Le «ragioni sinistre» dietro l’insegnamento del sesso e del genere ai bambini

Di Masooma Haq e Stefania Cox

Durante il lockdown, i genitori in America hanno potuto rendersi conto che parte di ciò che veniva insegnato ai loro figli era inappropriata, compreso l’insegnamento del sesso e del genere a bambini molto piccoli.

Alex Newman, giornalista, educatore e coautore del libro «Crimes of the Educators: How Utopians stanno Using Government Schools» ha affermato che questo tipo di curriculum viene utilizzato intenzionalmente per indottrinare i bambini piccoli ed è diventato progressivamente più radicale con il tempo.

Il tutto è progettato per far sì che i bambini adottino determinati atteggiamenti, valori e credenze nei confronti della sessualità e delle questioni di genere, che vanno contro la biologia e i valori tradizionali: «Con ogni generazione che passa, il contenuto è diventato sempre più forte. Il contenuto è diventato sempre più radicale, i valori promossi sono stati sempre più esplicitamente valori anti-tradizionali, anticristiani e anti-famiglia e penso che qui ci sia davvero un motivo molto sinistro», ha affermato Newman a Ntd Evening News durante una recente intervista. L’obiettivo principale di un tale curriculum è quello di minare la famiglia nucleare: «E uno dei modi in cui ciò accade è minare la moralità tradizionale e i valori tradizionali associati al sesso. Ma quello che sta succedendo nelle scuole è che il sesso viene svalutato, sta diventando qualcosa che è solo una questione di piacere, qualcosa che chiunque può fare in qualsiasi momento, purché ci sia il consenso. Questo è il nuovo assoluto morale: finché c’è il consenso, tutto può succedere con chiunque, potrebbe essere anche con più partner».

Newman spiega che i marxisti hanno utilizzato l’educazione sessuale almeno dagli anni ’10 per raggiungere gli obiettivi dichiarati. Georg Lukacs, un marxista ungherese che è stato vice commissario per l’istruzione nel 1919 durante la Repubblica sovietica ungherese, ha introdotto l’educazione sessuale ai bambini a livello elementare. «Questo è stato durante il regime di Bela Kun quando c’era il regime comunista bolscevico che ha messo radici in Ungheria per un breve periodo, sotto la guida del commissario alla cultura e all’istruzione Georg Lukacs, e quello che voleva fare (ed è stato molto esplicito su questo) era [usare, ndr] una sorta di terrorismo psicologico sotto forma di educazione sessuale esplicita per cercare di abbattere i valori morali di questi bambini ungheresi. Non potevano iniziare subito negli anni ’20, ’30 e ’40 insegnando ai bambini ad avere più partner sessuali, insegnando ai bambini che potrebbero essere nati nel corpo sbagliato e che se mutilano i loro genitali possono essere di un nuovo genere, o che dovessero uscire e sperimentare l’omosessualità, sarebbe stato assolutamente proibito».

Newman ha affermato che l’obiettivo della sinistra è sempre stato quello di mettere il «governo» al posto del nucleo familiare, «con lo Stato come influenza primaria nella vita del bambino, in termini di trasmissione dei valori, in termini di trasmissione della morale, in termini di tramandare la cultura».

In risposta a questo tipo di curriculum radicale, molti Stati hanno iniziato ad attuare leggi per proteggere i diritti dei bambini e dei genitori. Il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato la Legge sui diritti dei genitori nell’istruzione, fortemente criticata da parte dei progressisti, ma sostenuta dalla maggior parte dei genitori della Florida.

La legge proibisce ai distretti scolastici di discutere dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere dall’asilo fino alla terza elementare, o in ogni caso in un modo che non sia adeguato all’età o allo sviluppo degli studenti. I critici l’hanno soprannominata la legge «Non dire gay» e hanno sensazionalizzato il suo contenuto sostenendo che fosse mosso da un sentimento di odio nei confronti delle persone transgender e gay.

Un sondaggio Golden/Tipp ha rilevato che oltre la metà dei 1.305 adulti intervistati è d’accordo o fortemente d’accordo con la legge della Florida che vieta l’insegnamento agli alunni della scuola elementare di questioni relative all’orientamento sessuale e all’identità di genere. I risultati del sondaggio sono stati i seguenti: il 37% è fortemente d’accordo con il divieto, il 20% è in qualche modo d’accordo, l’11% in qualche modo non è d’accordo, il 20% è fortemente in disaccordo e il 12% non era sicuro.

Nel frattempo, i critici della legge della Florida, incluso il capo sindacale della Federazione americana degli insegnanti, Randi Weingarten, hanno definito la legge della Florida «propaganda» e «disinformazione» durante un’intervista sul podcast di Rick Smith mese scorso: «Questo è il modo in cui iniziano le guerre. Questo è il modo in cui inizia l’odio».

In base alla nuova legge, ai distretti scolastici della Florida è inoltre vietato nascondere determinate informazioni ai genitori, soprattutto quando si tratta di decisioni che riguardano il benessere mentale, emotivo o fisico dei propri figli. Le scuole non possono inoltre condurre un questionario o uno screening sanitario su uno studente nei gradi K-3 senza prima aver ricevuto il consenso dai genitori dello studente.

Tuttavia, Weingarten ha affermato che questa legge è ingiustificata e motivata politicamente: «Invece di farlo, questi ideologi di destra stanno solo cercando di creare paura, ansia e rabbia, sfruttando questa paura che i genitori hanno già per vincere le elezioni e porre fine all’istruzione pubblica come la conosciamo. Stanno usando la politica, creando intense ramificazioni a lungo termine, dannose, crudeli e politiche».

 

Articolo in inglese: The Teaching of Sex and Gender to Young Children Has ‘Sinister Motive’: Alex Newman

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >