Le banche centrali acquistano quantità record di oro. Perché?

Di Daniel Lacalle

Nel 2022 le banche centrali hanno acquistato la più grande quantità di oro della storia recente. Secondo il World Gold Council, gli acquisti di oro da parte della banca centrale hanno raggiunto un livello che non si vedeva dal 1967.

Le banche centrali del mondo hanno acquistato 673 tonnellate nei primi tre trimestri del 2022 e nel terzo trimestre la cifra è stata di quasi 400 tonnellate. Questo è interessante perché il flusso dalle banche centrali dal 2020 è stato costituito principalmente da vendite nette.

Perché le banche centrali globali stanno aggiungendo oro alle loro riserve? Potrebbero esserci diversi fattori.

La percentuale maggiore di riserve della maggior parte delle banche centrali è costituita da dollari Usa, che di solito si presentano sotto forma di buoni del Tesoro Usa. Ha senso quindi che alcune banche centrali, in particolare quella cinese, decidano di dipendere meno dal dollaro.

Le elevate riserve di valuta estera della Cina sono una fonte fondamentale di stabilità per la Banca popolare cinese. L’elevata quantità di dollari Usa (3.100 miliardi) potrebbe essere stata un fattore di stabilizzazione chiave nel 2022, ma potrebbe risultare eccessiva se i prossimi 10 anni portassero un’ondata di svalutazione monetaria che non si è mai verificata prima.

Le banche centrali hanno parlato dell’idea di emettere una valuta digitale, che cambierebbe completamente il modo in cui funziona il denaro oggi. Emettendo una valuta digitale direttamente sul conto di un cittadino presso la banca centrale, l’istituto finanziario avrebbe pieno accesso alle informazioni dei risparmiatori e, soprattutto, sarebbe in grado di accelerare il meccanismo di trasmissione della politica monetaria eliminando i canali che impediscono l’aumento dell’inflazione: il canale bancario e la domanda di credito.

Ciò che ha impedito all’inflazione di salire molto di più è che il modo in cui viene trasmessa la politica monetaria è sempre rallentato dalla domanda di credito nel sistema bancario. Ciò ha ovviamente portato a un enorme aumento dei prezzi delle attività finanziarie e ha comunque fatto salire i prezzi alle stelle quando la crescita dell’offerta di moneta è stata utilizzata per pagare la spesa pubblica e i sussidi.

Se le banche centrali iniziassero a emettere valute digitali, il livello di distruzione del potere d’acquisto delle valute visto negli ultimi 50 anni sarà estremamente ridotto rispetto a ciò che può verificarsi con il controllo sfrenato della banca centrale.

In un tale contesto, lo status dell’oro come riserva di valore non avrebbe eguali.

Ci sono anche ulteriori ragioni per comprare oro.

La liquidità era il tallone d’Achille delle criptovalute. Alcuni aumenti dei tassi da parte della Fed hanno rapidamente smentito l’idea che le valute digitali potessero solo aumentare di valore. Le criptovalute non hanno combattuto l’espansione monetaria; piuttosto, erano uno dei suoi effetti. L’oro è ormai una delle poche vere riserve di valore rimaste.

La performance dell’oro in dollari Usa potrebbe aver deluso gli investitori nel 2022 (anche se è stata piatta), ma in un anno di ampio declino delle attività finanziarie, il valore dell’oro è salito in termini di euro, sterline, yen e nella maggior parte delle valute emergenti.

Le banche centrali hanno bisogno dell’oro perché potrebbero prepararsi a un periodo senza precedenti di devastazione monetaria.

Il Financial Times afferma che le banche centrali stanno già subendo perdite significative a causa della diminuzione del valore delle obbligazioni che detengono nei loro bilanci. Alla fine del secondo trimestre del 2022, la Federal Reserve aveva perso 720 miliardi di dollari mentre la Bank of England aveva perso 241 miliardi di dollari. La Banca centrale europea sta attualmente rivedendo le sue finanze e si prevede che subirà sostanziali perdite.

Secondo Politico la Banca centrale europea, la Federal Reserve statunitense, la Banca d’Inghilterra, la Banca nazionale svizzera e la banca centrale australiana «affrontano ora sostanziali perdite per oltre mille miliardi di dollari collettivamente, poiché le obbligazioni un tempo redditizie si trasformano in passività».

Se una banca centrale subisce una perdita, può colmare il divario utilizzando eventuali riserve disponibili degli anni precedenti o richiedendo l’aiuto di altre banche centrali. Similmente a una banca commerciale, può incontrare notevoli difficoltà; tuttavia, una banca centrale ha la possibilità di rivolgersi ai governi come ultima risorsa. Ciò implica che il buco sarà pagato dai contribuenti e i costi sono astronomici.

L’ondata di distruzione monetaria che potrebbe derivare da un nuovo record nel debito globale, enormi perdite nelle attività della banca centrale e l’emissione di valute digitali, trova solo un vero rifugio sicuro con secoli di comprovato status di riserva di valore: l’oro. Questo perché le banche centrali sono consapevoli che i governi non stanno tagliando la spesa in deficit.

Questi numeri evidenziano l’enorme problema causato dal recente uso eccessivo del quantitative easing. Poiché non erano consapevoli della realtà della solvibilità dell’emittente, le banche centrali sono passate dall’acquisto di attività a basso rischio a prezzi interessanti, all’acquisto di qualsiasi obbligazione sovrana a qualsiasi prezzo.

Perché le banche centrali aumentano i loro acquisti di oro proprio mentre le perdite compaiono nei loro bilanci? Per aumentare il loro livello di riserva, ridurre le perdite e prevedere in che modo le valute digitali di nuova creazione possono influenzare l’inflazione. Poiché l’acquisto di obbligazioni sovrane europee o nordamericane non riduce il rischio di perdere denaro se l’inflazione rimane elevata, è molto probabile che l’unica vera opzione sia acquistare più oro.

Le banche centrali dei Paesi industrializzati si sforzeranno di ridurre i loro bilanci per combattere l’inflazione, ma scopriranno anche che i beni che possiedono continuano a deprezzarsi. Una banca centrale che sta perdendo denaro non può espandere immediatamente il proprio bilancio o acquistare più obbligazioni sovrane. È stata tesa una trappola della liquidità. L’allentamento quantitativo e bassi tassi di interesse sono necessari per valori più elevati delle attività, ma un’ulteriore liquidità e restrizioni finanziarie potrebbero prolungare le pressioni inflazionistiche, che aumenterebbero quindi la pressione sui prezzi delle attività.

L’idea che stampare denaro non avrebbe portato all’inflazione è stata la base del miraggio monetario. L’evidenza del contrario, ora dimostra che le banche centrali si trovano di fronte a una seria sfida: non sono in grado di sostenere l’espansione multipla e l’inflazione dei prezzi delle attività, abbassare i prezzi al consumo e allo stesso tempo finanziare la spesa pubblica in deficit.

Quindi, perché l’oro? Perché un nuovo paradigma nella politica emergerà inevitabilmente come risultato dei disastrosi effetti economici e monetari di anni di eccessivo allentamento, e né i nostri guadagni reali né i nostri risparmi sui depositi ne trarranno beneficio. Sfortunatamente, le banche centrali sono state costrette dai governi a scegliere la repressione finanziaria quando è stata data loro l’opzione del denaro sonante.

L’unico motivo per cui le banche centrali acquistano oro è proteggere i propri bilanci dai propri programmi di distruzione monetaria; non hanno altra scelta che farlo.

 

Daniel Lacalle, Ph.D., è capo economista presso l’hedge fund Tressis e autore di «Libertà o uguaglianza», «Fuga dalla trappola della banca centrale» e «La vita nei mercati finanziari».

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Central Bank Losses Make Them Buy Record Amounts of Gold

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri
Durante la grave epidemia di Covid-19, le pompe funebri in Cina hanno reclutato attivamente nuovi dipendenti e personale ...
Leggi >
 

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti
La Cina, il Paese più popoloso del mondo, ha raggiunto un punto di svolta nella storia poiché ha ...
Leggi >
 

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York
NEW YORK - La parata per il Capodanno lunare dei praticanti del Falun Gong organizzata il 21 gennaio ...
Leggi >
 

La produzione cinese diminuirà drasticamente

La produzione cinese diminuirà drasticamente
La Cina è da sempre considerata un importante Paese manifatturiero, che svolge un ruolo centrale nella divisione industriale ...
Leggi >