Las Vegas, infermiera spazzola e acconcia i capelli dei malati nei giorni liberi

Di Daksha Devnani

Un’infermiera di Las Vegas è andata ben oltre il proprio dovere di prendersi cura dei suoi pazienti malati, e li tratta come se fossero la sua stessa famiglia. Durante i suoi giorni liberi dal pronto soccorso (Er) va persino da loro a intrecciare e spazzolare i loro capelli.

Brooke Johns, un’infermiera del Southern Hills Hospital ha spiegato a Epoch Times: «La vita è dura. Questo è un piccolo lusso che non si aspettano. Abbinalo al tocco umano e alla connessione, e si crea una sensazione di sicurezza e valore».

(Per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital)

Brooke, originaria di San Diego, ha lavorato all’ospedale di Las Vegas negli ultimi 2 anni e mezzo e ha iniziato a prendersi cura dei suoi pazienti in questo modo nel marzo 2021: «Avevo un amica che era malata e ricoverata in ospedale per tre settimane. A causa delle restrizioni sui visitatori, si sentiva male, debole e sola».

Poiché Brooke lavorava in ospedale, aveva il permesso di andare a trovare la sua amica che stava combattendo contro il Covid-19. Dato che era troppo debole per prendersi cura dei propri capelli, Brooke le ha chiesto se voleva che le pettinasse e intrecciasse i capelli, e la sua amica ha risposto con un «sì risonante».

«Mi ci sono voluti 90 minuti per spazzolarle completamente i capelli, ma abbiamo parlato per tutto il tempo», ha detto Brooke. «Quando quella sera l’ho lasciata, era una persona completamente diversa. Sorrideva e interagiva».

Vedendo il potere della connessione umana e il beneficio che aveva sulla sua amica, Brooke si è sentita pronta ad aiutare anche altri in ospedale, convinta che, se mai avrà il potere di far sentire qualcuno importante, apprezzato e amato, lo farà al meglio delle sue capacità.

(per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital )

«È un piccolo prezzo da pagare per un enorme ritorno», ha detto Brooke. «Questo è ciò che mi fa tornare a farlo. Queste persone ne valgono la pena. A volte abbiamo tutti bisogno di essere salvati. Lo so perché ci sono stata. Io sono come questi pazienti».

Sierra Stein, 24 anni, è una persona che ha sperimentato in prima persona il potere della connessione umana. La scorsa estate, dopo aver contratto il Covid-19, è rimasta paralizzata e ha dovuto trascorrere alcuni mesi in ospedale per ricevere cure. «Ero infelice perché non potevo avere nessuno lì», ha raccontato a Good Morning America. «Sei isolata, sola. È un posto davvero oscuro».

(Per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital)

Dopo alcuni mesi, ha lasciato l’ospedale e riacquistato la capacità di camminare. Ma nel luglio 2021 sono riapparsi alcuni problemi e ha avuto bisogno di andare di nuovo al pronto soccorso, ma era riluttante perché aveva attraversato un momento difficile emotivamente durante la sua ultima ammissione.

Brooke ha detto a Epoch Times che la giovane donna le ha comunicato le sue riserve apertamente ed era davvero spaventata dopo la sua esperienza passata. Ma Brooke l’ha ascoltata e le ha suggerito di andare all’ospedale, cosa che la Stein alla fine ha fatto.

Mentre stava ricevendo il trattamento, la Stein è stata informata dal personale di un’infermiera che stava girando per l’ospedale a intrecciare i capelli dei pazienti e le è stato chiesto se voleva che lo facesse anche per i suoi capelli. Stein ha risposto di sì, ma non sapeva che era proprio Brooke Johns a farlo. «Sono entrata in una stanza dei pazienti per chiedere loro se potevo intrecciare i capelli», ha detto Brooke. «Era Sierra! Non avevo idea che fosse lei finché non sono entrata nella sua stanza. È stata una dolce riunione».

Brooke Johns con Seirra Stein. (Per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital)

Secondo Brooke, non c’è stato nessun paziente che si sia arrabbiato. Al contrario, sono felici e «davvero diversi» quando lei se ne va.

Ricordando alcuni dei momenti più memorabili che ha avuto, Brooke dice che le donne gentili e anziane fanno sempre del loro meglio per darle la mancia. «Devo spiegare loro ripetutamente che sono loro la mia ricompensa e che non prenderò mai i loro soldi», ha detto Brooke. «Ho anche avuto qualcuno che è completamente scoppiato in lacrime quando ho chiesto se voleva che le pettinassi i capelli. Significa molto per alcune persone».

Tuttavia, Brooke dice che a volte ci sono persone che la rifiutano, poiché sono malate e vogliono riposare.

(Per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital)

Questo piccolo atto di gentilezza significa sicuramente il mondo, per i pazienti del Southern Hills Hospital. Riconoscendo lo sforzo di Brooke, l’ospedale ha pubblicato un commovente video su Facebook scrivendo: «La nostra infermiera del pronto soccorso, Brooke, esemplifica la nostra missione mentre è al pronto soccorso e anche nei suoi giorni liberi. Grazie Brooke per tutto quello che fai! Siamo così fortunati ad averti».

Ma Brooke aspira solo a fare la differenza anche per una sola persona in questo mondo.

(Per gentile concessione di Cyndi Lundeberg/ Southern Hills Hospital)

«Ognuno di noi ha una capacità unica di aiutare gli altri», spiega a Epoch Times. «Non siamo mai stati destinati a fare questa vita da soli».

 

Guarda il video:

https://fb.watch/8g4hGm-HX9/

(Dalla pagina Facebook di Cyndi Lundeberg)

 

Daksha Devnani scrive storie di vita, tradizioni e persone con coraggio e senza compromessi, per promuovere speranza e bontà nell’umanità

Articolo in inglese: Las Vegas ER Nurse Cares for Patients on Her Days Off by Brushing, Braiding Their Hair

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti
Il bastone d'acciaio temprato ha emesso il suono più inquietante possibile, rimbalzando sul cranio di Victoria White. Variava ...
Leggi >
 

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc
Il regime cinese ha speso miliardi di dollari nel tentativo di raggiungere i produttori di chip più avanzati ...
Leggi >
 

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti
Diversi Paesi europei si stanno adoperando per proteggere i propri atleti durante le prossime Olimpiadi invernali di Pechino. ...
Leggi >
 

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa
La sostenitrice di Trump andava su e giù, agitando le mani, frustrata, verso degli agenti immobili: «Chiama aiuto!» Pochi istanti ...
Leggi >