L’alba dopo la festa del Pcc

Di June Teufel Dreyer

Il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha celebrato il centesimo anniversario della sua fondazione con un eccesso di autocelebrazione.

La festa è stata preannunciata da diversi mesi prima, durante i quali, quotidianamente, sono stati rilasciati dei manifesti che parlavano di pietre miliari della storia del Partito. E una serie separata di manifesti riportava citazioni di Xi Jinping, che ricordavano alla gente indimenticabili pensieri come «l’istruzione è essenziale per il Paese e il Partito» e «la leadership assoluta del Partito sull’esercito è una caratteristica distintiva del socialismo cinese, e una delle principali fonti di forza politica per il Partito e lo Stato».

Non menzionati in tutti questi resoconti del glorioso passato, sono stati i suoi fallimenti storici, come la carestia provocata dall’uomo del ‘Grande Balzo’ in avanti e le politiche distruttive della ‘Grande Rivoluzione Culturale Proletaria’. Anzi, nella campagna contro il «nichilismo storico» – cioè contro i dubbi nei confronti della versione ufficiale della storia – si è visto che può essere pericoloso mettere in discussione certe cose.

Come affermazione del loro patriottismo, i cittadini, dai bambini agli adulti, indossavano facsimili in qualche modo fantasiosamente rifatti di abiti dell’Armata Rossa, completi di stelle rosse sui berretti. Il turismo rosso – le visite ai santuari sacri del comunismo cinese, come il luogo di nascita di Mao Zedong a Shaoshan e il sito della fondazione del Pcc a Shanghai – è esploso, con molti dei turisti vestiti con i costumi dell’Armata Rossa o le magliette fornite dal gruppo con un logo con il numero «100».

Con l’avvicinarsi del giorno, l’iconico stadio Nido d’Uccello ha illuminato il cielo di Pechino con un gigantesco spettacolo di fuochi d’artificio. Il giorno dopo, Xi ha assegnato medaglie d’oro a 29 persone che erano state ritenute i membri del Partito più meritevoli della Cina. E una serie di 20 francobolli commemorativi è stata emessa in una busta iscritta in caratteri dorati che dicevano «rimani fedele all’aspirazione originale e alla missione fondatrice del Partito».

I media statali hanno annunciato che sono state più di 1.300 le lettere di congratulazioni ricevute da partiti politici stranieri e leader statali, molti dei quali hanno espresso il desiderio di vedere il Partito condividere la sua esperienza di governo e guidare la società internazionale nell’affrontare le sfide attuali come il cambiamento climatico e lo sviluppo squilibrato. A Londra, Zheng Zeguang, ambasciatore di Pechino nel Regno Unito che era stato nominato dopo l’improvvisa partenza del suo controverso e combattivo predecessore Liu Xiaoming, guerriero lupo, ha deposto una corona sulla tomba di Karl Marx.

L’apice di questa stravaganza, il tanto atteso discorso di Xi, non ha deluso. Vestito con un abito da Mao – in netto contrasto con gli abiti blu navy standard, le camicie bianche nitide e le cravatte conservatrici degli altri presenti al banco – il discorso di Xi ha esaltato il passato mentre guardava al futuro. Ha affermato che sotto la guida del Pcc la Cina ha raggiunto lo status di società benestante e continuerà a prosperare. Ha promesso che il governo centrale avrebbe esercitato la giurisdizione su Hong Kong e Macao «al fine di salvaguardare la sicurezza nazionale» e avrebbe «riunificato» Taiwan: l’ascesa della Cina sarebbe stata «inarrestabile». Ogni sezione è stata seguita da applausi entusiastici da parte del pubblico, con le dichiarazioni più bellicose che hanno tratto le risposte più entusiastiche.

La più importante delle dichiarazioni di Xi è stata che «il popolo cinese non permetterà mai a nessuna forza straniera di prevaricare, opprimere o schiavizzare [il popolo cinese stesso, ndr]» e che «chiunque osi provare a farlo vedrà la propria testa sbattuta a sangue contro una Grande Muraglia d’acciaio, forgiato da oltre 1,4 miliardi di cinesi».

Oltre agli applausi degli spettatori, la dichiarazione ha rapidamente attirato 900 milioni di visualizzazioni su Twitter. La versione inglese ha cambiato le parole di Xi rendendole meno violente: «Chiunque tenti di farlo si troverà in rotta di collisione con un grande muro d’acciaio, forgiato da oltre 1,4 miliardi di cinesi».

Proprio come gli eccessi di qualsiasi festa sono seguiti dalla sobria realtà del mattino dopo, una realtà meno brillante si cela dietro lo sfarzo e la spavalderia del 100° anniversario del Pcc. Forse simbolicamente, i brillanti fuochi d’artificio, per quanto spettacolari fossero, hanno fatto poco per migliorare l’aria notoriamente inquinata della capitale o per far avanzare la promessa del Partito di diventare a emissioni zero entro il 2060. Sorprendentemente, non c’è stata nessuna parata: un funzionario ne ha spiegato il motivo a un giornalista, dicendo che i soldati erano necessari per proteggere le frontiere della madrepatria. Non ha detto da chi, e il numero dei militari nelle tribune e che prestano servizio come guardie d’onore alle cerimonie era impressionante. La preoccupazione per la sorveglianza delle frontiere del Paese sembrerebbe genuina, con almeno due delle 29 medaglie d’oro ricevute da minoranze etniche per il loro lavoro di stabilizzazione delle loro aree e una terza assegnata a un cinese Han per atti non specificati, in difesa della sovranità della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

A Hong Kong, che contemporaneamente stava osservandofesteggiando potrebbe essere la parola sbagliata – il 24° anniversario della sua adesione alla Cina, l’atmosfera era cupa. Il nuovo segretario capo John Ka-chiu Lee ha avvertito che «le forze esterne stanno ancora aspettando di causare problemi, specialmente quando molti Paesi vogliono attaccare la nostra nazione quando si sta rafforzando pacificamente». Non sono stati rilasciati permessi per le riunioni, sulla base del fatto che potrebbero favorire la diffusione del coronavirus, e la polizia ha iniziato a sgomberare Victoria Park, il tradizionale luogo di proteste e cerimonie commemorative, entro mezzogiorno del giorno prima della celebrazione del ‘compleanno’. Rischiando la possibilità dell’arresto in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, alcuni piccoli gruppi e individui hanno comunque distribuito volantini di protesta. La celebrazione ufficiale stessa è stata sommessa, con una passaggio della torcia, elicotteri che sorvolano il porto e un battello antincendio che spruzzava un saluto d’acqua.

La Cina ha più di cui preoccuparsi di Hong Kong e delle sue altre frontiere. Xi non ha designato un successore, lasciando ipotizzare che la sua apparizione in una copia dello stesso abito che Mao aveva indossato alla cerimonia di fondazione del Pcc nel 1949, significasse che lui come presidente non ha intenzione di ritirarsi. Con una riunione del Comitato Centrale del Partito in arrivo nel 2022, tale speculazione è destinata a rafforzarsi. Il fatto che abbia consolidato così tanto potere nelle sue mani potrebbe essere un pericolo non solo per il Partito, ma anche per la stessa Cina, se fallisse.

Come i buoni marxisti sanno, o almeno professano di credere, l’economia è la sottostruttura su cui è costruito tutto il resto della società. E, dopo un forte rimbalzo dalle contrazioni causate dalla pandemia, l’economia cinese ha iniziato ad ammorbidirsi. Xi è da tempo consapevole della necessità di una profonda ristrutturazione economica, ma la reazione degli interessi interni acquisiti è stata forte. I suoi tentativi di mettere a tacere i critici, come il suo prolungato smembramento dell’impero Alibaba/Ant Financial di Jack Ma, sembrano destinati a diminuire la competitività della Cina, piuttosto che a migliorarla.

Mentre le accuse di corruzione proliferano – a gennaio Lai Xiaomin, Ceo di Huarong Asset Management, è stato giustiziato per corruzione, avidità e peccati associati – la via da seguire non è chiara. Il default di Huarong, il più grande emettitore cinese di debito estero denominato in dollari, 22 miliardi di dollari in totale, potrebbe provocare una crisi normativa, dal momento che lo Stato è proprietario di maggioranza.

Anche la politica simbolo di Xi, la Belt and Road Initiative (Bri), ha incontrato problemi. In Montenegro, la costruzione di un’autostrada descritta come una strada verso il nulla, finanziata da una banca statale cinese e costruita da una società statale cinese, è stata interrotta quando il Montenegro non ha più potuto permettersi di pagarla; il Paese ha chiesto aiuto all’Unione Europea. Dopo che il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina ha annunciato che, poiché le aziende cinesi avevano addebitato tre volte il prezzo normale per la costruzione, avrebbe allora tagliato 5 miliardi e 720 milioni di dollari da due progetti ferroviari che facevano parte dell’accordo Bri tra i due Paesi, la Cina ha ritirato i finanziamenti. In Australia, il governo centrale ha annullato gli accordi Bri tra lo Stato di Victoria e la Cina, in quanto incompatibili con la politica estera australiana.

Il gigante delle telecomunicazioni Huawei ha avuto problemi anche in Canada, Svezia e altrove.

Sebbene i fuochi d’artificio possano aver contribuito poco al problema generale dell’inquinamento atmosferico della Cina, la decisione di espandere la produzione delle miniere di carbone per stimolare la crescita economica lo farà sicuramente.

Xi non si fa illusioni sul fatto che la strada da percorrere sarà facile, come dimostrano le sue esortazioni al popolo cinese a unirsi per costruire sui risultati del passato. Incolpare i Paesi stranieri per i problemi della Cina, come fanno in genere i media statali cinesi, può risuonare a livello nazionale, ma il nazionalismo muscolare e le recitazioni retoriche dell’ideologia, non faranno nulla per risolvere questi problemi e, come hanno dimostrato le tattiche pugili del guerriero lupo, potrebbero persino esacerbarli.

Nell’antica Roma, gli imperatori usavano il pane e i circhi per aumentare la loro popolarità. Ha funzionato fino a quando i costi della costruzione del Colosseo e della messa in scena dei giochi hanno cominciato a far fallire l’impero. Il governo di Xi ha dimostrato la sua capacità di fornire spettacoli scintillanti. Ma il vero banco di prova sarà se potrà continuare a produrre riso a sufficienza per il ringiovanimento della nazione cinese.

 

June Teufel Dreyer è una professoressa di scienze politiche all’Università di Miami, membro anziano del Foreign Policy Research Institute, consigliere di facoltà della Fondazione Rumsfeld ed ex commissario della Commissione di revisione economica e di sicurezza Usa-Cina. Il Dr. Dreyer è autore di diversi libri sulle minoranze etniche cinesi, il sistema politico cinese, le relazioni Cina-Taiwan e le relazioni sino-giapponesi.

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: The Morning After the CCP’s Party

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Magnate americano dei supermercati: i prezzi del cibo saliranno «tremendamente»

Magnate americano dei supermercati: i prezzi del cibo saliranno «tremendamente»
Il proprietario di una catena di supermercati newyorkese prevede che i prezzi del cibo aumenteranno drasticamente negli Stati ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >