La virtù della castità

Di Mark Hendrickson

L’autore dell’articolo, Mark Hendrickson, è un economista che si è recentemente ritirato dalla facoltà del Grove City College, dove rimane un borsista per la politica economica e sociale presso l’Institute for Faith and Freedom.

 

Nel corso dei secoli, la castità, definita come l’astensione dai rapporti sessuali intimi al di fuori del patto matrimoniale, ha avuto un forte calo, che alcuni apprezzano mentre altri disprezzano.

In una cultura prevalentemente cristiana, la castità è profondamente rispettata come una delle più grandi virtù. A causa della forte influenza del cristianesimo nel plasmare la nostra cultura, possiamo infatti pensare alla castità come a una «virtù cristiana». Tuttavia, è giusto far notare che la castità non è una virtù esclusivamente cristiana.

A parte altre tradizioni di fede, specialmente quelle monoteiste, vari pensatori non religiosi hanno esaltato la castità. Uno dei più famosi di questi è l’antico statista ateniese Solone, morto nel 560 aC, secoli prima dell’alba del cristianesimo, che scrisse: «La pura castità è bellezza per le nostre anime, grazia per i nostri corpi e pace per i nostri desideri».

Detto questo, oggi in Occidente dobbiamo davvero guardare al cristianesimo come una grande forza culturale che promuove la castità come virtù. Così, uno dei grandi eroi della letteratura del 1800 fu il maschio virginale, Jean Valjean, nel grande romanzo Les Misérables del romanziere francese Victor Hugo.

Oggi, un’era molto più laica e materialista in Occidente (come evidenziato dalla popolarità di persone come Hugh Hefner), la castità è spesso sminuita o ridicolizzata. Gli individui che cercano di giustificare la propria indulgenza nei piaceri sessuali non coniugali, cercano conferma dagli altri tentando di persuaderli sul fatto che la castità sarebbe una superstizione inutile, non necessaria e persino psicologicamente dannosa, una reliquia de tempi passati, non da illuminati.

La domanda chiave si riduce a questa: la castità fa bene o non fa bene? Fondamentalmente, cosa c’è da guadagnarci?

Ebbene, i benefici della castità sono considerevoli. Si dividono in due categorie: evitare conseguenze negative e ottenere benefici positivi. Diamo prima un’occhiata agli aspetti negativi del non praticare la castità.

Conseguenze negative

Quando ero giovane, i due avvertimenti più comuni che ho ricevuto sul sesso prematrimoniale erano che poteva portare a gravidanze indesiderate o a contrarre una malattia a trasmissione sessuale. Sebbene i mezzi per ridurre tali rischi siano più diffusi, come una contraccezione più efficace (in particolare, le pillole anticoncezionali e gli insegnamenti sul «sesso sicuro») queste misure preventive sono spesso trascurate. Secondo uno studio, un sorprendente «45% degli adulti ha l’Hpv genitale». Allo stesso modo, la frequenza degli aborto mostra che molte donne che non vogliono bambini non usano comunque «la pillola».

Oggi, grazie alla ricerca sistematica degli scienziati sociali, sappiamo di ulteriori conseguenze spiacevoli o dannose dell’attività sessuale al di fuori del matrimonio. Il sesso prematrimoniale, in particolare, provoca notevoli danni psicologici. C’è un notevole aumento della profonda infelicità tra molti che si dilettano nel sesso prematrimoniale, sia del tipo di ‘una notte e via’ che delle relazioni a lungo termine.

Marian Crowe ha scritto sul sito web dell’Anscombe Society dell’Harvard College: «Secondo ‘Sesso prematrimoniale in America: come i giovani americani si incontrano, si accoppiano e pensano al matrimonio’ dei sociologi Mark Regnerus e Jeremy Uecker, i giovani adulti sessualmente attivi, spesso provano “senso di colpa, rimpianto, disprezzo di sé temporaneo, ruminazione, diminuzione dell’autostima, senso di aver usato qualcun altro o di essere stato usato, senso di aver deluso se stesso, disagio nel dover mentire o nascondere il sesso alla famiglia, ansia per la profondità e il corso della relazione e preoccupazione per il posto o il ruolo del sesso nella relazione”. […] Le ragazze  sessualmente attive “avevano circa 11 volte più probabilità delle vergini di riferire sintomi di depressione elevati”. Le vergini, d’altra parte “tendono ad essere sicure di sé e compiute”». […]

«Nel suo recente libro, ‘Lost in Transition: The Dark Side of Emerging Adulthood‘, il sociologo dell’Università di Notre Dame Christian Smith sostiene che per molti giovani, specialmente donne, “la libertà sessuale è accompagnata da vero dolore, confusione, dolore, rabbia e rimpianti”».

Ancora un’altra conseguenza negativa del sesso prematrimoniale ed extraconiugale che la persona casta evita, è la maggiore probabilità di divorzio tra coloro che invece non hanno praticato la castità.

Il Chastity Project riporta che secondo una ricerca di Edward O. Laumann e colleghi: «Quando un uomo è sposato vergine, il suo tasso di divorzio è del 63% inferiore a quello di un non vergine. Per le donne, è inferiore del 76 percento».

Il progetto riporta anche che la maggior parte degli adolescenti che hanno rinunciato alla verginità prima del matrimonio, in seguito si rendono conto che avrebbero voluto aspettare più a lungo. Altre ricerche mostrano che le donne che sono arrivate vergini al matrimonio «avevano di gran lunga i tassi di divorzio più bassi», mentre i tassi di divorzio più alti tra le donne erano quelli delle donne che erano state con 10 o più partner.

Il divorzio sconvolge la vita. È un momento infelice e stressante per la separazione della coppia e l’infelicità spesso dura anni. Particolarmente triste è l’infelicità sofferta dai bambini i cui genitori divorziano. Sebbene un numero piuttosto elevato di tali bambini esca dai divorzi relativamente indenne se i loro genitori sono sufficientemente solidali, la letteratura sulle scienze sociali è piena di documentazione sugli effetti dannosi del divorzio sui bambini, quando la loro famiglia si dissolve.

Inoltre, le conseguenze economiche del divorzio sono gravi, e gettano un’ombra sulla vita di coloro che hanno divorziato, e spesso in modo sproporzionato sulle madri, per anni. In effetti, almeno uno scienziato sociale definisce il matrimonio «la più grande arma americana contro la povertà infantile» e una significativa parte della disparità tra i tassi di povertà dei neri e dei bianchi in America può essere attribuita alle disparità nell’incidenza delle famiglie spezzate rispetto a quelle intatte.

Benefici positivi

Oltre a evitare le varie conseguenze negative che così spesso seguono nel corso del comportamento impudico, ci sono significativi benefici positivi nella pratica della castità.

L’argomentazione principale contro la castità è che ti stai perdendo il piacere. Questo può essere vero, ma solo nel brevissimo periodo. Un essere umano saggio include considerazioni di lungo e breve periodo nel suo processo di ragionamento.

È ben noto nelle scienze sociali che i poveri hanno orizzonti temporali brevi: pensano solo al presente e minimizzano, se non ignorano, il futuro. Al contrario, coloro che hanno una visione a lungo termine evitano di sperperare capitale prezioso in spese frivole oggi, in cambio di uno stile di vita più agiato in seguito (per inciso, i politici, come i poveri, hanno orizzonti temporali brevi. Si concentrano sulle prossime elezioni).

Pensa alla castità come a un investimento nel tuo futuro. Molti hanno scoperto che la chiave per il successo e la felicità a lungo termine nella vita, sia economicamente che psicologicamente, è rimandare la gratificazione. Rinunciando a un godimento minore e transitorio oggi, che si tratti di astenersi da spese stravaganti o di rifiutarsi di partecipare a un rapporto o a una relazione a breve termine, si apre la strada a una maggiore ricchezza e maggiore felicità in seguito.

A proposito, qui l’economico e il romantico sono strettamente intrecciati. Pensa a quanti soldi spendono alcuni giovani uomini in bevande troppo costose nei bar e in altre spese cercando di corteggiare donne per le quali non hanno un reale interesse oltre al sesso. Quanto è più saggio, invece, conservare i fondi per una relazione veramente significativa e iniziare a risparmiare un gruzzolo finanziario in preparazione all’acquisto di una casa per la tua eventuale famiglia!

Cosa ci vuole per rimandare la gratificazione, per dire di no ai piaceri attuali per ottenere una maggiore felicità e soddisfazione in futuro? Saggezza, carattere, maturità e pazienza sono tra queste utili virtù. La parola latina da cui deriva il nostro sostantivo «virtù», tra l’altro, è «virtus», che ha il significato aggiuntivo di «forza». Per frenare la passione, è necessaria la forza di carattere, in particolare l’integrità, l’autocontrollo, l’autodisciplina.

L’autocontrollo necessario per praticare la castità non è limitato al regno dell’azione, ma include anche quello della parola e del pensiero. Il vero autocontrollo include l’evitare le chiacchiere spazzatura negli spogliatoi, la millanteria giovanile su ciò che si vuole fare con il corpo di una ragazza. Come insegna lo scrittore del Nuovo Testamento Giacomo (Giacomo 3:1-10), la lingua è un piccolo membro formidabile e potenzialmente distruttivo, e la persona che può controllarla è sulla buona strada per l’autocontrollo.

Nel regno del pensiero, è molto utile esercitare l’autocontrollo. Il libro dei Proverbi avverte: «Può l’uomo prendere fuoco nel suo seno e le sue vesti non essere bruciate?» (Prov. 6:27) Fantasticare sul sesso è una tentazione aggressiva. Se lasciato incontrollato, può condurre nel labirinto oscuro della pornografia, che offre ancora piacere a breve termine in cambio di pesanti costi a lungo termine.

Secondo Love and Fidelity Network: «Gli studi dimostrano sempre più che la pornografia altera la chimica del cervello e, come una droga, può renderti dipendente. Gli utenti frequenti e i loro cari conoscono le conseguenze: senso di colpa, ansia, depressione, difficoltà a formare o mantenere relazioni, disfunzione erettile, diminuzione del piacere e aumento del rischio di divorzio».

La triplice padronanza di pensiero, parola e azione può essere una sfida difficile. In effetti, ci sono spesso battute d’arresto temporanee su quel percorso. Ma le ricompense della castità possono essere considerevoli. In questo momento dei Giochi Olimpici, ascolta la saggezza del maratoneta keniota Eliud Kipchoge, il campione olimpico in carica e il primo uomo a correre una maratona in meno di due ore: «Solo quelli disciplinati nella vita sono liberi. Se sei indisciplinato, sei schiavo dei tuoi umori e delle tue passioni». Parole forti, ma necessarie. C’è molta più gioia e soddisfazione nell’essere il padrone delle passioni invece che il loro schiavo.

La castità non è una virtù minore. Al contrario, può essere un elemento chiave per raggiungere una vita produttiva piena di risultati significativi, sia a casa che nella carriera prescelta. Una delle principali chiavi del successo è la capacità di non distrarsi dai propri obiettivi o di perdere tempo a deviare in vicoli senza uscita. La castità implica la padronanza di sé e questo apre la porta ai più grandi successi e realizzazioni nella vita.

Come disse lo scrittore americano del XIX secolo Henry David Thoreau: «La castità è la fioritura dell’uomo; e quelli che si chiamano Genio, Eroismo, Santità e simili, non sono che vari frutti che le succedono».

 

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: The Virtue of Chastity

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Magnate americano dei supermercati: i prezzi del cibo saliranno «tremendamente»

Magnate americano dei supermercati: i prezzi del cibo saliranno «tremendamente»
Il proprietario di una catena di supermercati newyorkese prevede che i prezzi del cibo aumenteranno drasticamente negli Stati ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >