

Geng racconta che nel 2014, a causa della tortura, Gao ha perso la maggior parte dei denti, ed è stato anche soggetto a orrende torture: per esempio gli sono stati infilzati i genitali con degli stuzzicadenti.

 

Articolo in inglese: Wife of ‘China’s Conscience’ Gao Zhisheng Worries He Has Been Murdered



 
 
 

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario
In vista dell'anniversario dei 100 anni della fondazione del Partito comunista cinese (Pcc) del 1° luglio, Pechino ha ...
Leggi >
 

Il vertice Biden-Putin fa disperare la Cina

Il vertice Biden-Putin fa disperare la Cina
Qualunque sia il segnale lanciato dal vertice Usa-Russia, il Partito Comunista di Pechino non lo sta prendendo alla ...
Leggi >
 

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese
Il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha condotto il suo settimo censimento della popolazione nazionale, utilizzando le ore 00:00 ...
Leggi >
 

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia
Il primo luglio l'Unione Europea avvierà il suo programma del Certificato Digitale dell'Ue per il Covid approvato dal ...
Leggi >