L’era dei soldi facili è finita

Di Jeffrey A. Tucker

Ciò che è iniziato nel 2008 ed è continuato per quasi 14 anni sembra finalmente volgere al termine. L’era del denaro e del credito a buon mercato è finita.

È difficile comprenderne le implicazioni. Interesserà tutto il complesso della vita lavorativa e delle finanze personali. Cambierà radicalmente le decisioni finanziarie e influenzerà anche la cultura. Equivarrà a un ritorno al buon senso, agli investimenti di valore e alle società che devono effettivamente realizzare un profitto alla vecchia maniera.

Non si tratta solo dei licenziamenti nelle Big Tech, anche se quelli sono molto reali: Amazon sta licenziando 10 mila lavoratori a livelli dirigenziali, che tutti nell’America aziendale sanno essere le persone più inutili in qualsiasi attività commerciale. Si sono gonfiati oltre dimensioni ragionevoli a causa di risorse apparentemente infinite e valutazioni azionarie in costante aumento basate su nient’altro che reputazioni gonfiate.

Questi tagli si stanno verificando in ogni grande azienda che ha raggiunto dimensioni gigantesche. Twitter è stato solo l’inizio perché in seguito anche Facebook (ops, Meta) ha annunciato la stessa cosa, mentre molte altre aziende che vivevano di entrate pubblicitarie su internet stanno sperimentando contrazioni della redditività mentre gli Stati Uniti si dirigono verso una solida recessione (tra qualche mese diventerà ovvio che ci sono già).

Colpisce inoltre anche il settore immobiliare, i cui mercati residenziali si stanno già congelando. E gli immobili commerciali nelle grandi città sono colpiti in modo simile, in particolare gli edifici che sono pieni solo a metà. In mancanza di un mercato degli acquirenti, i prezzi dovranno scendere rispetto a dove sono oggi, anche se è probabile che rimangano gonfiati rispetto alle valutazioni del 2019 a causa dell’inflazione persistente che si sta calmando solo molto gradualmente.

L’enorme questione oggi riguarda il tasso di rendimento del posto più sicuro dove parcheggiare e trasferire denaro, vale a dire il debito degli Stati Uniti. Da quasi un decennio e mezzo i tassi di interesse a breve termine sono negativi. Questo è senza precedenti. Equivale alla politica monetaria più accomodante possibile. Incentivando il capitale a inseguire qualsiasi cosa tranne la prudenza e scoraggiando il risparmio in tutte le sue forme, la finanza ha ricevuto un enorme impulso. Ma anche tutto il resto, incluse le criptovalute.

Guardando indietro, sembra ovvio che la mania per il rischio estremo, l’atteggiamento del ‘chissenefrega’ in merito al ritmo di espansione del business, l’ambiente dei ‘fagioli magici’ della tecnologia digitale, le affermazioni secondo cui la società è riuscita in qualche modo a mercificare l’attenzione senza impegnare risorse, senza menzionare la spesa pubblica fuori controllo: tutto questo è stato sostenuto dalle politiche dei tassi di interesse a zero adottate dopo l’ultimo crollo del mercato immobiliare.

L’innovazione forse sembrava a costo zero. Ben Bernanke ha avuto l’idea: portare i tassi a zero per risparmiare il sistema finanziario e l’ambiente macroeconomico, ma sopprimere la normale inflazione che seguirebbe, mediante un trucco contabile. La Fed pagava alle banche un tasso superiore a quello di mercato perché potessero mantenere i propri asset presso la Fed, il che le metteva sotto chiave per impedire loro di creare pressioni inflazionistiche. Per questa grande innovazione, è stato annunciato come un genio.

Qual è stato il lato negativo? Per un po’ è sembrato che non ce ne fosse nessuno. I risparmi non sono crollati completamente oltre il loro livello precedente semplicemente perché l’inflazione era sotto controllo. Eppure tenere il denaro nelle casse del Tesoro non portava a guadagni. Quindi denaro e capitale sono andati a caccia selvaggia per tutti gli anni 2010, tempi in cui tutto sembrava possibile sia nella finanza che nel governo. I tassi erano zero, le case erano convenienti e il credito era abbondante per tutto e tutti.

Ogni ragazzo poteva andare in qualsiasi college e accumulare sei cifre di debito apprendendo una teoria sociale quasi marxista e portandola sul posto di lavoro dove aziende di lusso lo avrebbero impiegato con stipendi alti per essere intelligente su Slack e promuovere la filosofia woke. È stato in questo periodo che il mondo accademico era pieno di soldi e non doveva più preoccuparsi dei clienti; così ha iniziato la grande epurazione dei pensatori conservatori o di chiunque contestasse qualsiasi aspetto della nuova religione.

Così è andata anche nel mondo aziendale, che è arrivato a respingere preoccupazioni antiquate come servire clienti e azionisti e ha invece spinto la filantropia e l’allineamento con la giustizia sociale e climatica. È stato questo ambiente di abbondanza infinita che ha incoraggiato questo fenomeno, semplicemente perché le possibilità sembravano illimitate e non sembrava esserci alcun costo.

È stato proprio durante questo periodo di illusioni alimentate dal cash che sono stati adottati gli approcci Esg (environmental, social, governance) e Dei (diversity, equity, inclusion) dai migliori e più brillanti come preoccupazioni centrali nella vita aziendale, e gli esperti del World Economic Forum erano a disposizione per dire che far quadrare i conti non è altrettanto importante quanto dare mostra di tutte le giuste virtù. E i media hanno sostenuto questa mania ad ogni passo.

Tutto questo è stato reso possibile dal piano di Bernanke. Per apprezzare quanto fosse radicale, possiamo osservare i dati dalla fine della seconda guerra mondiale, correggendo il tasso dei fondi federali in base all’inflazione. Guardando i dati in questo modo, si nota che i tassi sono entrati molto raramente in territorio negativo, tranne negli anni ’70 a causa dell’elevata inflazione. Ma una volta risolto il problema, i tassi hanno premiato i risparmiatori e mantenuto la razionalità economica in prima linea dagli anni ’80 ai ’90. Questi tempi sono stati denunciati come capitalismo da cowboy, ma la verità è che i risparmi erano alti e gli investimenti di valore erano popolari. La prosperità di quegli anni era su basi più solide di tutto ciò che seguì.

Dopo il 2008, c’è stato il caos. Siamo precipitati sempre più nell’abisso dei tassi negativi. La stessa Fed ha ingigantito un bilancio come mai prima d’ora, infilando di fatto attività con prestazioni inferiori in ogni armadio e riempiendo anche il seminterrato.

Era insostenibile, ovviamente, e la Fed ha pianificato una fuga iniziata nel 2019. Non è durata grazie alla risposta alla pandemia, che ha invitato la Fed a fare l’impensabile: è diventata più pazza di prima. Questa volta la destinazione del nuovo denaro era diversa. Invece di celle frigorifere, il nuovo denaro ha inondato le strade come denaro caldo, da spendere subito.

Il nodo Bernanke è finalmente tornato al pettine, 14 anni dopo e in seguito a enormi danni alle strutture economiche, ai mercati finanziari, agli orizzonti temporali e alla cultura in generale. Tutto ciò che era orribile aveva goduto di un vasto sussidio finanziario: fasulle abbuffate ideologiche aziendali, false credenziali, filosofia socialista alla moda e cattiva scienza. La politica apparentemente gratuita di Bernanke ha creato un mondo scardinato dalla realtà.

Dopo tutti questi anni, ora ne vediamo il costo in livelli intollerabili di inflazione. La Fed deve porre fine a tutto ciò aumentando i tassi reali sopra lo zero. Ciò richiederà molto di più di quello che ha fatto finora. E per riparare davvero i danni saranno necessari molti anni di risanamento dei bilanci, un rimpasto della forza lavoro, passando di nuovo da posti di lavoro falsi a posti di lavoro veri e un ritorno alla sanità mentale nei mercati finanziari e nella cultura aziendale.

Jerome Powell lo farà? È molto probabile. Non vuole che la sua eredità sia quella di un banchiere centrale che ha devastato il valore del dollaro. Vuole essere ricordato come un Paul Volcker che ha fatto scelte difficili anche se il mondo intero gli urlava contro. Wall Street oggi continua a sperare in una tregua dalla guerra all’inflazione, ma spera contro ogni speranza. Powell ha ancora molta strada da fare.

Inizia così la nuova era dello scarso denaro. Difficile pensare a un finale poetico migliore per l’era dell’eccesso della disgrazia dello sciocco Sam Bankman-Fried e della sua allegra banda di imbonitori e drogati che hanno ingannato l’intera classe dirigente facendole credere di avere una sorta di Mida che con un tocco crei denaro per finanziare tutte le cause che l’estrema sinistra considera sante. Ftx è morta di una morte rapida e favolosa, e con essa i sogni di un pool completamente woke di finanziamenti infiniti.

Il passaggio dalla fantasia alla realtà sarà estremamente doloroso, non solo finanziariamente ma anche psicologicamente per un’intera generazione che immaginava di poter vivere una vita libera da tutte le norme e le regole del passato. La verità è che il mondo basato sul dollaro ha vissuto una bugia di 14 anni. Quella verità sarà una pillola dura da ingoiare, più difficile da digerire di Adderall, più difficile da giocare di League of Legends, ma molto più in linea con una prosperità sostenibile a lungo termine.

 

L’autore dell’articolo, Jeffrey A. Tucker, è il fondatore e presidente del Brownstone Institute e l’autore di molte migliaia di articoli sulla stampa accademica e popolare, oltre a 10 libri in cinque lingue, il più recente “Liberty or Lockdown”. È anche l’editore di The Best of Mises. Scrive una rubrica quotidiana di economia per Epoch Times americano e parla ampiamente di argomenti di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: The Age of Easy Money Is Over

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >