La natura non è equa e quindi i progressisti la odiano

Di Mark Bauerlein

È facile per i conservatori credere che i progressisti che guidano la rivoluzione ‘woke’ li vogliano ‘far fuori’. A volte sembra certamente così, specialmente quando i progressisti reagiscono ai conservatori come se fossero personaggi abominevoli che devono essere evitati ed estromessi dalla società, cancellati per sempre. Questa reazione eccessiva è stata pienamente dimostrata dall’orrore registrato dalla sinistra alla vista dei raduni di Trump e dall’isteria del Resist, nei quattro anni che hanno seguito le elezioni.

Ma l’irrazionalità mostra solo che i progressisti hanno un antagonismo più profondo, un conflitto che precede o trascende la politica. In verità, il vero nemico che i progressisti affrontano non è un altro gruppo di esseri umani che apprezza cose diverse. È la natura stessa.

Il motivo è semplice: la natura è ingiusta. Pensa alla natura in termini di ideali progressisti: la natura non crea uguaglianza; crea disuguaglianza. Non produce risultati equi, dotando e premiando tutti nella giusta misura. Invia tornado e inondazioni sia ai buoni che ai cattivi. Peggio ancora, getta nel mondo anime tenere con talenti e risorse disuguali. Alcuni sono belli, altri normali; alcuni sono intelligenti, altri ottusi; alcuni sono forti, altri deboli.

Non è giusto, dice il progressista; non è giusto. Perché qualcuno dovrebbe passare per la sua carriera mortale con uno svantaggio? Perché gli dovrebbero essere dati tratti inferiori e non dovrebbe essere in grado di superarli? Nessuno dovrebbe soffrire a causa degli incidenti del parto. Non li ha scelti, eppure ne è vittima. Thomas Jefferson ha parlato di una «aristocrazia naturale», che lui accettava come un dato di fatto. Le aristocrazie politiche potrebbero essere eliminate attraverso un’azione democratica intenzionale, ma la verità che quest’uomo è alto e veloce, quell’uomo basso e lento, non è un intruglio politico.

I progressisti non possono accettarlo. Vogliono porre fine a tutte le disuguaglianze politiche, sociali ed economiche, ovviamente, ma non basta. Anche le disuguaglianze naturali devono scomparire, o almeno essere neutralizzate. Ogni disuguaglianza è un insulto al loro senso morale, tranne, forse, l’ineguaglianza morale che li eleva ben al di sopra dei libertari e dei conservatori nella loro dedizione a modificare i torti naturali. I progressisti hanno una soluzione ovvia a questo disaccordo politico: gli individui di destra devono passare a sinistra. Nessun compromesso, nessuna negoziazione: solo i cattivi che si arrenderanno ai buoni.

La natura, però non è così flessibile. Abbiamo un’ingiustizia naturale nei confronti delle donne, per esempio. La natura le ha appesantite dalla gravidanza, che cambia i loro corpi per molti mesi e talvolta le mette in pericolo, mentre gli uomini possono avere il loro piacere momentaneo e andare per la loro strada. Non è sufficiente quindi che i progressisti eliminino pratiche e nozioni patriarcali dalla società. Il patriarcato è una creazione sociale: uomini potenti che soggiogano le donne (almeno questa è la teoria femminista). Per fermarlo, le donne devono andare al college, ritardare la gravidanza, costruire una carriera, votare per la scelta, rompere le barriere, riempire i ranghi dell’élite […] Tutto ciò, ovviamente non risolverà mai completamente il problema. Le donne guadagnano molte più lauree, master e dottorati rispetto agli uomini, e l’hanno fatto per molti anni, ma la natura ha ancora la sua strada.

Questa è la frustrazione che porta all’isteria progressista per il «fat-shaming» e il «body-shaming», le affermazioni prive di prove del «razzismo sistemico» e la maniacale riluttanza dei progressisti anche a considerare l’idea che ci sia una componente genetica alle differenze medie di intelligenza tra gruppi razziali/etnici (sebbene gli psicologi cognitivi e gli psicometristi generalmente ammettano un certo grado di «ereditarietà» nel QI, non sono d’accordo su quanto sia forte). È per questo che odiano i concorsi di bellezza e vogliono che ogni bambino ottenga un trofeo. Quando scopriamo che ai progressisti non piace la libertà di parola e il dibattito aperto, quando a un conservatore che afferma che l’essere un genitore single è terribilmente duro per i bambini rispondono come se il conservatore avesse espresso una convinzione degna di un puritano del XVII secolo a cui piace bruciare le streghe, dovremmo attribuire quell’eccesso a una profonda e preoccupante condanna degli impedimenti da parte della Natura.

Non c’è da stupirsi, quindi, che non importa quante grandi battaglie vincano i progressisti nelle legislature, nei consigli scolastici e nella cultura popolare, loro concludono con l’ovvietà: «C’è così tanto altro da fare, ancora molta strada da fare». Sarà sempre così, perché la natura non smetterà mai di mettersi in mezzo. Questa è una riforma senza fine, che lascia i progressisti sempre insoddisfatti. Sono persone infelici, a disagio con la commedia e irritate dalla tragedia (non ci dovrebbe mai essere sofferenza!), senza arguzia e diffidenza dell’ironia, serie fino all’eccesso. La più fervente crociata contro la natura in questo momento è il movimento trans, in cui abbiamo un’impresa per disfare le strutture del corpo di una persona. È una negazione che non può resistere, non importa quanto aggressivamente lo sostengano i regolamenti federali. Nel profondo del loro cuore, sanno che non possono vincere, che nella battaglia del Progresso contro la Natura, la loro fine è già segnata.

La rivoluzione ‘woke’ non è che l’attuale espressione dell’impulso contro natura, il più audace della nostra storia. Richiede una rappresentazione equa di tutti i gruppi di identità negli spazi d’élite, dai costosi collegi alle sale riunioni alle orchestre sinfoniche. Più gli habitat sono competitivi, più i fanatici insistono sulla proporzionalità, che va esattamente contro il modo in cui funziona la natura. Si avverte nella loro urgenza l’esasperazione del ritardo. Perché si chiedono come mai dopo mezzo secolo dalla liberazione delle donne, le donne sono ancora meno rappresentate ai massimi livelli del mondo degli affari? (le preferenze lavorative delle donne hanno molto a che fare con questo, ma i progressisti non vogliono ammetterlo.) Perché, più di 50 anni dopo il Civil Rights Act, più afroamericani non ottengono il dottorato? (L’avere un solo genitore presente, che è una situazione estremamente comune tra le famiglie afroamericane, è un forte fattore di scarso rendimento scolastico nei primi anni).

Le proporzioni potrebbero migliorare un po’ nei prossimi anni, ma non di molto, di certo non abbastanza da accontentare la personalità progressista. I suoi desideri sono utopici; non diventeranno realistici. Sarebbe rinunciare a una delle principali attrattive del progressismo, la prospettiva del paradiso in terra, la perfetta felicità a tutto tondo. A dire il vero, ci sono molti individui astuti nei ranghi della sinistra, persone che usano il movimento esclusivamente per il proprio progresso. Ma quegli idealisti non autentici non potrebbero giocare al loro gioco se non avessero l’appoggio di autentici idealisti, che sono impazienti e facilmente attivabili. I conservatori sono meno impazienti, meno sconcertati dal mondo così com’è, ma questo non dà loro alcun vantaggio nella guerra in corso. L’inquietudine della sinistra affatica quella della destra. I conservatori non possono fermarli: solo una forza sovrumana, la natura stessa, può portare alla sconfitta il movimento progressista.

 

Mark Bauerlein è professore emerito di inglese alla Emory University. Il suo lavoro è stato pubblicato su The Wall Street Journal, The Weekly Standard, The Washington Post, Tls e Chronicle of Higher Education.

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Nature’s Unfair, Progressives Hate It

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >