Le politiche ‘green’ vogliono «rifare l’economia» e «giustificare il controllo sulle persone»

Di Ella Kietlinska e Joshua Philipp

Il Green New Deal non preoccupa nessuno ma dovrebbe. Perché include le politiche più radicali, che possono trasformare l’economia in un’economia socialista e consentire al governo di rafforzare il controllo sulla società. Questo è quanto afferma l’esperto Hayden Ludwig, ricercatore investigativo senior presso il Capital Research Center negli Usa.

«Secondo me il Green New Deal non ha nulla a che fare con il cambiamento climatico, né con il riscaldamento globale, né con l’ambiente. Ha invece tutto a che fare con la ricostruzione degli interi Stati Uniti a immagine della sinistra radicale», spiega Ludwig al programma Crossroads di Epoch Times.

Saikat Chakrabarti, ex capo dello staff di Alexandria Ocasio-Cortez, nel 2019 ha dichiarato al Washington Post: «La cosa interessante del Green New Deal […] è che in origine non era affatto una questione di clima, […] pensavano davvero a come fare a cambiare l’intera economia».

Un organizzatore di una campagna per Friends of the Earth ha dichiarato in una conferenza delle Nazioni Unite: «Una risposta ai cambiamenti climatici deve avere al centro una ridistribuzione di ricchezza e risorse», secondo il libro «Red Hot Lies» di Christopher Horner.

I democratici alla Camera hanno proposto un pacchetto infrastrutturale che includerebbe circa 1 trilione di dollari per strade, ponti, linee ferroviarie, stazioni di ricarica per veicoli elettrici e rete cellulare, tra gli altri elementi. L’obiettivo dichiarato è facilitare il passaggio a un’energia più pulita migliorando la competitività economica.

Una seconda componente del pacchetto proporrebbe benefici per i lavoratori, tra cui community college gratuito, asilo nido universale e congedo familiare retribuito.

Il leader della minoranza al Senato, Mitch McConnell, (R-Ky.), riferendosi al pacchetto ha affermato: «Hanno pubblicato una proposta che è tentacolare e finge di essere un conto autostradale, ma in realtà è solo un cugino di molte migliaia di pagine del Green New Deal. Stiamo sentendo che i prossimi mesi potrebbero portare una cosiddetta proposta di ‘infrastruttura’ che potrebbe effettivamente essere un cavallo di Troia, per massicci aumenti delle tasse e altre politiche di sinistra che uccidono il lavoro».

«Se si legge il testo [del Green New Deal, ndr] di qualche anno fa, si troveranno riferimenti ad argomenti che funzionano da ‘foglia di fico’, come il riscaldamento globale, per poi passare immediatamente alle cose delle quali vogliono davvero parlare. Ovvero di “combattere la crescente disparità di reddito” e di “giustizia ambientale”, che è davvero un modo per dire “riparazione delle comunità nere perché sono state sistematicamente oppresse dalle comunità bianche” e questo non ha nulla a che fare con l’ambiente», sottolinea Ludwig.

Ludwig ha anche spiegato che la «giustizia ambientale» è il concetto marxista di oppressore e oppresso applicato al riscaldamento globale: «Ricchi inquinatori, giusto, quelli sono persone che possiedono case, persone che possiedono più auto, che per la natura del loro inquinamento opprimono le persone oppresse – che sarebbero persone povere che vivono in comunità povere, che sono minoranze etniche. In questo modo qualsiasi tipo di ridistribuzione radicale, programma di riparazione [può essere giustificato, ndr] sottolineando che è tutto legato al clima».

La creazione di un conflitto tra «l’oppressore» e «l’oppresso» è al centro della dottrina marxista. «I marxisti fondamentalmente vedono il mondo in termini di una classe oppressiva che opprime una classe oppressa, e quella era la classe capitalista che opprimeva il proletariato, la classe operaia. Non ha funzionato davvero». La stessa dicotomia tra oppressore e oppresso è stata applicata a razze come i bianchi e i neri o altre persone non bianche, o uomini e donne, conclude Ludwig.

L’ambientalismo porta al controllo della popolazione

Ambientalisti organizzano una marcia di protesta dal Campidoglio degli Stati Uniti a Washington il 29 aprile 2017. (Astrid Riecken / Getty Images)

Ludwig ha spiegato anche che «il vero ambientalismo porta al controllo della popolazione» e di aver tratto questa conclusione dopo aver rintracciato «le origini dell’ambientalismo al movimento eugenetico e pro-aborto, in breve, il movimento per il controllo della popolazione del 20esimo secolo».

Secondo Ludwig, il Green New Deal consente al governo federale di giustificare le politiche che controlleranno il modo in cui le persone viaggiano, come mangiano e quanti figli hanno: «Ecco perché è così pericoloso. È un mandato a tempo indeterminato per la trasformazione più radicale che abbiamo mai visto proposta. Credo che c’è una ragione per cui il Partito Democratico sta spingendo così tanta politica ambientale radicale in questo momento, al contrario di qualsiasi altra cosa, come il Medicare For All, e la mia teoria è che si rendono conto che questo è il modo più veloce per ottenere l’importo del potere che vogliono sulla vita delle persone. Se riesci a vendere a qualcuno che “se non passi questa misura, muori, il mondo intero va in fumo”, per così dire, se riesci a superarlo, puoi giustificare quello che vuoi», afferma.

Il socialismo tradizionale come in Cina, cerca il potere su tutto ciò che le persone fanno e «l’ambientalismo è l’unica ideologia che conosco che va ancora di più oltre; dà al governo il potere dei tuoi stessi geni, su quello che si può respirare – voglio dire, un tipo di controllo a livello cellulare. È la cosa più estrema che abbiamo mai visto», esclama Ludwig.

Ludwig ha citato il regista e attivista Michael Moore, che nel suo documentario del 2019 «Planet of the Humans», sottolinea che se si considera seriamente di salvare il pianeta bloccando il cambiamento climatico, e se come vogliono gli ambientalisti si esclude tuttavia l’opzione dell’energia nucleare priva di carbonio, «allora quello che ti rimane è ridurre al minimo il numero di esseri umani rimasti sul pianeta. Non c’è altro modo per ridurre le emissioni di anidride carbonica a meno di massicci schemi di controllo della popolazione. Dobbiamo diffidare di queste cose perché finiranno per controllare quanti bambini puoi avere», spiega Ludwig, sottolineando che ci sono organizzazioni che sostengono queste politiche sin dagli anni 60, come Population Connection.

La descrizione nel suo sito web riporta che Population Connection è stata fondata nel 1968 con il nome di Zero Population Growth (Zpg) con la missione di «sensibilizzare l’opinione pubblica sul legame tra la crescita della popolazione e il degrado ambientale e, a sua volta, incoraggiare le persone ad avere famiglie più piccole» limitate a due bambini.

L’organizzazione ha cambiato nome nel 2002, ma la sua «missione non è mai cambiata», il sito web afferma che il cambio di nome ha permesso all’organizzazione di ottenere l’accesso a Capitol Hill, alle scuole pubbliche e ad attrarre membri e sostenitori più giovani.

Originariamente lo Zpg prendeva di mira la classe media bianca perché «la maggioranza della classe media bianca utilizza più della propria quota di risorse e fa più della propria quota di inquinamento», ha scritto nel 1970 al Zpg National Reporter, Paul Ehrlich, professore emerito di studi sulla popolazione alla Stanford University di Bing. Successivamente, l’organizzazione ha deciso di estendere il suo messaggio «ai ricchi, ai poveri e alla classe media».

A febbraio, i rappresentanti Earl Blumenauer (D-Ore.) e Alexandria Ocasio-Cortez (D-NY.), con il sostegno del senatore Bernie Sanders (I-Vt.), hanno introdotto il National Climate Emergency Act, che concede al presidente «enormi capacità di rispondere a un’emergenza», ha scritto Ludwig per il Capital Research Center.

A gennaio, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (D-NY.) ha dichiarato a Msnbc: «Penso che potrebbe essere una buona idea per il presidente Biden dichiarare un’emergenza climatica. Quindi sotto i poteri di emergenza, il presidente può fare molte, molte cose, anche facendo a meno della legislazione».

Affidarsi all’energia rinnovabile

Pannelli solari montati sul tetto del Los Angeles Convention Center di Los Angeles, in California, il 5 settembre 2018. (Mario Tama / Getty Images)

Ludwig ha spiegato poi che le fonti di energia rinnovabile come le turbine eoliche o i pannelli solari, richiedono un’enorme quantità di terra, e che applicarle su larga scala potrebbe portare alla deforestazione totale degli Stati Uniti. Le turbine eoliche hanno bisogno di fondamenta costruite con centinaia di tonnellate di cemento incorporate molto in profondità nella terra, tonnellate di acciaio e di cavi in ​​rame, alcuni dei quali devono essere sostituiti dopo un decennio e non vengono facilmente riciclati: «Le cose che dovrebbero salvare il pianeta, in realtà lo stanno solo inquinando con tutti i tipi di materiali in eccesso, risorse che avrebbero potuto essere utilizzate meglio altrove».

Le fonti di energia rinnovabile come quella eolica e solare, sono notoriamente inaffidabili perché ci sono momenti in cui il sole non splende o il vento non soffia. Pertanto, qualsiasi rete elettrica che utilizza l’energia solare o eolica deve includere forme di energia affidabili e costanti come l’energia nucleare, il gas naturale, il petrolio o il carbone. Finora non esiste una tecnologia che consenta di immagazzinare su larga scala l’energia prodotta da fonti intermittenti.

La rete elettrica non funziona come un dimmer per lampadine, che può accettare meno energia e dare meno: «È molto più simile a un computer o a un televisore. Se non fornisci esattamente la quantità minima di elettricità richiesta alla rete in ogni momento, semplicemente si spegne», conclude Ludwig.

 

Articolo in inglese: ‘Green’ Policies Are to Remake Economy and Justify Control Over People: Expert



 
 
 

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità
Taiwan nell'Assemblea Mondiale della Sanità? Secondo il segretario di Stato americano Antony Blinken, l'Oms deve invitare anche Taiwan ...
Leggi >
 

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez
L’autore dell’articolo, Gigi Morello, è nato a a Torino e ha vissuto diversi anni negli Usa. Musicista, didatta e ...
Leggi >
 

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus
Recentemente, un utente della Cina continentale di nome 'v64500' ha scritto sul forum online 'V2EX' che il suo ...
Leggi >
 

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia
Il presidente Joe Biden ha affermato che la condanna di Derek Chauvin ha aperto gli occhi al mondo ...
Leggi >